L’Italia è stata il primo paese a bloccare ChatGPT, ma ora anche la Spagna sta avviando un’indagine

L’Italia è stata il primo paese a bloccare ChatGPT, ma ora anche la Spagna sta avviando un’indagine

L’Italia è stata il primo paese a bloccare ChatGPT, ma ora anche la Spagna sta avviando un’indagine

A seguito del blocco italiano del 31 marzo contro ChatGPT per presunta violazione delle norme sulla privacy, l’Autorità spagnola per la protezione dei dati personali (AEPD) avvierà un’indagine sulla società OpenAI. In una dichiarazione, l’AEPD ha spiegato di aver chiesto la scorsa settimana al Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB), di cui l’AEPD fa parte insieme ad altre autorità per la protezione dei dati, di includere il servizio ChatGPT come argomento di discussione durante la loro riunione settimanale.

L’AEPD spagnola ritiene che le operazioni di trattamento globali che possono avere un impatto significativo sui diritti delle persone fisiche richiedano azioni coordinate e armonizzate a livello europeo nel quadro del regolamento generale sulla protezione dei dati.

La commissione ha deciso durante il sessione plenaria giovedì per creare una “task force” per promuovere la cooperazione e lo scambio di informazioni sulle azioni intraprese dalle autorità di protezione dei dati.

Con l’avvio dell’indagine in Spagna e la partecipazione al gruppo di lavoro europeo, l’AEPD agisce parallelamente “nell’ambito dei suoi poteri e delle sue responsabilità di autorità di vigilanza e controllo nazionale, nonché in coordinamento con le sue controparti europee attraverso il Comitato”.

L’AEPD ha difeso “lo sviluppo e l’implementazione di tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale nel pieno rispetto del diritto applicabile”, in quanto ritiene che “solo su questa base lo sviluppo tecnologico possa essere compatibile con i diritti e le libertà delle persone”.

Dalla fine del 2022 si è scritto molto sull’intelligenza artificiale di ChatGPT. Ci sono sostenitori e oppositori di questo strumento per porre domande e tutte le cose che puoi fare con questa IA, ma ci sono anche problemi. In Italia il governo è preoccupato per la privacy e la trasparenza di ChatGPT perché dove vanno a finire tutte le informazioni e dove vengono archiviate? Per questo ChatGPT è stato bandito in Italia da fine marzo. Oltre all’Italia, anche la Francia e la Germania si stanno preparando a vietare ChatGPT se non ci saranno cambiamenti nella privacy degli utenti e nella protezione dei dati. La Spagna seguirà l’esempio con il divieto dello strumento di intelligenza artificiale?

READ  "Il Napoli riporta in Italia l'ex allenatore del Barcellona"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *