Le classifiche non dicono tutto sulla qualità delle università

Le classifiche non dicono tutto sulla qualità delle università

. Battuta d’arresto per chi apprezza il giudizio delle graduatorie universitarie: le università olandesi sono “stagnanti” su un elenco di 2.000 istituti che è stato pubblicato lunedì.

Se sei dei quattordici atenei sono in rialzo, uno ristagna e sette sono in calo, nella classifica delle Centro per le classifiche universitarie mondiali (CWUR). Principalmente a causa di una diminuzione dei risultati scolastici misurati. L’Università di Utrecht è al primo posto (72), seguita dall’Università di Amsterdam (80).

L’elenco annuale di CWUR, organizzazione con sede negli Emirati Arabi Uniti, è una delle classifiche universitarie internazionali meno conosciute. I più importanti sono il QS Ranking, il Times Higher Education Rankings e lo Shanghai Ranking. è basato su informazioni provenienti da fonti pubbliche, tra cui occupazione e borse di studio per laureati.

Le università utilizzano tali elenchi per la loro notorietà e pubblicità quando si comportano bene – per attrarre studenti e insegnanti. Rivelato di recente di Volkskrant che la Saudi King Saud University sta facendo offerte redditizie agli scienziati per ottenere un punteggio più alto nella prestigiosa classifica di Shanghai.

Non solo i Paesi Bassi sono sotto pressione nella nuova valutazione CWUR, ma l’intera Europa e gli Stati Uniti sono “in preda” a una concorrenza forte e ben finanziata, soprattutto dalla Cina. Cadono quasi l’ottanta per cento delle università americane, anche se la top ten rimane interamente anglosassone, con Harvard, MIT, Stanford, Cambridge e Oxford in testa. Delle 314 università cinesi nell’elenco, il 69% è in crescita.

Gruppo di esperti indipendenti

Tali classifiche sono controverse, secondo i critici, danno un quadro limitato e prevalentemente quantitativo delle università. All’inizio dello scorso anno, l’Associazione delle università olandesi (UNL) ha deciso di incaricare un “gruppo di esperti” indipendente per studiarne il significato e come le istituzioni lo affrontano. Il parere definitivo del gruppo dei sette membri sarà pubblicato a giugno, secondo l’Unl, con una risposta delle istituzioni comuni.

Tutta l’Europa e gli Stati Uniti stanno “lottando” con la forte concorrenza, soprattutto della Cina

La valutazione delle liste fa parte del programma in corso “Riconoscimento e apprezzamento” che è stato istituito nel 2020 da università, centri medici, l’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica (NWO) e la Royal Academy of Arts and Science of the Netherlands (KNAW ). In questo programma, le organizzazioni desiderano esplorare una via diversa e più ampia di valutazione scientifica. Questi includono una maggiore enfasi sulla qualità e meno sui risultati quantitativi, un maggiore riconoscimento dei risultati individuali (oltre a quelli dei progetti collettivi), la promozione della “leadership di qualità” e l’accessibilità e la trasparenza (scienza aperta). Presi insieme, questo dovrebbe portare a un “cambiamento culturale” nell’apprezzamento del lavoro scientifico.

READ  Astronomi un po' scossi dalla primissima immagine di James Webb

Non è un criterio affidabile

Secondo il Rapporto annuale 2022 su “Riconoscimento e valori”, il motivo dello studio delle classifiche internazionali è la conclusione di un gruppo di lavoro accademico secondo cui le liste “non sono un criterio affidabile di qualità”, ma “influenzano la politica universitaria” e ” svolgere un ruolo nell’attrarre studenti e scienziati (internazionali)”. La natura quantitativa degli elenchi è “in contrasto” con il cambiamento culturale che il programma mira a realizzare, secondo la relazione annuale.

Nell’aprile dello scorso anno, il programma “Riconoscimento e apprezzamento” ha suscitato interrogazioni parlamentari preoccupate per i suoi possibili effetti negativi sulla posizione internazionale delle università olandesi. Il Consiglio consultivo per la scienza, la tecnologia e l’innovazione (AWTI) ha informato la Camera che questi timori erano infondati e che i Paesi Bassi sono un leader internazionale con un metodo di valutazione scientifica diverso e più ampio.

In una raccomandazione ad interim alla fine dello scorso anno, il gruppo di esperti che ha esaminato gli elenchi non si aspettava che il nuovo approccio avrebbe avuto un impatto importante sulla posizione internazionale delle università olandesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *