Navi con oltre 500 migranti a bordo ormeggiate in Italia

Navi con oltre 500 migranti a bordo ormeggiate in Italia

SCIMMIA

Notizie ONS

Due navi di soccorso con a bordo più di 500 migranti e rifugiati hanno attraccato oggi nei porti italiani. Le donne, i bambini e gli uomini a bordo sono stati prelevati nel Mar Mediterraneo al largo della Libia e portati a bordo.

La nave Humanity 1 di SOS Humanity con 261 persone a bordo ha attraccato nella città di Bari. La Geo Barents, di Medici Senza Frontiere con a bordo circa 250 migranti, ha attraccato a Salerno, a sud di Napoli. Entrambe le navi erano ormeggiate vicino alla Sicilia prima di essere autorizzate.

Le navi attraccate a Bari e Salerno:

Navi che trasportano centinaia di migranti attraccano in Italia

Oltre a queste due navi, all’inizio di questa settimana anche la nave più piccola Louise Michel con 33 persone a bordo ha ricevuto il permesso di attraccare a Lampedusa.

Tema caldo per l’Italia

L’accoglienza dei migranti è un tema caldo per l’Italia. Il governo accusa le organizzazioni umanitarie di incoraggiare la fuga attraverso il Mediterraneo. Ai primi di novembre l’Italia ha ancora rifiutato la nave di soccorso Ocean Viking con a bordo 230 migranti. Anche altre tre navi di salvataggio furono inizialmente rifiutate, ma alla fine ammesse.

La Ocean Viking è stata finalmente autorizzata Bacino nella città francese di Tolone. Ciò ha portato a un malinteso da parte del governo francese, ma il governo italiano lo ha definito inappropriato. Ad esempio, il ministro dell’Interno Piantedosi ha ricordato che quest’anno il Paese ha già accolto 90.000 profughi.

La nave SOS Humanité ha compiuto un viaggio di oltre quaranta ore. Secondo l’organizzazione umanitaria, molte persone a bordo si erano ammalate a causa del mare mosso. Le persone a bordo provengono, tra gli altri, da Siria, Egitto, Camerun e Costa d’Avorio, precisa l’organizzazione umanitaria. Alla barca non è stato permesso di attraccare in Sicilia perché il rifugio per profughi su quell’isola è già sovraffollato, secondo il governo.

READ  Il nuovo Dpcm agita la maggioranza. Renzi: "Deve essere cambiato". Ira di Zingaretti: "No al raddoppio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *