Multa antitrust di 5 milioni alla Posta: “Il mancato invio di lettere raccomandate danneggia i consumatori e la giustizia. Ritardi portano a prescrizioni”

Nelle pubblicità Poste italiane indossato pretendere come “Sempre, quello consigliato è sinonimo di certezza“. Ma l’autorità Antitrust, che veglia anche pratiche commerciali sleali, ha scoperto che questa promozione era “ingannevolePerché, come si legge nella disposizione con cui ha ha condannato il gruppo a una multa di 5 milioni di euro (Punizione più in alto possibile per questi casi), Post “qualche volta utilizzare il deposito diAvviso di magazzino della raccomandata in formato caselle di posta anche se sarebbe stato possibile consegnarlo al destinatario “. E quel” qualche volta “, nei mesi che impiegavano campione, corrispondeva in alcune aree a più del 40% dei casi. Un modus operandi che non solo ha causato “ danno ai consumatori“Ma anche, in alcuni casi, il”termine di prescrizione“causa”Non giusto e tempestivo“Esecuzione di notifiche di atti giudiziari. Accuse che Poste Italiane qualifica ora come “sconcertanti”, annunciando una imminente convocazione al Tar.

“Piena consapevolezza della gravità del fenomeno” – Secondo l’Autorità, la società aveva “piena consapevolezza della gravità e dell’entità del fenomeno ”, che – come molti dimostrano denunce, contestazioni – ha continuato anche durante il confinamento. Quando i cittadini erano chiuso in casa ma nonostante ciò, hanno continuato a trovare recensioni di Azione lettere che i postini non avevano mai veramente cercato di mettere nelle loro mani. Lo stesso vale per le persone “confinate in casa come portatori di handicap“. Tuttavia,” Poste si è limitata a inviare semplici lettere di ricordo ai responsabili dei vari uffici, con l’invito a osservare la regolarità delle procedure. “Complessivamente” i provvedimenti adottati dai preposti consistevano (…) in semplici sensibilizzazione agli operatori di prestare “la massima attenzione nell’esecuzione del servizio” “.

READ  Cambia TV digitale terrestre, tutto quello che devi sapere per prepararti alla rivoluzione

“Il normale grado di competenza e attenzione che ci si può ragionevolmente attendere, vista la qualità della figura professionale e le caratteristiche dell’attività svolta, non è riscontrabile da parte di Poste Italiane”, commenta l’Antitrust. Ma di fronte a questo comportamento, l’autorità ammette che la sanzione è insufficiente per poter rappresentare a “deterrente” poiché il fatturato del gruppo è stato di 3.492 miliardi di euro lo scorso anno. Per il fatto che “non è stato ancora recepito nel diritto nazionale Direttiva Europea 2019/2161 che fissa il limite legale massimo della sanzione irrogabile 4% di restituito annuale”.

“Oltre il 40% delle lettere raccomandate non recapitate a un campione di uffici” – Gli annunci degli uffici postali erano pieni di frasi elaborate da descrivereaffidabilità del servizio: “Le tue comunicazioni più importanti, quelle che fanno la differenza nella tua vita devi sapere dove mi trovo Quando arrivano, chi li riceverà ”, è uno degli esempi citati. Ma, giustificando la sanzione, l’Autorità rivela che la percentuale di “senza esitazione“- o raccomandata non ritirata dal passaggio del postino – registrata nei mesi di gennaio, luglio, agosto, settembre e ottobre 2019 presso gli uffici postali di Sant’Angelo Lodigiano, Grado, Pordenone, Vimercate e in molte filiali di Genova. Solo “a titolo esemplificativo”, specifica il provvedimento, che sottolinea come a rapporto acquisita nei documenti “riporta la ricezione da parte della Posta, tra gennaio 2018 e ottobre 2019, di circa 4300 reclami riguardante: avviso di magazzino senza tentata consegna, comportamento errato dei fattori, mancata / irregolare compilazione del bando di gara “.

“Informazioni sul limite di rientro numerico omesse o scritte in minuscolo” – L’altra denuncia antitrust riguarda il Ritiro digitale, pubblicizzato come “Servizio di ritiro della posta raccomandata online di Poste Italiane”. In questo caso, uno degli slogan era: “Diresti che raccolgo una raccomandata? Con la raccolta digitale puoi ritirare la tua posta raccomandata comodamente online, ovunque tu sia quando vuoi divanoFrasi che “inducono i consumatori a credere di poter ritirare online senza limitazioni qualsiasi tipo di raccomandata a loro indirizzata”. Ma non è vero, spiega l’Antitrust: il servizio “consente l utente destinatario iscritto al servizio in questione per la raccolta di lettere raccomandate online a condizione che il il mittente ha attivato la funzionalità corrispondente. Inoltre, come si evince dalla documentazione contrattuale, il servizio non è disponibile per invii non elettronici ”, ovvero se il contenuto è scritto a mano. Tuttavia, gli annunci diffusi su internet e facebook “non contengono informazioni sull’esistenza di tali limitazioni, mentre” Direct Mailing 71, i volantini distribuiti dai corrieri a domicilio e negli uffici postali, i manifesti e Scontrini A5, indicare le limitazioni nelle note posto in fondo alla pagina o sul retro dei volantini, con caratteri minuscoli o piccoli “.

READ  Neuralink sta per essere mostrato al mondo: ecco come seguire la trasmissione in diretta

La risposta di Poste: “Sconcertante” – Tutte le accuse di Poste Italiane ora torna al mittente, rispondendo duramente. Il contenuto del comunicato stampa dell’Antitrust è “inaccettabile”, si legge in una nota diffusa in questi momenti. E il suo “confuso il riferimento a danni gravi a il sistema giudiziario del Paese. “L’intenzione della società è ora quella di tutelare” con fiducia il sistema giudiziario italiano, il proprio immagine e reputazione, i loro diritti e la correttezza della loro condotta “con una chiamata a Catrame.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

L’Italia e la promessa dell’idrogeno: tra il sogno di diventare un hub europeo e il cuore dei costi di uno prodotto con fonti rinnovabili

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *