L’Agenzia spaziale europea è alla ricerca di persone orientate ai dettagli per svelare i segreti della cometa Rosetta

L’Agenzia spaziale europea è alla ricerca di persone orientate ai dettagli per svelare i segreti della cometa Rosetta

Bravo a “individuare le differenze”? Allora l’ESA sta cercando te!

È il 2014 quando la navicella Rosetta arriva sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Per due anni, il veicolo spaziale ha studiato da vicino la cometa e ha assistito a molti cambiamenti nel paesaggio: dal crollo delle scogliere e dalla formazione di pozzi, al cambiamento dei modelli di polvere e al rotolamento delle rocce. Ora gli scienziati chiedono aiuto. Perché la sonda ha raccolto così tanti dati che l’ESA può usare tutti gli occhi in più per svelare i segreti della cometa Rosetta.

Cambiamenti di superficie
Circa a metà della missione Rosetta, la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko era la più vicina al sole; momento noto come perielio. La cometa si è quindi allontanata dalla nostra stella madre, illuminando la superficie della cometa Rosetta in vari modi. Ciò significa che il veicolo spaziale è stato in grado di raccogliere una tonnellata di dati, inclusi alcuni intriganti cambiamenti di superficie. E gli scienziati ne sono molto interessati. Questi potrebbero aiutare a studiare il meccanismo con cui una cometa perde i suoi strati esterni mentre la luce solare riscalda il ghiaccio e la polvere attorno al suo nucleo.

compito complesso
Ma gli scienziati ora si sono imbattuti in un “problema di lusso”. Rosetta ha raccolto così tanti dati che mappare tutti i cambiamenti della superficie è diventato un compito molto complesso. “L’Archivio Rosetta contiene un’enorme quantità di dati raccolti durante la missione straordinaria che è stata solo parzialmente esplorata”, ha affermato Bruno Merín, ricercatore dello studio.

L’ESA ti sta cercando!
E così l’ESA cerca aiuto. Il tuo. L’agenzia spaziale invita i volontari a partecipare a un gioco comico di “individuare le differenze”. Chiunque lo desideri può sfogliare le foto raccolte durante la missione Rosetta dell’ESA per aiutare gli scienziati a rivelare come la superficie di una cometa si evolve in orbita attorno al sole. “Negli ultimi anni, astrofotografi e appassionati di spazio hanno osservato cambiamenti e segni di attività nelle immagini di Rosetta”, afferma Merín. “Tuttavia, con l’eccezione di alcuni casi, non è stato possibile collegare questi eventi a cambiamenti di superficie, principalmente a causa della mancanza di occhi umani che ricercano il set di dati. Abbiamo sicuramente bisogno di più occhi!

READ  Test psicologico, qual è la tua personalità nascosta?

Ecco come funziona
Come funziona? Ogni volta, vedrai una coppia di immagini raccolte dalla telecamera OSIRIS di Rosetta che mostrano la superficie della cometa 67P prima e dopo il perielio. Ciò significa che stai visualizzando le immagini approssimativamente della stessa regione una accanto all’altra. Poi sta a te identificare le differenze ei cambiamenti; dal trasporto di polvere su larga scala a pezzi di comete che si sono spostati o addirittura sono scomparsi.

Spostamento di un blocco largo 30 m su una distanza di circa 140 m. Immagine: Van El-Maarn e altri (2017)

A volte può essere necessario ingrandire o rimpicciolire più volte, o ruotare le immagini per vedere i cambiamenti su scale diverse e dare un’occhiata più da vicino all’iconica cometa.

Carte
Alla fine, gli scienziati sperano di produrre mappe dettagliate dei cambiamenti e delle regioni attive sulla superficie della cometa. Gli scienziati saranno quindi in grado di stabilire un legame tra l’attività della cometa e i cambiamenti sulla sua superficie. E in questo modo vogliono svelare tanti altri segreti di Rosetta Comet, oltre a tanti altri. “Che aspetto ha una cometa primitiva? Nessuno lo sa”, ha detto il ricercatore Jean-Baptiste Vincent. “Ma con l’aiuto di volontari possiamo caratterizzare l’evoluzione delle comete e capire la fisica dietro questi cambiamenti: possiamo quindi riavvolgere il film dall’evoluzione delle comete all’origine del sistema solare.”

Tutti possono partecipare gratuitamente (clicca qua† non è necessario registrarsi, installare alcuna applicazione o programma o avere alcuna esperienza scientifica. Individua le differenze tra le coppie di immagini ogni volta che hai tempo, che si tratti di cinque minuti mentre aspetti l’autobus o di sera. Tu decidi. In bocca al lupo!

READ  Covid, 305 morti, conseguenze psicologiche fanno più vittime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *