“Molti italiani non ci saranno più. Non per viaggiare come in estate. Sciare? Per il momento non ci sono condizioni “

Covid e Natale. Un altro rallentamento, da parte del governo, di come gli italiani potranno trascorrere il periodo di ferie. Con 600-700 morti al giorno, parlare di una cena non è al suo posto, lo dico molto chiaramente “, il messaggio lanciato dal ministro degli Affari regionali e delle Autonomie Francesco Boccia a Life Live. Cosa succederà dopo il 3 dicembre vista la pressione sul governo su piste da sci, feste, ristoranti e altre attività? Il ministro è stato irremovibile: no ai viaggi di Natale come è successo durante l’estate. E sull’apertura delle piste: per il momento non ci sono le condizioni, verranno fatte altre valutazioni.

Viaggi e Covid: tutte le regole zona per zona e regione per regione

Le parole del ministro

“Non perdiamo il senso di comunità, tanti italiani non ci saranno più il prossimo Natale, ma non dobbiamo perdere il senso di comunità, emerso dalla prima ondata e che ci ha anche permesso di dimostrarlo il Paese ha una capacità di reazione molto forte ”, ha aggiunto Boccia a Vita in Diretta. “So che è difficile, per le famiglie, per i bambini che vanno a scuola, per gli operatori sanitari e per tutti noi, ma dobbiamo ancora resistere questo mese, dobbiamo tenerci per mano e Sono sicuro che vinceremo e ne usciremo più forti di prima. Ma – conclude – non dobbiamo lasciarci scoraggiare e perdere il senso di comunità che fa dell’Italia il Paese eccezionale che è ”. Sono certamente fermamente contrario a misure come quelle che hanno avuto luogo quest’estate ”, ha detto il ministro.

READ  Lo scherzo teatrale di Tommaso Zorzi e Stefania Orlando ai VIP - Grande Fratello VIP

Stagione sciistica

“Oggi le Regioni hanno fornito delle linee guida sulle quali si discuterà quando ci saranno le condizioni per riaprire, oggi non ce ne sono. Valuteremo nel prossimo Dpcm se le condizioni sono buone e cosa fare ”, ha dichiarato il ministro, rispondendo alla domanda di sapere se gli impianti sciistici potranno riaprire.

“Contagio ancora diffuso, rispetta le regole”

“Adesso siamo effettivamente in una sorta di seconda fase della seconda ondata e il sistema di zonizzazione territoriale ci ha permesso di mettere in sicurezza le reti, ma il contagio è diffuso, è un contagio diverso e c’è una pressione fortissima. sul prestito di salvataggio “, ha detto Boccia in un evento a Barletta. “Nella prima ondata, il 45% delle persone infette sono state trattate in ospedale ora solo il 5% ma il numero di positivi è dieci volte superiore, oggi abbiamo prodotto da 25 a 30.000 tamponi al giorno, lo facciamo 250.000, nella prima ondata dal 13 al 14% ha finito la terapia intensiva, ora siamo sotto l’1%, ma le cifre sono diverse ei medici hanno preso le misure anche in questa seconda ondata, ma dobbiamo aiutarli ”. “Al momento – conclude Boccia – non basta più tenere sotto controllo RT – cosa che siamo riusciti a fare eccezionalmente in questi 15-20 giorni – ma dobbiamo tenere sotto controllo i posti in zona medica, le richieste non devono aumentare, quindi dobbiamo continuare a rispettare le regole ”.

video

Ultimo aggiornamento: 18:52


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *