‘Nature’ ritira per la seconda volta un articolo dei ricercatori quantistici di Delft

‘Nature’ ritira per la seconda volta un articolo dei ricercatori quantistici di Delft

Per la seconda volta, a pubblicazione scientifica dal gruppo di ricerca del ricercatore quantistico di Delft Leo Kouwenhoven rimosso dalla rivista Natura† Dati di ricerca omessi erroneamente dalle cifre chiave. Anche i ricercatori della Eindhoven University of Technology hanno partecipato a questo studio del 2017.

Inizio dell’anno scorso cancellato la rivista Natura già una pubblicazione del 2018 del gruppo di ricerca Kouwenhoven. Gli autori hanno anche indicato che c’erano problemi con l’elaborazione dei dati. La TU Delft ha quindi avviato due indagini sull’integrità del metodo di lavoro all’interno del gruppo di ricerca. Queste indagini sono ancora in corso. Natura il secondo studio è stato ritirato.

Kouwenhoven è un ricercatore quantistico riconosciuto. È professore alla TU Delft. Nel 2007 Kouwenhoven ha ricevuto un Premio Spinoza per la sua ricerca. Nel 2016 è diventato direttore di un nuovo laboratorio nel campus della TU Delft, dove era in fase di sviluppo il computer quantistico della società tecnologica Microsoft. Kouwenhoven ha lasciato Microsoft il mese scorso. Kouwenhoven afferma che la sua partenza non ha nulla a che fare con lo studio ritirato del 2018, ha detto il professore sapere prima

Cerca le majorane

Kouwenhoven è alla ricerca di particelle di majorana stabili dal 2010. In teoria, queste possono essere usate come qubit (bit che un computer quantistico usa per i calcoli). I teorici dicono che esistono, ma mancano ancora prove sperimentali.

Kouwenhoven e i suoi colleghi stanno cercando di trovare particelle di majorana con nanofili, fili cinquanta volte più sottili di un capello. Nello studio del 2017, che ora è stato cancellato, il gruppo di ricerca di Kouwenhoven ha descritto un materiale per la generazione di particelle di majorana che ha sviluppato con il professor Erik Bakkers della Eindhoven University of Technology.

READ  Lars rende la matematica sexy su TikTok: "Voglio mostrare alcuni lati divertenti"

Il gruppo Bakkers di Eindhoven è specializzato nella nanofabbricazione. Per la ricerca majorana, il gruppo di Eindhoven ha prodotto una rete di nanofili. Il gruppo di Kouwenhoven a Delft ha studiato l’idoneità della rete di nanofili per la generazione di particelle di majorana. Nella pubblicazione, i ricercatori hanno affermato che è davvero un materiale perfetto con cui generare particelle di majorana per i computer quantistici in futuro.

Taglia e incolla

Ma questa affermazione è ora in discussione. La scorsa settimana, gli autori dello studio hanno disegnato pubblicazione indietro a partire dal Natura a causa di problemi di elaborazione dei dati. Taglia e incolla una serie di grafici e dati in contraddizione con l’affermazione sono stati omessi dal post. Tutti i 25 coautori hanno accettato la decisione di ritirare l’articolo di conseguenza.

Array di nanofili, sviluppato presso la Eindhoven University of Technology.
Immagini della natura

“È molto deludente che lo studio sia stato ritirato”, risponde Bakkers. “Ma sono ancora dietro il lavoro che abbiamo fatto qui a Eindhoven. Ne sono ancora orgoglioso. Kouwenhoven non ha risposto a una richiesta di commento. Un addetto stampa di TU Delft afferma di non poter commentare l’argomento a causa delle assenze dovute alle vacanze di maggio.

Nello studio ritirato del 2018 affermazioni Kouwenhoven ei suoi colleghi hanno trovato la particella di maggiorana. Era una notizia mondiale in quel momento. Ma gli ex dipendenti di Kouwenhoven Vincent Mourik e Sergey Frolov hanno visto che, anche nello studio del 2018, i dati erano stati incollati e tagliati. Esperti esterni ai quali il TU Delft ha chiesto pareri conclusi in a rapporto che non c’era intenzione, “ma l’entusiasmo degli autori era cieco di fronte ai dati che non mostravano ciò che speravano”.

READ  Coronavirus Italia, crescono i contagi. Le regioni più a rischio

Secondo sondaggio

Lo scorso febbraio, la TU Delft ha avviato una seconda indagine sull’integrità del gruppo quando ha ricevuto segnalazioni secondo cui ancora più studi del gruppo potrebbero contenere errori. Questa indagine è ancora in corso.

I risultati di uno dei due studi sull’integrità sono il motivo per cui i ricercatori hanno ritirato uno studio da Nature per la seconda volta? Baker pensa di no. “Quando il primo studio è stato abbandonato l’anno scorso, gli autori, di propria iniziativa, hanno scansionato dozzine di studi alla ricerca di errori. Compreso il nostro studio del 2017. è in corso, non siamo autorizzati a dire di più.

Gli ex dipendenti Mourik e Frolov affermano di aver riscontrato problemi in almeno altri due studi del gruppo di ricerca di Kouwenhoven. Cosa accadrà con questo non è ancora chiaro.

Kouwenhoven rimarrà professore di fisica alla TU Delft senza appuntamento per il momento. Ciò significa che non è pagato dall’università. Questo è ancora il caso, conferma QuTech, l’istituto quantistico di TU Delft e TNO. Kouwenhoven ora supervisiona dodici studenti di dottorato presso QuTech.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *