Marte, il rover Perseverance è pienamente operativo: invia le prime straordinarie immagini

L’arrivo sul pianeta rosso e le prime immagini inviate sulla Terra Un lungo applauso dal centro di controllo ha accompagnato l’arrivo su Marte del quinto rover della NASA, che ha già inviato le prime immagini scattate poco prima di toccare terra sulla Terra. Il veicolo è arrivato nel cratere di Jazero, uno dei luoghi più suggestivi per una missione che va alla ricerca di tracce di vita perché è il bacino di un antico lago. Ciò significa che tracce di forme di vita passate possono ancora rimanere nel sedimento.

Solo il 40% dei veicoli che finora hanno tentato di atterrare sul suolo marziano ha effettivamente raggiunto il proprio obiettivo. Curiosità ed entusiasmo si sono sentiti anche in Italia dove l’Unione Astronomi Italiani ha organizzato il Marte notte; serate di osservazione dedicate a Marte, con conferenze e osservazioni guidate con telescopi diretti verso il pianeta rosso.

“Perseverance è il rover più ambizioso tra i robot della NASA, il cui obiettivo scientifico è scopri se c’è mai stata vita su MarteLo ha detto il capo delle missioni scientifiche dell’agenzia spaziale americana, Thomas Zurbuchen.

Il rover cercherà la risposta “al lago del cratere, il sito marziano più difficile mai identificato per un atterraggio. “Formatosi miliardi di anni fa, forse a seguito dell’impatto di un asteroide, il cratere si è poi riempito d’acqua ed è diventato un lago profondo circa 500 metri, per diventare arido quando il clima su Marte è cambiato.

La perseveranza lo è il quinto rover della NASA a muovere le ruote su Marte, dopo l’arrivo del Sojourner nel 1997 con la missione Mars Pathfinder e che ha operato per meno di tre mesi, i gemelli rover Spirit e Opportunity, della missione Mars Exploration Rover sono arrivati ​​nel gennaio 2014 e attivi rispettivamente per sei e quasi 15 anni, e Curiosity, arrivati ​​con la missione Mars Science Laboratory il 6 agosto 2012 e ancora attivi.

READ  Nuovo look tra le strisce di Encelado

Lanciata il 30 giugno 2020, la missione Mars 2020 del Jet Propulsion Laboratory della NASA ha quasi viaggiato 3,9 milioni di chilometri in poco più di sette mesi ed è il terzo a raggiungere Marte in dieci giorni, dopo Hope Mission degli Emirati Arabi Uniti e Tianwen-1 della Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *