La terapia comportamentale aiuta a combattere la stanchezza intensa dopo il Covid-19

La terapia comportamentale aiuta a combattere la stanchezza intensa dopo il Covid-19

Le persone che rimangono molto stanche per molto tempo dopo il Covid-19 possono trarre beneficio dalla terapia cognitivo comportamentale. La ricerca olandese mostra che circa il 60% dei pazienti che hanno assunto la terapia era significativamente meno stanco dopo 17 settimane di trattamento. Potevano concentrarsi meglio e anche altri problemi fisici diminuivano. Questo effetto era ancora misurabile dopo sei mesi. Lo studio è apparso Lunedì sulla rivista scientifica Malattie infettive cliniche.

“I risultati sono coerenti con ciò che vediamo in altre condizioni in cui si verifica un grave affaticamento persistente, come dopo il cancro al seno e nella sclerosi multipla (SM) e nel diabete di tipo 1”, afferma il funzionario dello studio Hans Knoop, professore di psicologia medica all’UMC di Amsterdam. “La terapia cognitivo-comportamentale ha anche un effetto positivo su questi disturbi in alcune persone affaticate”.

Lo studio ha esaminato 114 persone che hanno continuato a provare grave affaticamento entro 3-12 mesi dopo aver sperimentato il Covid-19. Quasi tutti avevano contratto la malattia prima della vaccinazione. La metà di loro ha ricevuto terapia cognitivo-comportamentale, l’altra metà ha ricevuto le consuete cure: supervisione di un medico generico o specialista, fisioterapia e, se necessario, terapia occupazionale.

Una strana sensazione

Una delle partecipanti è Wendy van Iperen (52), una sobria neozelandese e proprietaria di un negozio di abbigliamento a Kapelle. “Ho avuto il Covid-19 per tre settimane e non sono migliorata. Dopo due ore di lavoro nel mio negozio, le mie gambe si sono infangate e le luci si sono spente, poi ho dovuto andarmene. Sdraiarmi e dormire. Uno strano sentimento, sono un lavoratore autonomo, non mi ammalo mai. Quando ho visto una pubblicità su Facebook per questo studio, ho subito chiamato e prima chiesto quale fosse la terapia cognitivo-comportamentale. Perché in realtà non era nella mia testa. Van Iperen ha deciso “Volevo essere in grado di gestire di nuovo il mio negozio e prendermi cura dei miei cavalli”.

READ  Il James Webb ha dimostrato che il Big Bang non è avvenuto?

Il trattamento per i partecipanti consisteva in un mix di moduli online e una media di dodici contatti con uno psicologo, secondo necessità via e-mail, telefono, videochiamata o faccia a faccia.

La terapia cognitivo-comportamentale non ha funzionato per tutti, ma ha funzionato per la maggioranza: il 60% dei partecipanti non era più seriamente affaticato dopo. Nel gruppo di controllo, questo era il caso solo nel 27% dei pazienti. I pazienti che hanno ricevuto la terapia sono stati in grado di concentrarsi meglio, lavorare e vedere meglio gli amici, e la mancanza di respiro e i problemi di sonno erano ancora meno che nel gruppo di controllo.

È andato a

Studi di follow-up dovrebbero mostrare se questi risultati si applicano anche in modo più ampio: si trattava principalmente di persone con post-covid che non erano state ricoverate in ospedale con Covid-19 e che si erano autosomministrate.

Anche Van Iperen si è ripreso. “Dovevo andare a letto e alzarmi a orari prestabiliti, e mi era permesso riposare durante il giorno, ma non dormire più. Era estremamente difficile. Mi è stato sempre insegnato ad ascoltare il suo corpo, ma questo non era più il caso ora. Nel contatto settimanale con lo psicologo, ad esempio, si trattava di come il tuo ambiente reagiva alle tue lamentele.

Ha anche imparato a misurare la sua energia. “All’inizio dovevo camminare cinque minuti al giorno e, ogni volta che potevo, potevo risparmiare fino a cinque minuti. Ora, dopo sette mesi di terapia, sono tornata al lavoro a tempo pieno e posso occuparmi dei miei cavalli e continuo a lavorare in giardino la sera. Di tanto in tanto mi manca ancora il fiato, ma per il resto sono completamente guarito. Non avrei mai pensato che la terapia cognitivo comportamentale potesse aiutare anche con questo tipo di disturbi.

Se pensi che qualcosa sia decisamente rotto, ha un impatto

Hans Button insegnante

Questo studio non fornisce una spiegazione per l’effetto positivo. Ma Knoop ha un’idea: “Pensiamo che una malattia, come il Covid-19 in questo studio, provochi stanchezza, e che a volte sia in parte mantenuta da certi atteggiamenti o abitudini. Questo potrebbe essere un modello di sonno disturbato, ad esempio, o il modo in cui le attività sono distribuite durante il giorno.

READ  Essere in forma? 9 x perché vuoi scegliere questa palestra

Anche il modo in cui qualcuno sperimenta la fatica e il dolore può svolgere un ruolo, afferma Knoop. “Ad esempio, se pensi che qualcosa sia permanentemente rotto a causa dell’infezione e non lo supererai mai, questo ha un impatto.”

Knoop è felice di dissipare un malinteso comune. “Il fatto che la terapia cognitivo comportamentale possa aiutare la stanchezza post-covid non significa che la causa sia psicologica, né che non ci sia una causa fisica. È importante che continuiamo a cercare la causa biologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *