Maxime in viaggio: soggiorno culinario in Italia

Maxime in viaggio: soggiorno culinario in Italia

Sotto il titolo “Maxime in viaggio”, leggerai regolarmente storie sulle esperienze di viaggio dei redattori di MAX Today. Questa volta andremo in vacanza culinaria in Italia!

In loco tra Bologna e la Toscana

Amiamo molto la cucina italiana. Pasta, bruschette, pizza, tiramisù, pesto, ecc. E poiché anche a noi piace stare in cucina, decidiamo di fare una vacanza culinaria. Se cerchi online troverai un numero in Italia. Certo, puoi anche seguire corsi di cucina italiana nei Paesi Bassi, ma ci interessano anche le vere vacanze culinarie.

Scegliamo una vacanza culinaria situata sulle colline tra Bologna e la Toscana. Restiamo qui per 1 settimana, durante la quale seguiamo laboratori di cucina per 3 giorni e visitiamo anche prelibatezze locali. Sul sito ci sono 7 appartamenti, un edificio principale dove si trovano i laboratori e una piscina con vista sulle montagne.

La posizione in Italia.

La piscina con vista sulle montagne.

Il programma di questo cooking party

Le vacanze in cucina sono normalmente da sabato a sabato, ma siamo programmati per una settimana in più. Dura da domenica a domenica. Il programma è stato quindi leggermente modificato. L’organizzazione offre 3 diversi corsi di cucina. Il 1° ruota principalmente intorno alla cucina bolognese e toscana, con qualche deviazione. Il 2° ruota principalmente intorno alle specialità locali. E il 3° può essere prenotato solo per 2 settimane in autunno, perché sono tartufi e funghi.

La vacanza culinaria che finalmente seguiamo è una combinazione di 1 e 2. Lunedì, martedì e mercoledì cuciniamo, giovedì andiamo in una fabbrica di balsamico e visitiamo un vigneto. Il venerdì vediamo come si fa il parmigiano e il sabato sera usciamo a cena.

Qui impareremo come fare la pasta.

La composizione del gruppo

Le lezioni di cucina sono tenute dalla chef Stefania e dalla figlia Agatha. La dimensione del gruppo varia da 16 a 4 persone. Siamo fortunati ad essere in un gruppo di 4 persone in totale. In questo modo riceviamo molta attenzione personale mentre cuciniamo e possiamo fare molto da soli. Nel gruppo ci sono una madre e sua figlia e 2 donne single. È divertente seguire questi laboratori di cucina da soli o con i conoscenti. Ci sono momenti per stare insieme, ma c’è anche tempo per se stessi.

READ  Il Giro d'Italia avrà tre cronometro il prossimo anno, come nel 2020 | Bicicletta

Faremo la nostra pasta, interamente a mano

Il primo giorno faremo la nostra pasta. Completamente a mano, nessun macchinario è coinvolto. Un lavoro grosso, che richiede un po’ di muscoli. E soprattutto pazienza, perché spesso l’impasto ha bisogno di riposare. Produciamo la sfoglia, base per tagliatelle e tortelloni. Le tagliatelle sono strisce di pasta un po’ più spesse ei tortelloni sono un tipo di pasta ripiena e sono piegati in modo particolare. Facciamo anche salse con questi 2 tipi e oggi prepariamo un dolce italiano: il fior di latte.

Prepara la pasta da solo.Pasta Sfoglio, per fare le tagliatelle

Tortelloni, crudi e cotti.Tortelloni, pasta ripiena

Il dolce, fior di latte.Fior di latte

Il 2° giorno prepariamo bruschette, spaghetti alla chitarra con contorno e cantuccini. La chitarra è uno strumento che assomiglia molto a una chitarra. È una costruzione con corde come una chitarra, su cui viene stesa la pasta. Questo facilita la preparazione degli spaghetti.

Diversi tipi di bruschette.Diversi tipi di bruschette

Spaghetti alla chitarra.Spaghetti alla chitarra

Il 3° giorno è dedicato alla pizza e al tiramisù. Quello che prepariamo la mattina, lo mangiamo noi stessi durante il pranzo. Ogni giornata di cucina è un pranzo di 4 portate, con abbinamenti di vini della regione. Veri pranzi italiani, come spesso si vedono nei film. Accogliente a tavola, con antipasti, un primo piatto, un secondo e poi un dolce. La sera non abbiamo più bisogno di mangiare molto, come puoi immaginare.

Pizze fatte in casa.Prepara la tua pizza in un vero forno di pietra

Buone temperature, ma la piscina è ancora troppo fredda

Dopo pranzo nei giorni di cucina abbiamo tempo libero. Il tempo sta migliorando in questa parte d’Italia, dove poco prima c’era molta pioggia. Non ci sono segni di allagamento in montagna. La temperatura diventa persino così piacevole che puoi sdraiarti a bordo piscina con un libro. L’acqua stessa è solo un po’ troppo fredda. Ma pochi osano nuotare.

READ  Serata triste con le promesse dell'Europeo: giocatori tedeschi trattati come razzisti, Italia furiosa per il gol non assegnato | Calcio europeo U21

Viaggio a un produttore di balsamico

Anche le uscite in questo soggiorno culinario, con specialità locali, sono molto istruttive. Ad esempio, la maggior parte dell’aceto balsamico che acquistiamo al supermercato non è affatto una versione ufficiale. Proprio come lo champagne, anche il vero aceto balsamico è una denominazione protetta. Deve essere in una bottiglia speciale, provenire dalla giusta regione, con il giusto vitigno ed essere invecchiato in botti per almeno 12 o almeno 25 anni per essere aceto balsamico tradizionale di modena da chiamare. Anche se il processo di invecchiamento è andato come dovrebbe, ma è in una bottiglia diversa, non dovrebbe avere il nome ufficiale.

Qui maturano botti di aceto balsamico.

Gita alla fabbrica del parmigiano

Lo stesso vale per il parmigiano. Anche in questo caso, alla denominazione del formaggio sono fissate regole ferree Parmigiano Reggiano Puoi indossare. Il parmigiano viene prodotto in circa 300 fabbriche della regione. Inoltre, un agricoltore può donare il latte delle sue mucche solo a un posto e ci sono severi requisiti per le mucche. Il formaggio deve stagionare almeno 12 mesi prima di ricevere il nome di Parmigiano Reggiano. Altrimenti è solo formaggio.

Nello stabilimento dove potete dare un’occhiata vengono prodotti 100 formaggi al giorno. E che 365 giorni all’anno. Lo spazio di archiviazione è quindi ampio, come puoi immaginare. File e file di grandi forme rotonde. Alto un metro dal pavimento al soffitto. Le forme vengono rivoltate ogni settimana per l’affinamento. Fortunatamente oggigiorno una macchina lo fa, poiché i formaggi pesano circa 40 chili ciascuno.

Ecco come si fa il parmigiano.

Mucchi di parmigiano.

Un formaggio di recente produzione.

Il viaggio lì

Pieni di ispirazione e molto più saggi torniamo a casa domenica. La location è raggiungibile in aereo via Bologna. Si consiglia di noleggiare un’auto, perché il luogo di cottura è in montagna. La stazione ferroviaria più vicina dista 20 minuti in auto. Poi c’è una connessione bus, ma non funziona molto spesso. Puoi anche viaggiare in auto. Si trova a circa 1.300 chilometri da Utrecht.

READ  "In Italia la tradizione politica neofascista è diventata molto diffusa"

Sotto il titolo Viaggia al massimo leggi regolarmente storie sugli editori di MAX Today sulle loro esperienze di viaggio. Clicca su qua per una panoramica completa e altri racconti di viaggio.

(Fonte e foto: Editors MAX Today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *