Maschere? La psicologia spiega perché dovresti continuare a indossarli



Le persone stanno iniziando a usare le maschere molto meno come dispositivi sanitari anti-Covid, ma è importante continuare a farlo e la psicologia sta insegnando come

Maschera (foto dal web)

L’emergenza Covid ha avuto molte ripercussioni sociali, tra cui quella dell’uso obbligatorio della maschera in luoghi chiusi o in ambienti troppo affollati per evitare situazioni di sovraffollamento ed eventualmente la diffusione del virus. Tuttavia, sei mesi dopo l’inizio della pandemia, molte persone iniziano a sentirsi al sicuro e non indossano sempre la maschera, quindi cosa fare in queste situazioni?

Ad esempio nella provincia di Sakarya, a Turchia nord-orientale, c’è una sanzione unica per coloro che sono catturati senza maschera in luoghi chiusi. Multa di 900 lire (circa 100 euro), tre giorni di quarantena obbligatoria e dieci libri da leggere. Il singolare provvedimento è stato annunciato pochi giorni fa dal governatore Cetin Oktay Yildrim tramite il suo profilo Twitter.

PER IMPARARE LEGGI QUI -> Covid-19, OMS: “In Europa i decessi aumentano a ottobre e novembre”

Nei paesi occidentali la situazione è leggermente diversa e non vi è ancora alcun ragionamento sull’uso di restrizioni fisiche e finanziarie per i trasgressori. Robert klitzman, direttore del master in bioetica alla Columbia University, in un articolo pubblicato poche settimane fa dal New York Times, ha analizzato le dinamiche sociali e psicologiche che spingono alcuni individui a coprirsi naso e bocca mentre altri violano le disposizioni nazionali e sanitarie.

Le maschere sono essenziali per proteggere noi e gli altri dal Covid-19, ma a nessuno piace indossarle. Sono calde e scomode, impediscono la respirazione, si appannano sugli occhiali, nascondono le espressioni facciali, interferiscono con la comunicazione e sono a disagioScrive Klitzman.

READ  un vero ammasso di stelle!

Quali input dovresti usare per convincere le persone a usare le maschere?

Navigli Milano (foto dal web)
Navigli Milano (foto dal web)

In qualità di psichiatra, ho anche visto come creano complesse dinamiche interpersonali “- Klitzman scrive di nuovo. “Molte persone sono riluttanti a indossare maschere facciali a causa delle implicite pressioni del gruppo e delle preoccupazioni su ciò che gli altri potrebbero pensare. Le campagne sulla salute pubblica sono fondamentali per cambiare le abitudini“.

PER IMPARARE LEGGI QUI ->Covid-19, l’epidemia si allarga nell’azienda di Polignano: le parole dell’epidemiologo Lopalco

Quindi quali messaggi dovrebbero essere trasmessi per incoraggiare l’uso della maschera? il quindi prima di tutto campagne di sanità pubblica perché veicolano messaggi che si assimilano come corretti nel tempo. “Il fumo, ad esempio, è stato ampiamente disapprovato da Cool, anche se ci sono voluti anni di ricerca medica e campagne di salute pubblica. Prima dell’11 settembre potresti lasciare temporaneamente la tua valigia nel terminal dell’aeroporto per andare in bagno; ora scatena la paura e l’intervento della polizia, concetto rafforzato da messaggi pubblici incessanti e incessanti: “Se vedi qualcosa, dì qualcosa”.

Maschera (Getty Images)
Maschera (Getty Images)

Infine, gli studi psicologici lo spiegano più persone vedono gli altri con maschere, più è probabile che ne indossino una. “L’esposizione a gruppi che si coprono il volto – conclude lo psichiatra – rende le persone meno strane mentre lo fanno”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *