L’erosione delle rocce è ancora più lenta di quanto si pensasse

L’erosione delle rocce è ancora più lenta di quanto si pensasse

L’erosione delle rocce è ancora più lenta di quanto si pensasse

voi

L’erosione delle rocce è un processo cruciale per mantenere abitabile la terra. Ma a livello globale, le cose stanno procedendo molto più lentamente del previsto, in parte perché molti luoghi sulla terra sono troppo asciutti per questo. Questo emerge dalla ricerca che è stato rilasciato giovedì in Scienza.

L’erosione della roccia è anche chiamata termostato terrestre. Senza questo processo, la terra diventerebbe inabitabile in diversi milioni di anni. Poiché i vulcani rilasciano continuamente piccole quantità di gas, incluso il gas serra CO2, nell’aria. Senza feedback, la concentrazione di CO2 nell’atmosfera, e con essa la temperatura sulla terra, continuano a salire nel tempo. “La Terra diventerebbe una specie di Venere”, afferma Appy Sluijs, professore di paleooceanografia all’Università di Utrecht, che non è stato coinvolto nella ricerca.

Se ciò non è avvenuto, è perché il CO2 viene tolto dall’aria. La CO si dissolve nell’atmosfera2 nell’acqua piovana. Questa acqua piovana è quindi alquanto acida e quindi dissolve le rocce. CO2 viene convertito in un prodotto di reazione che fluisce negli oceani. Gli organismi lo convertono in carbonati (compreso il carbonato di calcio, noto anche come calcite) e questi precipitano sul fondo dell’oceano. Ci saranno più CO2 nell’atmosfera e la temperatura sulla terra aumenta, la reazione agli agenti atmosferici accelera e più CO scompare2 dal cielo al fondo dell’oceano. Quando si raffredda, la reazione rallenta.

chimico francese

La base scientifica di questo meccanismo di invecchiamento è stata posta a metà del XIX secolo dal chimico francese Jacques-Joseph Ébelmen. Ma la domanda è sempre stata quanto bene la reazione agli agenti atmosferici risponde ai cambiamenti di temperatura. “Per molto tempo, questo è stato studiato solo in laboratorio”, afferma Susan Brantley, prima autrice dell’articolo ora pubblicato e professoressa di scienze della terra alla Pennsylvania State University. I risultati di questi studi variavano notevolmente. “In parte perché l’erosione è un processo molto lento”, afferma Brantley.

READ  L'auto, la capra e una lezione sul coronavirus

Nel presente studio, Brantley ei suoi colleghi hanno raccolto una grande quantità di dati, da studi di laboratorio, ma anche da esperimenti sul campo, in diversi tipi di suolo, su pendii, in diverse regioni. “Sono anni che facciamo ricerche sul tempo reale”, afferma Brantley.

I risultati mostrano che l’erosione esterna, se si verifica, è più veloce che in laboratorio. Ma esteso a livello globale, questo si traduce in modo diverso, poiché ci sono molti luoghi in cui gli agenti atmosferici non possono o si verificano a malapena. “Perché è troppo secco. O perché la roccia è nascosta sotto uno strato di terreno così spesso che l’acqua non può penetrare”, dice Brantley.Nel complesso, concludono i ricercatori, l’erosione è più lenta di quanto si pensasse in precedenza.

approccio olistico

Sluijs afferma di essere “impressionato” dalla quantità di dati elaborati e dall’approccio olistico dello studio. “Bloat è stato studiato a tutte le scale, dal laboratorio alle scale regionali a quelle globali”.

Commentando lo studio, Robert Hilton, professore di geologia sedimentaria all’Università di Oxford, scrive che l’erosione naturale “purtroppo […] è troppo lento per tenere conto di grandi eccessi di CO2 rilasciato ogni anno rastrellando le attività umane. Quello che si potrebbe fare è frantumare la roccia e spargerla su vaste aree, per stimolare l’erosione e accelerare la CO2 rimuovere dall’atmosfera. Questo è un approccio per il quale si stanno svolgendo le ricerche necessarie nei Paesi Bassi, in particolare con il minerale olivina. Ma Brantley ha i suoi dubbi al riguardo. “A causa delle enormi quantità di CO2 per estrarre quelli che ora sono in volo occorrono molta roccia frantumata e superfici enormi. Secondo lei, dobbiamo soprattutto smettere di emettere gas serra. E in secondo luogo, devi provare “tutto” per ridurre la CO2 dall’atmosfera, come piantare alberi, e CO2 estrazione dell’aria e registrazione con impianti.

READ  Gli anelli intorno a Saturno scompaiono. Ma niente panico, anche Marte ne avrà un po'

Ulteriori informazioni su un test di olandese: L’olivina fa ciò che promette come scavenger di anidride carbonica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *