“L’età dei pazienti cambia, la più grave è di 52 anni”. Molti di coloro che si sono ripresi da mesi hanno ancora problemi

il Policlinico Gemelli: cambia l’età dei pazienti con Covid-19 e quelli in terapia intensiva. “Da luglio abbiamo assistito al calo medio dell’età: prima era di 60-65 / 80 anni, poi abbiamo visto pazienti di 40-60 anni, mentre parallelamente la relazione dell’Istituto una salute più elevata ha indicato che i risultati positivi erano per circa 30 anni. Tuttavia, quando un giovane è infetto e ha pochi o nessun sintomo, diventa una fonte di infezione intrafamiliare, per nonni e genitori. Quindi oggi stiamo esaminando pazienti di età compresa tra 65 e 70 anni o meno: nella terapia intensiva del Gemelli abbiamo 3 pazienti di età compresa tra 45 e 55 e 3 over 70. Il caso più grave è di 52 anni ed è in circolazione extracorporea ”. È quanto Massimo Antonelli, direttore del reparto di anestesia e terapia intensiva del policlinico Gemelli Irccs di Roma, membro del comitato tecnico scientifico per il contenimento coronavirus.

Covid, Conte: “Ipotesi di quarantena ridotta dopo tampone”. Martedì l’esame del Comitato Tecnico Scientifico

Covid: tampona leggermente verso il basso, ma la curva sale. A settembre già 275 casi

Covid, altri peruviani positivi: il caso dei locali notturni abusivi

Covid, allarme del presidente dei rianimatori: “Ci sono posti in terapia intensiva, ma non abbiamo medici per curare i pazienti”

“Una volta un paziente Covid viene messo in circolo extracorporeo, la risposta richiede tempo ”, sottolinea il medico. E le conseguenze dell’infezione possono durare a lungo. “Abbiamo pazienti guariti 6 mesi fa: alcuni li abbiamo visti guarire completamente, in altri c’è ancora difficoltà a respirareproblemi di gusto e olfatto e spesso grave esaurimento. Le reliquie si possono ancora vedere in quelle che sono state scaricate a marzo, ma al momento il periodo di osservazione è limitato e ci vuole più tempo per liberarsi. Insomma – conclude Antonelli – il recupero completo potrebbe richiedere più tempo ”.

READ  Trump vuole rinviare le elezioni: "Votando nella posta per frode". Quindi il passo laterale: "Far capire ai media i rischi, ma li vinceremo"

Aumento dei ricoveri

“Stiamo assistendo a un aumento dei ricoveri, compresi quelli in terapia intensiva. Un fenomeno tollerabile dalle strutture sanitarie, che nulla ha a che vedere con quanto visto a marzo, ma che non va sottovalutato», Spiega il Capo del Dipartimento. Secondo Antonelli, la discrepanza con i dati giornalieri forniti dalla Regione Lazio – ieri fermati a 17 ricoveri in terapia intensiva, con 410 pazienti in ospedale – è “probabilmente dovuta a un ritardo delle strutture nella comunicazione dei dati”. “C’è anche da dire che la nuova organizzazione delle strutture e dei letti supplementari previsti a livello regionale ci permettono di affrontare la situazione con serenità. Se, per ipotesi, la situazione dovesse avere un impatto simile a quello di marzo-aprile – aggiunge Antonelli – dobbiamo sottolineare che oggi siamo ancora più preparati: conosciamo meglio il nostro nemico e sappiamo prima identificarlo e trattarlo. pazienti con sintomi. “Risultato?” I pazienti difficili arrivano prima in ospedale e, se necessario, arrivano anche prima in terapia intensiva: così – testimonia l’esperto – possiamo curarli presto “.

Come vengono trattati i pazienti

La terapia si conferma come quella consolidata nei mesi bui della crisi: “Se ce n’è polmonite di Covid, i pazienti possono essere ventilati o, a seconda della loro condizione, intubati, pronunciati (posti sullo stomaco) o sottoposti a bypass cardiopolmonare. E la risposta richiede tempo. Se a marzo i ricoveri in terapia intensiva sono durati 3-4 settimane, ora – spiega il direttore – vediamo questi pazienti per 10-15 giorni, contro i 4-5 giorni di un ricovero medio in terapia intensiva ”. Insomma, anche se la maggior parte dei casi Covid intercettati oggi mostra pochi o nessun sintomo, “l’intensità della malattia non è cambiata”.

Prevenzione

“Per questo, da esperti, non ci stanchiamo mai di ricordarci l’importanza della spaziatura, dell’utilizzo di maschere, soprattutto in ambienti chiusi dove la distanza non è possibile, del igiene delle mani ed evitare aggregazioni. L’atteggiamento che abbiamo visto questa estate, con un rilassamento dell’attenzione, rappresenta una reazione comprensibile ma pericolosa – avverte lo specialista – Devi sapere che queste precauzioni non dureranno per sempre, sono temporanee e ci sarà una fine. Ma ciò che farà la differenza in questi mesi sarà il senso di responsabilità con cui decideremo di vivere la nostra vita. Faccio l’esempio dei matrimoni: in chiesa va tutto bene, magari anche alla cena all’aperto, ma se si decide di festeggiare al chiuso è difficile mantenere un comportamento corretto. Prediligiamo le attività all’aria aperta e resistiamo per qualche mese: finirà ”conclude Antonelli. Ultimo aggiornamento: 16:15


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  Le "figure" di Napoli e Koulibaly. Ma senza un'offerta da 70 milioni, Gattuso sarà ... soddisfatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *