Mantenere il personale in forma: le esigenze dei dipendenti più anziani vengono ignorate |  ADESSO

Mantenere il personale in forma: le esigenze dei dipendenti più anziani vengono ignorate | ADESSO

Sempre più aziende si stanno rendendo conto dell’importanza dei dispositivi di vitalità. Offrono sport al lavoro o opzioni più salutari per il pranzo. I dipendenti più anziani sembrano meno propensi a utilizzare questi dispositivi rispetto ai dipendenti più giovani. Cosa può fare un datore di lavoro al riguardo?

Una lezione di sport al lavoro con esercizi veloci e intensi e solo trenta secondi di riposo in mezzo. “Puoi vedere da questi tipi di lezioni sportive che molti programmi di vitalità aziendale sono rivolti principalmente ai dipendenti più giovani”, afferma Anne van der Put, uno dei ricercatori del modello di vitalità e uno studente di dottorato presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Utrecht.

Questo è un grosso problema, secondo Van der Put. “È importante che i dipendenti di età superiore ai 50 anni possano raggiungere il pensionamento in buona salute e che riescano anche a superare gli ultimi anni di lavoro”.

Quando si sviluppano schemi di vitalità, viene prestata meno attenzione ai bisogni dei lavoratori più anziani, osservano i ricercatori. Van der Put: “C’è da dire che ogni persona è diversa. Uno sulla cinquantina ama andare a correre, mentre l’altro preferisce fare una lezione di yoga o camminare durante la pausa”. Inoltre, la gamma di pasti sani non si rivolge sempre a un gruppo target più anziano. “Penso che questa generazione abbia maggiori probabilità di portare il proprio pranzo al sacco che il pranzo al lavoro”.

“Le persone anziane agiscono solo quando vedono la loro salute o il loro corpo deteriorarsi”.

Sarah Detaille, professore associato

Un passo in più per il capo

Secondo Van der Put, tutti dovrebbero essere coinvolti nella vitalità sul lavoro. “Non solo per migliorare la salute dei lavoratori. Ha anche un effetto positivo sulla produttività”. La ricerca mostra che i dipendenti non solo sono più energici quando l’attenzione è rivolta alla vitalità, ma vogliono anche fare uno sforzo in più per il loro capo. Dopotutto, anche il capo fa il possibile per loro.

READ  Il mito dei 10.000 passi

Secondo Sarah Detaille, professoressa associata presso la Hogeschool Arnhem/Nijmegen e specialista in futuro del lavoro, è importante guardare non solo all’età ma anche alla posizione del dipendente. “La differenza tra vecchi e giovani non deve essere grande. Certo, va bene se i dipendenti più anziani sono inclusi nelle scelte relative alla politica di vitalità, ma in realtà si vuole che tutti i dipendenti ne siano coinvolti in modo preventivo. Quindi prima sorgono reclami Soprattutto nelle professioni pesanti in cui è più probabile che “l’usura” influisca sui dipendenti”.

Detaille ha condotto una ricerca sulla vitalità dei camionisti. Ha notato che i conducenti più giovani avevano maggiori probabilità di partecipare ai programmi. “I conducenti più anziani agiscono solo quando vedono la loro salute o il loro corpo deteriorarsi”.

Vai a fare una passeggiata dopo pranzo

Secondo Detaille, un datore di lavoro può già significare molto per i propri dipendenti chiedendo piccoli cambiamenti che migliorino la salute. “I camionisti hanno un lavoro duro. Stanno seduti tutto il giorno e probabilmente mangiano velocemente. Se hanno anche uno stile di vita malsano a casa, è più probabile che si deteriorino fisicamente. I datori di lavoro possono contribuire a una vita sana, ad esempio ponendo domande su quanto frutta che mangiano».

Detaille e Van der Put indicano che funziona anche per il dipendente più anziano avere un esempio o un modello di ruolo. Van der Put: “Se vedono qualcuno della loro età fare esercizio, mangiare sano o camminare durante il pranzo, questo fa già la differenza. Vedono qualcuno come loro, il che li fa sentire più vicini”.

“Questa fascia di età è anche meno abituata a mantenersi in forma al lavoro”, aggiunge Detaille. “Negli anni della giovinezza, non è mai stato detto nulla al riguardo. Quindi non spetta solo ai datori di lavoro continuare a comunicare, ma anche includere questi dipendenti più anziani nei vari schemi di vitalità”.

READ  Risposta di NGB, VNG e VB alla modifica della legge sulla sanità pubblica

Secondo Van der Put, un datore di lavoro può facilmente apportare modifiche in un’azienda a vantaggio di tutti. “Pranziare insieme, ad esempio, o fare una passeggiata dopo pranzo. Sono formule a bassa soglia adatte a tutti, dipendenti giovani e meno giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *