le banche spingono il Ftse Mib

Inizia oggi la settimana con il segno più per Borsa Italiana: sul Ftse Mib spiccano gli acquisti di titoli del settore bancario dopo la revisione al rialzo dei prezzi obiettivo da parte degli analisti di Barclays.

In attesa del pronunciamento che arriverà al termine della riunione del Riserva federale, Le borse europee hanno iniziato la settimana con cautela dopo il notizie dall’India, dove la situazione sanitaria sembra essere incontrollabile.

Venerdì l’agenzia S&P ha confermato la valutazione del nostro Paese al “BBB” con una prospettiva stabile in quanto oggi il premier Draghi, dopo l’accordo con l’UE, ha presentato il Piano nazionale di recupero e resilienza (PNRR) all’esame della Camera.

“Si tratta di un intervento storico, che intende riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica, aiutare a risolvere le debolezze strutturali dell’economia italiana e sostenere il Paese sulla via della transizione ecologica e ambientale”, si legge in nota del dirigente

Sul fronte delle materie prime, le previsioni per le consegne di giugno sul greggio Brent sono in calo dell’1,6% a $ 65,15 al barile, mentre eurodollaro perde lo 0,16% a 1,20757.

Borsa Italiana Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib, banche in evidenza

La prima sessione della settimana di Ftse Eb ha chiuso a 24.513,84 punti (+ 0,52%) mentre si diffondere Btp-Bund sale a 105 punti base (+ 1,9%).

Oggi, il Ministero dell’Economia ha conferito a Citigroup, Deutsche Bank e Morgan Stanley il mandato di a nuova emissione in doppia tranche denominata in dollari con una scadenza di 3 e 30 anni.

Sul Ftse Mib spiccano gli aumenti dei titoli del settore bancario: Banca BPER chiuso a + 3.08%, Intesa Sanpaolo con un + 2,32% e UniCredit con + 2,2%.

READ  Gualtieri: giovedì il CDM sul ristoro, incompatibile con la crisi - Economia

Barclays ha annunciato di aver innalzato il price target sul primo da 1,9 euro a 2 euro, il target sul titolo UniCredit da 9,8 a 11,2 euro e quello su Intesa Sanpaolo da 2,4 a 2,8 euro.

Giornata bassa per Leonardo (-2,13%) dopo l’annuncio dell’acquisizione del 25,1% della tedesca Hensoldt per 606 milioni di euro. Anche in rosso Prysmian (-3,17%).

Borsa Italiana Today, aggiornamento alle 13: le banche supportano il Ftse Mib

il Ftse Eb alle 13, 24.436,93 punti (+ 0,21%), su Dax diminuzione dello 0,19% e il Cac40 è invariato.

Nessun segno più per questo trasmissione, da 104 a 106 punti base.

A medio termine, il peggior titolo di prim’ordine è ancora Leonardo (-2,25%), che ha annunciato un accordo di oltre 600 milioni di euro per l’acquisizione del 25,1% di Hensoldt.

Anche in rosso Prysmian (-2,1%), Stellantis (-1,32%) e Pirelli (-0,54%).

L’esibizione di due pesi massimi del calibro di UniCredit (+ 2,19%) e Intesa Sanpaolo (+ 2,23%).

Future Wall Street: attesa cauta apertura

Al momento, il derivato sul Dow Jones probabilità di parità, quella su S e P500 è sceso dello 0,13% e il futuro in Nasdaq perde lo 0,35%.

Aggiornamento 9:25 am: Ftse flat Eb all’inizio

Poco dopo l’inizio delle negoziazioni, il Ftse Eb quota 24.397,34 punti (+ 0,05%), su Cac40 segna un -0,04%, il Dax un + 0,29% e il Ftse100 diminuzione dello 0,09%.

Egli diffondere Btp-Bund all’inizio della sessione europea non si sono verificate variazioni significative a 104 punti base.

Sul Ftse Mib, la peggiore performance è stata registrata da Leonardo (-3,12%). L’azienda ha annunciato di aver firmato un accordo per l’acquisizione del 25,1% di Hensoldt per 606 milioni (23 euro per azione).

“Hensoldt – segnala l’azienda nota – è l’azienda leader in Germania nel campo dei sensori per applicazioni di difesa e sicurezza, con un portafoglio in continua espansione nei settori della cybersecurity, della gestione dei dati e della robotica. A seguito della finalizzazione della transazione, Leonardo diventa il principale azionista di Hensoldt con Kreditanstalt für Wiederaufbau (KfW), posseduta all’80% dalla Repubblica Federale di Germania ”.

Anche in rosso Pirelli e Stellantis, in calo rispettivamente dell’1,36 e dell’1,08%.

READ  ATM, prelievi sospesi | Codacons e Iliad

Meno 0,2% di Eni che ha produzione di gas avviata dal progetto Merakes, situato nel blocco di Sepinggan orientale, nelle acque profonde dello stretto di Makassar, nella provincia del Kalimantan orientale, in Indonesia.

Mercati azionari asiatici: Tokyo va controcorrente

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, ha registrato un -0,48%, la Cina A50 ha chiuso la sessione con un -1,56% e il Nikkei ha chiuso con un + 0,36%.

Anche l’indice australiano è stato basso S & P / ASX 200 (-0,21%).

Wall Street: il Nasdaq sale bruscamente alla fine dell’ottava

il Dow Jones ha chiuso la settimana con un + 0.67%, lo S e P500 ottenuto + 1,09% e il Nasdaq a + 1,44%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *