L’esperimento con i criceti mutati va storto: creature molto aggressive

L’esperimento con i criceti mutati va storto: creature molto aggressive

Gli scienziati americani hanno accidentalmente creato criceti mutanti aggressivi. Lo hanno fatto con un esperimento che altera i geni degli insetti. Usa la polemica tecnologia CRISPR un team della Northwestern University ha esaminato un ormone chiamato vasopressina e il suo recettore, Avpr1a.

I recettori trasmettono segnali dall’interno o dall’esterno della cellula. Ad esempio, Avpr1a regola le questioni relative al funzionamento del team, all’amicizia e al legame sociale. Rimuoverlo da un gruppo di criceti dorati dovrebbe rendere le creature più socievoli e amichevoli.

I criceti mutati diventano piccoli mostri

“Siamo rimasti completamente sorpresi dai risultati” dire Il professor H. Elliot Albers, investigatore principale del team. “Ci aspettavamo che se avessimo eliminato l’attività dell’ormone vasopressina, avremmo ridotto sia l’aggressività che la comunicazione sociale. I criceti sarebbero diventati più calmi e meno coinvolti nel gruppo.

È successo il contrario. Gli studiosi hanno presto scoperto che le graziose palle di pelo si sono trasformate in piccoli mostri che mostravano “alti livelli di aggressività nei confronti di altri individui dello stesso sesso”. Tutti i criceti hanno iniziato a inseguire i loro fratelli non aggressivi, mettendosi all’angolo e mordendoli anche loro.

criceto aggressivo
Indipendentemente dalla razza o dal sesso, i criceti hanno mostrato aggressività dopo l’esperimento genetico. (Immagine: PNAS)

Normalmente questi tipi di esperimenti vengono eseguiti con i topi. In questo caso, tuttavia, gli scienziati hanno scelto specificamente i criceti dorati. A differenza dei topi, vivono in una struttura sociale paragonabile a quella degli esseri umani.

READ  Sebbene spesso disturbino il nostro sonno, le stesse zanzare attribuiscono grande importanza a un sonno sufficiente | animali

Gli scienziati non capiscono

Il professor Albers descrive il risultato dell’esperimento come sorprendente. “Sebbene sappiamo che l’ormone vasopressina regola il comportamento sociale nel cervello, è anche possibile che gli effetti più globali del recettore Avpr1a sopprimano gravemente il comportamento sociale”.

Il ricercatore capo aggiunge che questo dimostra che gli scienziati “semplicemente non capiscono ancora questo sistema”. Tuttavia, la ricerca continua poiché il ruolo della vasopressina nel comportamento sociale potrebbe aiutare gli scienziati a progettare nuovi trattamenti per i disturbi psichiatrici, dall’autismo alla depressione.

Armeggiato con successo con il DNA dell’embrione

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ti siamo grati.

Risposta all’articolo:

L’esperimento con i criceti mutati va storto: gli animali sono incredibilmente aggressivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *