Lo stress è contagioso: ecco come uscirne: LIFE

Il disagio “invisibile” può arrivare a pesare non solo su di te, ma su tutto l’ambiente che ti circonda. Ecco tre classiche situazioni e suggerimenti per sfuggire allo stress

Per alcuni, una simile affermazione può sembrare esagerata, ma lo stress, uno dei problemi “invisibili” più comuni del nostro tempo, è veramente contagioso. L’ambiente in cui ti trovi, ad esempio il posto di lavoro, può trasmettere stress che fai fatica a rilasciare anche fuori dall’ufficio, ma non solo: viceversa, anche il tuo stress personale può arrivare ad avere. effetti spiacevoli e soffocanti sul partner, sugli amici e sui colleghi stessi.

AIS, American Institute of Stress, definisce lo stress, senza drammatizzarlo, un fenomeno soggettivo, ma conferma che questa condizione è una risposta emotiva e / o fisica che si manifesta di fronte a situazioni o cambiamenti che ci rendono instabili e ansiosi. Infatti, nelle ultime ricerche, è stato dimostrato che lo stress può essere trasferito agli altri sotto forma di contagio, a seconda di come la tensione creata influisce sul tuo cervello o su quello di chi ti circonda.
Se sei una persona che tende a soffrire di stress frequentemente, rischi di portare il tuo bagaglio emotivo e relazionale anche a casa e al lavoro in un circolo vizioso continuo, pesando non solo su te stesso ma anche sugli altri. Abbiamo descritto i comportamenti comuni che possono verificarsi sotto stress e come puoi provare a reagire ed evitarli.

Lo stress ti fa sentire centrato su te stesso

Chi porta lo stress della giornata nella dimensione intima, a casa, lamentandosi costantemente con il proprio partner, magari del lavoro, tende ad essere visto come qualcuno che si identifica, che si vede sempre al centro delle cose. drammi. E chi interpreta i propri problemi come più degni di attenzione rispetto a quelli degli altri, e più importanti della motivazione stessa per trovare la pace della mente a casa, un luogo dove dovresti lasciare fuori tutto il resto e dedicarsi a tempo di qualità.

READ  In arrivo l'eclissi solare totale: non perdere lo spettacolo (anche da casa)

Come reagire

Se lo stress come nell’esempio qui mostrato proviene dall’esterno, probabilmente dal lavoro, l’ideale è lasciare davvero tutto lo stress del lavoro fuori casa, se possibile, o almeno non sempre Prendilo con te. Esci dal centro del palco e smettila di sentirti protagonista, e ricorda che tutti hanno giornate stressanti. Chi ti aspetta a casa vuole trovare con te un punto di conversazione, un luogo da condividere e quindi, per rispetto del tuo partner o dei tuoi figli, evita di essere licenziato e concentrati sul tempo insieme … perché a lungo andare perderai l’equilibrio nella tua relazione.

Gli altri “cambiano” i giorni

Questo è il tipico esempio di stress sul lavoro. Se l’intero ambiente è intriso di insoddisfazione e richieste difficili da soddisfare, o da un capo che diventa uno spauracchio per l’intera squadra, lo stress può diventare una valvola di sfogo che passa da dipendente a dipendente. In questo modo si logora non solo lo stato d’animo di gruppo e le relazioni individuali tra colleghi, ma anche la produttività che sarebbe maggiormente penalizzata dallo stato d’animo negativo del gruppo.

Come reagire

In questo caso le soluzioni sono due, anche a seconda del rapporto che hai con i tuoi colleghi. Il primo è sicuramente fare un passo indietro, essere professionali e tracciare confini netti, concentrandosi su se stessi senza diventare eccessivamente empatici con chi è stressato: le tue capacità di ascolto potrebbero farti una “spugna”. che assorbe tutti i problemi degli altri. , che trovare un ascoltatore, potrebbe anche “esagerare” sfogandosi. Il secondo, se hai un ottimo rapporto con la tua squadra, è trovare modi per scaricare insieme lo stress e lasciarlo alle spalle: dalle battute in codice sul temuto capo alle bevande postali al riequilibrio emotivo.

READ  Il campione di sperma più antico di sempre

Adotta atteggiamenti incentrati sullo stress

Molte persone hanno atteggiamenti ripetuti durante i periodi di stress che feriscono non solo se stessi ma anche le loro relazioni. Un tipico esempio è quello di chi si chiude improvvisamente in se stesso, evitando in ogni momento le interazioni di routine anche con le persone più vicine, allontanandole: escludendo gli altri senza una ragione apparente, non si creerebbe solo un “Trauma” a livello comunicativo, ma soprattutto non permetti un vero scambio reciproco, “cancellando” la tua parte vulnerabile, che al contrario non dovresti aver paura di mostrare.

Come reagire

Devi prepararti, o imparare, ad affrontare lo stress con metodi sani, perché comportamenti come questa esclusione, in un lungo periodo di stress, possono trasformarsi in un vero problema: diventare emotivamente riluttanti con il partner con cui stai. la convivenza, o con amici e familiari, per esempio, non solo li farebbe male, ma danneggerebbe l’intera relazione. Lo stress è qualcosa che crei nella tua testa: la stessa situazione, infatti, può essere letta da due persone diverse come “un disastro ingestibile” o come “un piccolo casino che passerà”, a seconda di quale disposizione mentale ti trovi di fronte. . Per questo dedica te stesso ad attività che ti aiutano a concentrarti su te stesso, che danno importanza ai tuoi spazi e che non danno loro paranoia, e che possono funzionare come antistress nella vita di tutti i giorni: uno sport che ti interessa, un’attività meditativa, o anche tenere un diario, per non perdere mai di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *