“Non puoi fermarci”

“Non puoi fermarci”

PAPÀ

Notizie ONS

  • Helen Eker

    caporedattore clima ed energia

  • Helen Eker

    caporedattore clima ed energia

Diverse migliaia di persone provenienti da diversi paesi e continenti hanno manifestato al vertice sul clima a Sharm el-Sheikh, in Egitto. Hanno gridato slogan come “Non siamo sconfitti”, “Non puoi fermarci” e “Niente giustizia climatica senza diritti umani”.

Il vertice di Sharm-el-Sheikh durerà due settimane, così come le precedenti conferenze sul clima. Negli anni precedenti, come l’anno scorso a Glasgow, nel fine settimana si sono svolte grandi proteste, con decine di migliaia di attivisti che hanno marciato per le strade.

Questo non è il caso in Egitto. Il diritto di manifestare è stato limitato dal governo. E secondo Amnesty International, se vuoi protestare devi registrarti in anticipo. L’idea è che questo determini i militanti.

A differenza degli anni precedenti, l’evento di oggi rimane interamente all’interno della sede della conferenza. Si estende su diverse sale ben protette, grandi tende e spazi aperti nel mezzo. Durante il vertice è ufficialmente territorio delle Nazioni Unite. L’ONU garantisce l’incolumità dei militanti, oltre a ciò non c’è alcuna garanzia. Questo non rende i manifestanti meno combattivi. Chi sono e perché agiscono? Tre ritratti.

ILLUMINATO

Ewi Stephanie Lamma dal Camerun

“Nel mio paese c’è molta deforestazione e la terra sta diventando meno fertile a causa del caldo crescente. Di recente abbiamo avuto frane dopo forti piogge, che hanno ucciso persone e distrutto case. Ho 29 anni e lavoro molto con le donne e bambini Si accorgono che il clima in Camerun sta cambiando Siamo felici che il vertice sia ora in Africa Penso che gli africani dovrebbero parlare e assicurarsi che siano ascoltati.

READ  Due asteroidi delle dimensioni di un aeroplano voleranno vicino alla Terra oggi: due visite in un giorno

Per le soluzioni che devono essere messe in atto in Africa a causa del clima, sono gli stessi abitanti che devono agire. Dai soldi all’Africa e lascia che l’Africa faccia le sue ricerche e indichi i problemi che deve affrontare e lascia che applichi le soluzioni da sola”.

ILLUMINATO

Kentaro Yamamoto

Kentaro Yamamoto dal Giappone

“È difficile far sentire la nostra voce qui. Ci sono volute più di venti ore per arrivare qui a Sharm el-Sheikh. Ho 25 anni, ho studiato antropologia. Fortunatamente, oggi siamo stati in grado di fare una campagna per la prima volta. Rich I Paesi devono assumersi le proprie responsabilità, anche il Giappone deve pagare, perché gli altri Paesi si adattino ai cambiamenti climatici, il Giappone ha emesso molti gas serra ed è per questo che bisogna agire, anche per altri Paesi dell’Asia.

Personalmente sono molto preoccupato per il clima. Il Giappone è un’isola. Ci sono sempre più ondate di caldo e molte persone che lavorano all’aperto sono già svenute per il caldo. Si spera che riescano qui alla conferenza sul clima a limitare il riscaldamento a un massimo di 1,5 gradi”.

ILLUMINATO

in qualche modo

Un po’ di Brasile

“Mi unisco alla protesta perché è bello protestare con altri giovani di tutto il mondo. Ho 29 anni e lavoro per un’organizzazione giovanile. Rappresento la regione da cui vengo, nel nord-est del Brasile In nel mio paese si parla molto di tagliare le foreste Sono molto felice che abbiamo recentemente un nuovo presidente Sotto il suo predecessore Bolsonaro c’è stata molta deforestazione in Brasile, che è dannosa per il clima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *