La salute sessuale nel cancro è ancora spesso sottoesposta

La salute sessuale nel cancro è ancora spesso sottoesposta

Nella Cancer Referral Guide, tu come operatore sanitario troverai tutte le forme di cure, trattamenti e consigli aggiuntivi di cui i pazienti potrebbero aver bisogno a causa del cancro (trattamento). Lo stesso vale per il gruppo professionale di sessuologi. In un’intervista, Ilaniek Zantingh, psicologa della salute e sessuologa NVVS che lavora presso l’Antoni van Leeuwenhoek, spiega cosa può fare per i pazienti e i loro partner.

Se ti viene diagnosticato un cancro, non sorprende che la sessualità e l’intimità passino temporaneamente in secondo piano. Ma man mano che la vita avanza e c’è di nuovo spazio per lei, le cose potrebbero rivelarsi cambiate. Sia fisicamente che emotivamente e relazionalmente. (Ricerca NFK2017)

Parlare di sesso nello studio del dottore

Zantingh trova i numeri Ricerca NFK sull’impatto del cancro sulla sessualità e l’intimità è rivelatore: “Più di due terzi (67%) dei quasi 3.000 intervistati ha indicato che la loro sessualità e intimità erano peggiorate dopo la diagnosi di cancro. E quasi il 60% ha dichiarato di non essere soddisfatto della propria vita sessuale. E poi mi stupisco che in ufficio ci sia ancora un tabù sul tema della sessualità e del cancro. Non solo molti medici e infermieri trovano questo argomento difficile, ma anche i pazienti stessi. Le persone spesso hanno domande sul sesso e sull’intimità, ma trovano difficile chiedersele, quindi vogliono che medici e infermieri prendano l’iniziativa.
Nella mia visione ideale del futuro, ogni malato di cancro riceve cure onco-sessuologiche di base da medici specialisti e infermieri. Ciò significa che affrontano il tema della sessualità, proprio come argomenti come l’incontinenza, la stanchezza o il linfedema. Informare sulla sessualità e parlarne può essere già molto utile per i pazienti: dà spazio e conferma che la sessualità ne fa semplicemente parte.

Iniziare la cura del cancro di base dopo la diagnosi

Fortunatamente, c’è movimento nell’assistenza onco-sessuologica: ad esempio, ci sono infermieri di urologia che si stanno formando per diventare consulenti di salute sessuale. Forniscono un trattamento a breve termine agli uomini con problemi di erezione, finalizzato al recupero erettile. C’è anche un pilota nazionale in un certo numero di ospedali per persone appositamente addestrate Infermieri SPARC che accompagnano le persone con tumore ginecologico dopo la radioterapia. Viene esaminato se questi suggerimenti portino a un migliore recupero sessuale, come maggiore eccitazione e soddisfazione sessuale, meno dolore durante il sesso e meno senso di colpa per i problemi sessuali.

READ  UNWTO: corona in fase “endemica”, test non più necessari

Assicurati di sapere cosa vuole il paziente

Penso che queste siano ottime iniziative, perché l’assistenza sessuale non può essere fornita solo dai sessuologi, siamo semplicemente troppo pochi per questo. È importante che le cure onco-sessuologiche di base vengano fornite preferibilmente all’inizio del processo, dopo la diagnosi, in ambulatorio. E questo spesso inizia con l’informare i pazienti delle possibili conseguenze sessuali delle varie opzioni terapeutiche. E sapere cosa è importante per il paziente: qualcuno a cui piace ancora essere sessualmente attivo può fare scelte diverse rispetto a qualcuno che lo trova meno importante. Molto spesso, anche l’impatto è incalcolabile. Poi i pazienti dicono: il dottore ha detto che potrei diventare incontinente, ma non mi ero reso conto di com’era dover indossare un pannolino tutto il giorno e cosa ha fatto alla mia immagine sessuale di me stesso. Ecco perché è così importante parlarne, in modo che le persone possano prendere decisioni più informate sul trattamento e conoscere le possibili conseguenze.

Cosa fa il sessuologo

Come terapista sessuale, guardo al quadro generale della salute sessuale. Ciò include lamentele sul funzionamento sessuale come problemi di erezione, dolore durante i rapporti a causa di una vagina secca, disturbi legati alla menopausa, mancanza di senso del sesso, mancanza di eccitazione e problemi di orgasmo. Inoltre, discuto le conseguenze emotive del cancro sulla salute sessuale, come l’insicurezza (sono ancora attraente per il mio partner ora che il mio corpo è cambiato), non fare sesso perché c’è la paura che il cancro ritorni, un sé negativo -immagine, piangendo per la persona che eri prima del cancro. E infine l’attenzione è rivolta alla relazione: è cambiata, come vivi il cambiamento e di cosa si tratta? Tutto basato sull’idea che un buon recupero sessuale dopo il cancro contribuisca a una migliore qualità della vita.

