L’Amazzonia era tutt’altro che disabitata: scoperte antiche città

L’Amazzonia era tutt’altro che disabitata: scoperte antiche città

L’Amazzonia era ancora densamente popolata in alcuni luoghi. Ciò è evidente dalle scansioni tridimensionali che i ricercatori tedeschi e britannici hanno realizzato da un elicottero. Non meno di 28 città e villaggi sono apparsi nella parte boliviana della foresta pluviale.

Franck Rensen

La ricerca mina ulteriormente l’idea che l’Amazzonia fosse precedentemente in gran parte disabitata. Si dice che la fitta vegetazione della foresta pluviale abbia semplicemente reso impossibile la costruzione di città animate dal 1960. Da allora, gli scienziati lo hanno messo sempre più in dubbio, in parte a causa del Scoperta antica agricoltura. Questa nuova ricerca, pubblicata mercoledì sulla rivista scientifica Natura, mostra per la prima volta una rete di città dell’Amazzonia boliviana. I centri più antichi, grandi quanto alcune città medievali europee, risalgono al V secolo a.C.

Vent’anni fa, il ricercatore capo tedesco, l’archeologo Heiko Prümers, iniziò a rilevare centinaia di chilometri quadrati di savana. Trovare tracce di un’antica civiltà in Amazzonia è una sfida, poiché nelle città rimangono solo colline e fossati. All’epoca non si usavano pietre, terra e legno erano i principali materiali da costruzione.

Tuttavia, Prümers e il suo team, lavorando con il governo boliviano, hanno trovato indizi sullo sviluppo urbano. Dopo tre anni di misurazioni, hanno mappato quasi un acro di terra, rivelando colline, canali e strade paesaggistiche: una città che precede la colonizzazione spagnola.

riflessi di luce

Prümers, tuttavia, voleva dimostrare che l’intera area che stava esaminando, circa 200 chilometri quadrati, era strutturalmente costruita con paesi e villaggi. Ha usato una tecnologia relativamente nuova in archeologia, chiamata “lidar”. Proprio come il radar può visualizzare l’ambiente con le onde sonore riflesse, il lidar lo fa con la luce (questo è ciò che la “l” sta per). Gli archeologi hanno sorvolato in elicottero l’Amazzonia boliviana e hanno proiettato speciali fasci di luce a terra. Questi raggi di luce sono rimbalzati sulla superficie e sono stati raccolti dall’elicottero per il recupero.

Utilizzando il tempo percorso dai raggi di luce, i ricercatori hanno misurato quanto fossero lontane tutte le strutture sul terreno e la vegetazione sopra di esse, fornendo una mappa tridimensionale della savana. Hanno filtrato la vegetazione dalla mappa tridimensionale. Dopo questa “deforestazione digitale”, sono diventati visibili i contorni delle città del passato. Molto prezioso dal punto di vista archeologico, ma anche ecologico: “Abbiamo abbattuto alberi con i nostri calcolatori, non con le asce”, spiega Prümers.

Piramide alta 20 metri

Le strutture che apparvero erano chiaramente artificiali: nella città più grande, lunga e larga un chilometro, si ergeva una piramide alta circa 20 metri. Intorno ad esso, i ricercatori hanno trovato strutture a forma di U. Queste assomigliano a strutture nelle Ande che sono note per aver avuto funzioni cerimoniali religiose. Intorno a questo c’erano tre bastioni difensivi a forma di anello, a dimostrazione del fatto che la città era cresciuta nel corso dei secoli, dal 500 al 1400 circa. Infine, Prümers e la sua squadra incontrarono strade, canali e grandi pozze d’acqua.

Il team ha visitato queste città e villaggi sul campo. In due siti, i ricercatori hanno scavato e trovato ceramiche e ossa lavorate. “Cose quotidiane che dimostrano che queste erano davvero colonie”, dice Prümers.

† Statua.

Statua.

“Affascinante e avvincente”, Martin Berger, archeologo dell’Università di Leiden, definisce lo studio. Secondo lui, questo “mette fine a cinquant’anni di discussione sull’abitazione dell’Amazzonia” e mostra che esisteva davvero una cultura complessa. Che aspetto avesse esattamente questa cultura è ancora sconosciuto. Ciò richiede ulteriori ricerche.

Non è ancora chiaro esattamente quante persone vivevano in America Latina prima dell’arrivo degli europei. Questo perché le malattie portate dai coloni hanno colpito la popolazione autoctona. Di conseguenza, poco è stato registrato sui popoli.

READ  Marslander InSight sembra aver inviato la sua ultima foto - Professionista IT - Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *