Mathieu van der Poel è anche la grande star dello spettacolo in Italia

Mathieu van der Poel è anche la grande star dello spettacolo in Italia

Mathieu van der Poel è arrivato terzo alla Milano-Sanremo per il suo ritorno in gruppo.  ImageGetty Images

Mathieu van der Poel è arrivato terzo alla Milano-Sanremo per il suo ritorno in gruppo.ImageGetty Images


Il pilota aveva già trasformato in mattinata il bus della squadra Alpecin-Fenix ​​nella piazza lungo la costa adriatica, quando Van der Poel è emerso quindici minuti dopo per prepararsi alla prima tappa. L’organizzatore della modesta Settimana Coppi e Bartali vaga da tempo sotto un piacevole sole.

Si avvicina a Van der Poel. Con il pugno del braccio destro in avanti. Una ‘scatola’ per la grande star dello spettacolo. Ringrazia Van der Poel per essere venuto qui a mettere i suoi chilometri per iniziare le gare ciclistiche fiamminghe nella migliore forma. Van der Poel risponde con il pugno sinistro e un ‘oh’ di accompagnamentonessun problema

Più di quattro ore dopo, Van der Poel recupera l’acqua, quindi una lattina di Acquario. Ha approfondito la prima tappa della settimana del ciclismo, che prende il nome da due grandi ciclisti italiani. Le salite sono dure in Emilia-Romagna. Con un quarto posto vince la tappa Mauro Schmid, piuttosto soddisfatto Van der Poel. Principalmente perché ci si sente bene sulla strada. “Hanno guidato molto velocemente sulle salite, ma sono stato bravo con quello”, dice Van der Poel prima di accontentare un ragazzo con la sua firma sul manubrio di una mountain bike. “Sono contento della sensazione.”

Smartphone al passo con i tempi

Al via anche Chris Froome, Geraint Thomas e Vincenzo Nibali, tutti ex vincitori del Tour. Tutti e tre sono anche buoni per una vittoria di dodici round principali. Ma gli italiani che vengono qui a vedere Riccione si radunano davvero attorno a Van der Poel. Gli smartphone volano via, Van der Poel posa con pazienza e gentilezza.

La città costiera è a riposo. La maggior parte dei ristoranti è chiusa, i parchi giochi sulla spiaggia sono vuoti. Proprio come le decine di hotel lungo il viale. Sta aspettando l’estate. Van der Poel non si riposa. No, è appena iniziato. Questo era stato il suo mal di schiena per mesi. Adesso parla dei suoi piani per partecipare al Giro e al Tour. E parla di vincere. Perché Van der Poel corre per vincere. Tutto il tempo. Da tutte le parti. Anche in questo piccolo tour di cinque giorni che non è nemmeno in diretta TV. Un riassunto alle sette, dice con orgoglio qualcuno dell’organizzazione.

Sabato è stato visibilmente sollevato. Questo primo grande test di Milano-Sanremo è un successo. Sì, di terzo nella classica più lunga di tutte. Ma soprattutto perché dopo tutti questi mesi non ci aveva pensato troppo. Anche contro Riccione non ha niente da dire. Lo noti in tutto: vuole guidare molto veloce, molto. Quindi fai progetti. gare.

Impaziente, la chiama di nuovo a Sanremo. Ora ci torna quando gli viene chiesto. Perché: non corre rischi? Si definisce “vecchio” dopo la cerimonia del podio a Sanremo, quindi il terzo posto sembra un’occasione persa. Ma ci sono ancora tanti anni importanti davanti al 27enne Van der Poel. “Ma non sto correndo alcun rischio con questa rimonta”, ha detto. “Lo hanno assicurato gli specialisti. Non può andare peggio. Ma certo: dobbiamo stare attenti che le cose non vadano storte”.

mentalità

Van der Poel è un ghiottone. Vuole molto. Può fare molto. In viaggio, nei campi, in mountain bike. E questo non cambierà, afferma Christoph Roodhooft, supervisore di Van der Poel e caposquadra Alpecin, più tardi fuori dall’hotel. “Il pilota Mathieu van der Poel non cambierà dopo i problemi alla schiena. Né lo stato d’animo né la multifunzionalità. Non ci sono Olimpiadi quest’anno, quindi farà meno mountain bike. Ma ogni anno abbiamo adattato la pianificazione agli obiettivi importanti. Continueremo a farlo.

E no, Van der Poel non si è lasciato misurare in una posizione diversa sulla moto per alleggerire la schiena. È cambiato davvero qualcosa dopo che Van der Poel non ha corso per mesi a fine dicembre dopo un ciclocross a Zolder? La sua ultima corsa su strada risale ad ottobre con la Parigi-Roubaix.

Era più spesso scontroso a casa, dice questo fine settimana. Nelle ultime settimane in Spagna, animato da un senso di soddisfazione dopo un intenso allenamento, ha subito trovato il divertimento del ritiro. O come dice Roodhooft: “Forse mentalmente è stato bello essere fuori per un po'”. Per sentire: mi piace ancora molto andare in bicicletta.

In ogni caso, trasuda esattamente questo. Visto giusto in tempo per le grandi gare a venire. Il Giro delle Fiandre, l’Amstel Gold Race e la Parigi-Roubaix. Scommettiamo che nei prossimi giorni vuole vincere anche una gara in Italia. Perché sì, Mathieu van der Poel è tornato.

READ  La guerra aumenta la domanda di patate in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *