La vita sulla Terra è a rischio a causa della continua dipendenza dai combustibili fossili – Joop

La vita sulla Terra è a rischio a causa della continua dipendenza dai combustibili fossili – Joop

Oggi

Tempo di lettura 2 minuti

538 visualizzazioni

ANP-455829009

La salute della popolazione mondiale è alla mercé di una dipendenza globale dai combustibili fossili. È il conclusione di un nuovo rapporto hanno partecipato più di cento esperti provenienti da 51 diverse istituzioni. Secondo i ricercatori, è molto importante passare in tutti i settori a una politica che metta la salute pubblica in primo piano.

Il rapporto rileva un forte aumento delle morti per caldo, fame e malattie infettive mentre la crisi climatica si aggrava, mentre i governi continuano a sovvenzionare l’industria dei combustibili fossili. I paesi più poveri che subiscono gli effetti del riscaldamento globale sono lasciati a se stessi.

La relazione è stata preparata da The Lancet Countdown, una relazione annuale cofinanziata dall’UE sui cambiamenti climatici e la salute. Si legge che nel 2019 la maggior parte dei paesi studiati ha iniettato circa 400 miliardi di euro in combustibili fossili.

“La dipendenza dai combustibili fossili non solo compromette la salute globale attraverso l’aumento degli impatti dei cambiamenti climatici, ma ha anche un impatto diretto sulla salute e sul benessere umani attraverso mercati volatili e imprevedibili dei combustibili fossili, catene di approvvigionamento, “forniture deboli e conflitti geopolitici”, afferma il rapporto.

I ricercatori hanno anche scoperto che le perdite economiche legate agli effetti del cambiamento climatico aumentano anche la pressione sulle famiglie e sull’economia. Il calore estremo, ad esempio, impedisce alle persone di lavorare. Nel 2021 nel mondo sono state perse 470 miliardi di ore lavorative, con un decremento del 40% rispetto agli anni 90. La perdita economica e reddituale è stimata in 700 miliardi di euro. Rispetto agli anni ’50, il numero delle aree colpite da siccità estrema è aumentato di oltre il 30%. Il declino economico ha un impatto diretto sulla salute pubblica.

READ  In tutto il mondo parliamo con i bambini nella stessa mummia

Il rapporto, presentato in vista del vertice COP27 sul clima del mese prossimo in Egitto, chiede un forte aumento degli investimenti nei sistemi sanitari, attualmente colpiti da tre crisi: coronavirus, aumento del costo della vita e dipendenza dal petrolio e dal gas russi. I ricercatori affermano che una “risposta incentrata sulla salute” alla crisi energetica accelererà la transizione verso le energie rinnovabili.

“Stiamo morendo a causa della crisi climatica”, ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres in risposta al rapporto. “Non solo compromette la salute del nostro pianeta, ma la salute delle persone ovunque, a causa dell’inquinamento atmosferico tossico, del calo della sicurezza alimentare, dell’aumento dei rischi di epidemie di malattie infettive, del caldo estremo, della siccità, delle inondazioni e altro ancora”.

Ha anche affermato che “la scienza è chiara”: “Investimenti massicci e saggi nelle energie rinnovabili e nella resilienza climatica garantiranno vite più sane e più sicure per le persone in tutti i Paesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *