L’intelligenza artificiale rivela esattamente da dove proveniva il famoso meteorite marziano

L’intelligenza artificiale rivela esattamente da dove proveniva il famoso meteorite marziano

E questo è importante, perché fornisce indizi geologici sulla prima evoluzione di Marte.

Nel 2011 è stato scoperto un meteorite speciale in Nord Africa. Infatti, non solo proviene dallo spazio, ma si è rivelato essere stato espulso dal pianeta Marte dopo un’analisi approfondita. Il meteorite marziano, a cui fu dato il nome NWA 7034 – ma presto divenne affettuosamente noto come “Bellezza Nera” – è molto raro; è una delle poche rocce marziane mai trovate sulla Terra. E ora i ricercatori si sono tuffati di nuovo nel meteorite, sperando di scoprirne l’origine.

bellezza nera
Black Beauty è una delle rocce più rare sulla Terra. Non è quindi incomprensibile che questo meteorite sia stato studiato a fondo nel corso degli anni. Il meteorite è una breccia marziana unica, il che significa che la roccia è composta da frammenti irregolari di roccia più antica. Inoltre, è formato da diversi pezzi di crosta marziana. Alcuni sono stati precedentemente datati tra 4,42 e 0,07 miliardi di anni.

Il meteorite della Bellezza Nera. Immagine: NASA

Tuttavia, l’esatta provenienza del meteorite era sconosciuta. E questo potrebbe rivelare molto sulla prima evoluzione di Marte. Ecco perché i ricercatori del nuovo studio, pubblicato su Comunicazione sulla naturaper cercare il “luogo di nascita” di Black Beauty.

Intelligenza artificiale
Armato di intelligenza artificiale, il team ha intrapreso questo compito apparentemente impossibile. Hanno utilizzato uno dei supercomputer più veloci e hanno analizzato un numero enorme di immagini planetarie per rilevare i crateri da impatto su Marte. I ricercatori hanno quindi cercato punti che condividessero importanti caratteristiche e proprietà con il meteorite.

Origine
I ricercatori arrivano con buone notizie. Perché sono riusciti a risalire all’origine di Black Beauty. Il meteorite sembra provenire da un’area conosciuta come Terra Cimmeria-Sirenum, situata nell’emisfero sud di Marte. Si ritiene che Black Beauty sia stata espulsa dal Pianeta Rosso in un violento impatto di un asteroide tra cinque e dieci milioni di anni fa. L’impatto ha creato un grande cratere su Marte che i ricercatori hanno chiamato Karratha, in onore della remota città mineraria dell’Australia occidentale dove è stata scoperta una delle rocce più antiche della Terra.

Il viaggio della bellezza nera da Marte alla Terra. Immagine: Lagain et al., 2022, Comunicazioni sulla natura

“Per la prima volta conosciamo il contesto geologico dell’unica breccia marziana mai scoperta sulla Terra”, esulta il ricercatore Anthony Lagain. “E sono passati dieci anni prima che la NASA lanciasse la missione Mars Sample Return”. Durante questa missione, i campioni raccolti dal rover Mars Perseverance saranno raccolti dal cratere Jezero e riportati sulla Terra. La speranza è che questi pezzi di roccia raccolti rivelino molto sull’antica abitabilità di Marte ed espandano la nostra comprensione dell’antico Marte. Ma ora Black Beauty ci sta dando uno sguardo.

READ  "Da bambino sapevo già di non essere uno scorpione"

Importanza cruciale
Secondo Lagain, è fondamentale che ora sappiamo esattamente da dove provenga il famoso meteorite marziano. “Contiene i frammenti marziani più antichi mai trovati”, spiega il ricercatore. “Inoltre, mostra somiglianze tra l’antichissima crosta di Marte e gli attuali continenti della Terra. Infine, l’area che ora abbiamo identificato come l’origine di Black Beauty ci offre un assaggio delle primissime condizioni sul pianeta – e sulla Terra. Sfortunatamente, a causa della tettonica delle placche e dell’erosione, tali ambienti sul nostro pianeta sono scomparsi molto tempo fa.

I ricercatori hanno anche in programma di localizzare l’origine di altri meteoriti marziani. In questo modo, sperano di ottenere un quadro il più completo possibile dell’intera storia geologica dell’ancora enigmatico pianeta rosso. “Vogliamo anche utilizzare gli stessi algoritmi per svelare i segreti della Luna e di Mercurio”, ha affermato la ricercatrice Gretchen Benedix. “Aiuterà anche a rivelare la loro storia geologica, oltre a rispondere a domande scottanti che potrebbero essere utili per future missioni sulla Luna e su Mercurio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *