Le critiche alla cattiva condotta sessuale da parte dei soldati italiani d’élite si gonfiano

Per la prima volta dalla pandemia, decine di migliaia di “Alpini” – membri di un corpo d’élite dell’esercito italiano – si sono riuniti di nuovo per il loro raduno annuale lo scorso fine settimana. Questa volta circa 75.000 alpini, inclusi veterani ma anche membri attivi, si sono radunati nella località turistica di Rimini, nel nord Italia. Durante l’incontro, si è bevuto molto e si è festeggiato, e presto le lamentele hanno iniziato a piovere.

Le donne hanno testimoniato di aver ricevuto commenti sessisti e inviti indesiderati a fare sesso. Alcuni dicono che furono anche inseguiti, circondati da un gruppo di uomini, pizzicati alle natiche o trattenuti per un braccio. Le donne coinvolte lavoravano nei caffè, nei ristoranti e negli hotel frequentati dagli alpini, o semplicemente camminavano per le strade. Alcune ragazze sono minorenni.

Ad un giornalista italiano del sito di notizie Fanpage.it, che registrazione video Da quello che ha visto e sentito, una donna dice che un perfetto sconosciuto si è offerto di fare una doccia insieme. Un’altra donna dice di aver portato a spasso il cane ma è stata accolta e maltrattata da un uomo, motivo per cui è scappata. Durante il video, si possono sentire uomini che dicono alle donne che hanno delle gambe fantastiche e un uomo che chiede “a che ora aprono le loro gambe”. Una venditrice ambulante africana, con il bambino in un marsupio sulla schiena, testimonia alla giornalista che vende braccialetti, ma che le viene chiesto costantemente di fare sesso.

Leggi anche: È così che un sospettato di stupro sfugge alla giustizia

READ  Van der Poel favorito per la vittoria a cronometro a Verona, gara d'angolo italiana

Non è intervenuto

Il giornalista che ha registrato il video dice di essere rimasto scioccato da ciò che lui stesso ha sentito e visto quella notte. Secondo lui, non è il comportamento scorretto di alcune mele marce, ma la grande maggioranza degli alpini maschi di Rimini si è comportata male o non è intervenuta.

Gli Alpini sono un reggimento da montagna, fondato nel 1872, riconoscibile per il cappello verde e la piuma nera. Il reggimento è stato formato per proteggere il confine settentrionale, è il più antico del mondo ed è venuto in soccorso in Italia, tra l’altro, dopo i terremoti. Questi uomini in divisa sono generalmente molto rispettati, motivo per cui le testimonianze suscitano tante polemiche.

Secondo i media italiani, una donna di 26 anni e una donna di 40 anni hanno finora sporto denuncia alla polizia. Il tribunale di Rimini ha aperto un’inchiesta. È possibile che seguiranno altre segnalazioni, ora che il gruppo d’azione femminista Non una di meno (“Non uno di meno, un riferimento alla violenza di genere”) chiede anche ai testimoni di inviare foto, video e rapporti. Non una di meno sta valutando un’azione legale e dice di sì già più di 160 testimonianze e più di 500 segnalazioni di donne molestate.

Allo stesso tempo, ci sono anche sempre più reazioni politiche. Il ministro della Difesa vuole che il caso sia indagato a fondo, mentre il politico di destra radicale Matteo Salvini – tifoso di esercito e polizia – si è affrettato a mettere in guardia dal confondere tutti gli alpini, e “il passato e il futuro degli alpini non lo faranno essere diffamato”. Una reazione schietta alla mentalità in Italia è venuta dal presidente del parlamento Roberto Fico, un politico del Cinque Stelle di Rimini è inaccettabile e dovrebbe far riflettere. L’Italia è un Paese troppo maschilista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.