Il sesso non è solo fare sesso

Quando pensiamo al sesso, spesso pensiamo alla penetrazione. Ma include molto di più: lussuria, eccitazione, desideri sessuali, sentimenti e desideri, erotismo. A volte il rapporto sessuale non è più possibile dopo il trattamento del cancro e quindi guardo a ciò che è ancora possibile con il paziente. Senza un pene puoi ancora essere eccitato, senza un’erezione puoi ancora avere un orgasmo, e con un’amputazione puoi anche goderti il ​​tuo corpo. Le donne in cura per il cancro al seno sensibile agli ormoni spesso non hanno libido. Poi chiedo: quali sono stati alcuni buoni incentivi per farti emozionare in passato? Spesso sono completamente chiusi ad esso. Leggere ogni sera un brano di un libro erotico, ad esempio, può già aiutare a far tornare un po’ di voglia.

READ  "Pensare intensamente avvelena il tuo cervello"

Quando vai dal sessuologo?

Zantingh spiega: “Ci sono pazienti la cui sessualità (temporaneamente) passa in secondo piano dopo il trattamento del cancro. Altri pazienti hanno più intimità rispetto a prima del cancro e sono anche più sessualmente attivi rispetto a prima. Non devi necessariamente essere (mentalmente) pronto per l’attività sessuale, a volte questo fa parte del problema e parlare insieme può fornire spazio per esplorare come puoi (temporaneamente) riconnetterti in un modo diverso. Per evitare di perdersi. Se guardiamo al lato funzionale, è importante non aspettare troppo a lungo con i trattamenti se le persone scelgono di iniziare un percorso di riabilitazione sessuale. Gli uomini con problemi di erezione possono iniziare ad attivare il tessuto erettile con una pompa a vuoto già 6 settimane dopo l’intervento. Le donne con cancro ginecologico che ricevono radioterapia spesso hanno a che fare con cicatrici nella vagina, che possono quindi sentirsi rigide. Se queste donne vogliono fare sesso in futuro, possono iniziare a inserire pelottes (barre per esercizi) 6 settimane dopo la radioterapia per mantenere la vagina accessibile “, afferma Zantingh.

Caso | Esponi in senso letterale e figurato

“Uno dei miei pazienti è un maschio di 53 anni con un cancro del retto esteso. Ha subito un intervento chirurgico e ora ha due stomi (uno per l’urina e uno per le feci) e non può più avere un’erezione. Dopo l’operazione, la sua relazione è finita. Lui mi chiedevo se avrebbe mai potuto avere un nuovo partner con tutti i suoi disturbi fisici.Inoltre, la sua autostima aveva subito un duro colpo ea volte era piuttosto scontroso Ho iniziato il trattamento offrendo tempo e spazio per accettare che il suo corpo non fosse più lo stesso, ma anche ciò che è importante per lui e ciò che può ancora fare. migliorato di conseguenza. Nel corso del tempo, si è avventurato nel mercato delle relazioni con più fiducia. Ha trovato abbastanza difficile determinare quando discutere della sua malattia e delle sue conseguenze con le sue nuove date E come discuterne Devi esporti sia in senso letterale che figurato Il passo successivo nel trattamento è stato discutere le possibilità di ottenere un’erezione con gli aiuti (si pensi alla pompa a vuoto con un anello o alle iniezioni nel pene), ma anche per avere rapporti sessuali non correlati: ad esempio, quali altre parti del corpo possono anche essere stimolate per essere ben eccitate e come si possono usare i giocattoli sessuali per questo? Il mio paziente è entrato in un periodo in cui ha sperimentato la datazione e ha scoperto che il suo “nuovo corpo” non era un ostacolo alla datazione. Ha scoperto che questo era stato più un ostacolo per lui che per i suoi appuntamenti. Gli ha fatto molto bene come persona e lo ha reso meno oscuro.

READ  Sanaa Akroud dona organi alla scienza

Maggiori informazioni

Le cure di un sessuologo che esercita in un ambiente ospedaliero sono rimborsate sul pacchetto base. Per questo è necessaria la richiesta di un medico specialista. Inoltre, i sessuologi delle cure primarie lavorano anche al di fuori dell’ospedale. Questi trattamenti non sono rimborsati dal pacchetto base, ma sono talvolta coperti da un’assicurazione aggiuntiva. I sessuologi inclusi nella Cancer Reference Guide sono tutti membri della Dutch Scientific Society for Sexology (NVVS).

Vedi la panoramica dei sessuologi nella Cancer Referral Guide qui.

E-learning Intimità e sessualità nel cancro per gli infermieri
Le persone malate di cancro possono sperimentare l’intimità e la sessualità in modo diverso a causa del cancro e/o delle conseguenze del trattamento. Gli infermieri hanno un ruolo importante da svolgere nell’informare e guidare il paziente attraverso questi cambiamenti. Per aiutare gli infermieri in questo compito, il Intimità e sessualità nel cancro sviluppato. L’e-learning tratta i seguenti argomenti:

  • influenza del cancro (trattamento) sull’intimità e sulla sessualità
  • parlare di intimità e sessualità
  • dare consigli sull’evoluzione dell’intimità e della sessualità
  • indirizzare i pazienti a cure specialistiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *