La terapia ormonale nelle donne in postmenopausa riduce il rischio di malattia di Alzheimer

La terapia ormonale nelle donne in postmenopausa riduce il rischio di malattia di Alzheimer

Ciò che sospettavamo da tempo è ora scientificamente confermato. La ricerca del Pr Herman Depypere (UZ Gent), ginecologo e specialista in menopausa, e del Pr Harald Hampel (Università della Sorbona), neurologo e specialista nel morbo di Alzheimer, mostra che nelle donne portatrici di un farmaco specifico per un biomarcatore e che sono state in terapia ormonale per sei mesi , il rischio di malattie cerebrali diminuisce rapidamente.

“Questa è una scoperta importante per rilevare precocemente la malattia e far progredire la ricerca di un trattamento”, ha affermato il professor Depypere.

La menopausa accelera la demenza

Durante le sue consultazioni, Herman Depypere incontra donne che sperimentano quotidianamente gli effetti dannosi della menopausa. Hanno un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, osteoporosi, cancro al seno, ma anche demenza. Come ricercatore, ha cercato modi per rilevare queste malattie in una fase precoce, nella speranza di poterle curare preventivamente o precocemente. “Molte donne sono spesso ben aiutate dalla terapia ormonale per alleviare i sintomi tipici della menopausa come vampate di calore e sudorazioni notturne. Mi chiedevo se potessimo usare la terapia anche per combattere condizioni gravi come l’Alzheimer”.

Biomarcatore verso l’Alzheimer

Il suo collega, il professor Hampel, ha scoperto in ricerche precedenti che una persona con APO E4, un biomarcatore nel plasma sanguigno, ha sei volte più probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer. Questo biomarcatore è presente in circa il 20% delle donne all’inizio della menopausa. I due medici hanno quindi avviato insieme le indagini. Hanno somministrato alle donne con il noto biomarcatore una terapia ormonale in una fase iniziale della menopausa per sei mesi e le hanno confrontate con un gruppo di controllo di donne che non hanno ricevuto alcuna terapia. Già dopo sei mesi, è diventato chiaro che la terapia ormonale ha avuto un effetto chiaramente benefico nelle donne portatrici del gene che codifica per l’APO E4.

READ  Questi sono i sintomi di troppa vitamina B12

“La fertilizzazione incrociata di due discipline ha portato a un’importante scoperta per il morbo di Alzheimer”, afferma il prof. Hampel. “Ora sappiamo quali donne sono più a rischio della malattia e possiamo identificarle più rapidamente. Questo ci permette anche di andare oltre nella ricerca di un trattamento efficace”.

“Come passo successivo, i ginecologi potrebbero verificare la presenza di APO E4 nel sangue di tutte le donne in menopausa precoce”, spiega il professor Depypere. “Insieme ai neurologi, possiamo esaminare quali conseguenze potrebbe avere questa scoperta e su cosa abbiamo bisogno di maggiori informazioni. In ogni caso, questa pubblicazione su una rivista di spicco è un importante passo avanti nella lotta contro la demenza”.

Da 20 anni a 6 mesi

Circa 20 anni di ricerche approfondite su oltre 27.000 donne avevano già dimostrato che la terapia ormonale riduceva il rischio di malattia di Alzheimer. Ma fino ad ora non è stato chiaro come funzionasse esattamente il meccanismo alla base. Questo nuovo studio ha svelato il meccanismo del biomarcatore in sei mesi.

“Questa è una scoperta importante per rilevare precocemente la malattia e fare progressi nella ricerca di un trattamento”, afferma il Prof. Depypere Durante le sue consultazioni, Herman Depypere incontra donne che sperimentano quotidianamente gli effetti dannosi della menopausa. Hanno un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, osteoporosi, cancro al seno, ma anche demenza. Come ricercatore, ha cercato modi per rilevare queste malattie in una fase precoce, nella speranza di poterle curare preventivamente o precocemente. “Molte donne sono spesso ben aiutate dalla terapia ormonale per alleviare i sintomi tipici della menopausa come vampate di calore e sudorazioni notturne. Mi chiedevo se potessimo usare la terapia anche per combattere condizioni gravi come l’Alzheimer”. la ricerca ha dimostrato che una persona con APO E4, un biomarcatore nel plasma sanguigno, ha sei volte più probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer, un biomarcatore che si trova in circa il 20% delle donne in menopausa precoce. Due medici hanno quindi avviato uno studio congiunto. Hanno somministrato alle donne con il noto biomarcatore una terapia ormonale in una fase iniziale della menopausa per sei mesi e le hanno confrontate con un gruppo di controllo di donne che non hanno ricevuto alcuna terapia. Dopo sei mesi, è diventato chiaro che la terapia ormonale favoriva chiaramente le donne portatrici del gene che codifica per l’APO E4. “L’impollinazione incrociata di due discipline nes ha portato a un’importante scoperta per il morbo di Alzheimer”, afferma il professor Hampel: “Ora sappiamo quali sono le donne a maggior rischio di contrarre la malattia e può identificarli più rapidamente. Ci porta anche più avanti nella ricerca di un trattamento efficace per lo screening della presenza di APO E4 nel sangue”, spiega Pr Depypère. “Con i neurologi, possiamo esaminare le conseguenze che questa scoperta potrebbe avere e ciò di cui abbiamo bisogno di più informazioni su. In ogni caso, questa pubblicazione su una rivista di spicco è un importante passo avanti nella lotta contro la demenza”. Più di 27.000 donne avevano precedentemente dimostrato che la terapia ormonale riduceva il rischio di Alzheimer, ma l’esatto meccanismo alla base non era ancora chiaro. Questo nuovo studio ha scoperto il meccanismo del biomarcatore in sei mesi.

READ  Recensioni | I problemi di salute mentale appartengono a tutti noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *