Rutte si attiene anche a una soluzione per i bambini fuori casa dopo le crescenti critiche | ADESSO

Il governo non intende apportare modifiche sostanziali nell’affrontare i problemi affrontati dai figli dei genitori destinatari che sono lontani da casa. Giovedì sono state fatte alcune promesse, ma nel complesso la politica non è stata deviata. Nonostante le critiche della Camera e dei genitori e degli esperti coinvolti.

A più riprese, la Camera ha chiesto un riesame degli atti dei figli dei genitori destinatari collocati fuori casa. Alla fine dello scorso anno erano 555.

“Una rivalutazione è il minimo che dobbiamo a questi genitori e bambini come politici, come società olandese”, ha affermato il deputato Pieter Omtzigt.

Ce n’erano ancora tanti insoddisfazione alla Camera sulla mancanza di soluzioni. Ma il primo ministro Mark Rutte voleva attenersi al corso che il governo aveva fissato a marzo.

Squadre di supporto le famiglie i cui genitori sono stati ingannati dallo scandalo dei sussidi e i cui figli sono stati allontanati da casa sono disponibili per consigli e altro. Identifica anche problemi e bisogni.

“Nessun bambino torna dopo sette mesi”

Solo un tale team di supporto non può rivedere le decisioni, ad esempio, e secondo Omtzigt, è qui che sta il problema. “Dopo sette mesi, non c’è ancora nessun bambino che torna. Parlo con i genitori. La sera ho conversazioni sui tentativi di suicidio di questi bambini”, ha detto Omtzigt.

Rutte temeva che un approccio diverso avrebbe avuto l’effetto opposto. “Se ho avuto un’esperienza negli ultimi anni con l’ampia soluzione di tutto ciò che riguarda l’indennità per l’infanzia, è che gli approcci in costante cambiamento portano solo a ritardi, il che significa che saremo impegnati per gli anni a venire”, afferma Ruth.

READ  Non tutti al PvdA piangono la partenza di Ploumen: 'Ha appena fallito'

Ciò ha portato alla frustrazione del leader dell’SP Lilian Marijnissen. “Come Camera, lo sentiamo ogni volta con quasi tutto ciò che è andato storto nello scandalo dei benefici”, ha detto Marijnissen. Se le alternative vengono offerte in seguito, non ascolteranno, ha detto il membro dell’SP. “Tutto è messo da parte. Ogni volta esattamente con questo argomento, ovvero: rallenterà solo. Ora dagli una possibilità”.

Il PS quindi non ha più fiducia nelle soluzioni scelte. Il partito ritiene che questa posizione sia sostenuta dai genitori e dai bambini interessati, dal National Ombudsman e dal Children’s Ombudsman, dal Consiglio giudiziario, dal collegio dei genitori e dagli avvocati.

“Tutti hanno indicato che la direzione della soluzione scelta per il collocamento fuori casa dei bambini è un vicolo cieco”, secondo il partito.

Secondo il parlamentare del PvdA Khadija Arib, i genitori non sanno ancora dove si trovano dopo una giornata di dibattito. “Le risposte, soprattutto del presidente del Consiglio, che la soluzione per questi genitori potrebbe tardare ad arrivare, sono indigeribili”.

La camera ha subito alcune piccole modifiche

Qualche piccola modifica politica è stata annunciata qua e là. Su richiesta di GroenLinks, ad esempio, si sta studiando se anche le spese processuali possano essere rimborsate dal governo, così come l’assistenza legale alle vittime delle famiglie.

Al via anche i lavori per una “soluzione tecnica” per scoprire chi sono i 555 bambini allontanati da casa. Ora si conosce solo il numero e per motivi di riservatezza è complicato recuperare i dati personali.

“Voglio solo sapere di chi stiamo parlando. Voglio raggiungere queste persone e allo stesso tempo voglio farlo nei limiti delle possibilità che mi sono date dalla legge”, ha dichiarato il ministro Franc Weerwind (Tutela legale) .

READ  Trump, raccolto 1 miliardo di dollari per il lancio di una nuova piattaforma social - Mondo

Weerwind ha anche promesso che sarebbe stato istituito un comitato indipendente per indagare sul legame tra lo scandalo dei benefici e i collocamenti fuori casa. Non si può dimostrare una relazione diretta. Succedono spesso molte cose con queste famiglie; i problemi finanziari causati dalle autorità fiscali aggravano la situazione.

Era già stata annunciata un’indagine, che sarebbe stata svolta dall’Ispettorato della salute e della gioventù e dall’Ispettorato della giustizia e della sicurezza. Ma Omtzigt in particolare nutre seri dubbi sul fatto che questi corpi siano adatti a questo. Dopotutto, non sono intervenuti negli ultimi anni e hanno un ruolo in materia come supervisori stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.