non saranno giorni facili. Gaza, edificio mediatico bombardato

Gaza, ancora guerra tra Hamas e Israele: 200 razzi sparati nella notte

Tensione in ingresso molto alta Medio Oriente. Le sirene di allarme hanno suonato di nuovo a Tel Aviv e nell’area metropolitana in tarda serata. Si sono udite esplosioni nel cielo, forse dovute all’intercettazione di razzi lanciati da Gaza. Hamas ha rivendicato la responsabilità del lancio di razzi da Gaza. Non si hanno notizie delle vittime. Dopo aver minacciato di lanciare razzi su Tel Aviv, Hamas ha lanciato una pesante raffica di razzi da Gaza verso il centro e il sud di Israele. L’IDF lo segnala sul proprio account Twitter. “Uomini, donne, bambini e anziani sono attualmente nei rifugi”, hanno aggiunto le forze armate israeliane. Sempre intorno a mezzanotte – secondo la stessa fonte – un veicolo palestinese ha superato un checkpoint militare e ha tentato di sopraffare i soldati israeliani a sud-ovest di Hebron. Un soldato israeliano ha risposto all’attacco sparando al veicolo.

E, dopo la mezzanotte, l’aviazione israeliana ha effettuato un’intensa serie di attacchi aerei sulla Striscia di Gaza, hanno riferito i media palestinesi citati dal Times of Israel.

Ore prima, come accennato, Hamas aveva annunciato che avrebbe ripreso il lancio di razzi. tel Aviv a mezzanotte locale, 23:00 in Italia. “Per ordine del nostro comandante Mohammed Deif – aveva annunciato su Telegram l’ala militare di Hamas – Hamas cesserà il fuoco in direzione di Tel Aviv per due ore dalle 22 locali”. Dopodiché, la gente di Tel Aviv “tornerà su una gamba sola”, cioè in uno stato di incertezza e ansia.

In serata è intervenuto anche Benjamin Netanyahu. “Non c’è più un’operazione giusta o morale”. ha detto il primo ministro israeliano, riferendosi al conflitto con Hamas a Gaza. Netanyahu ha poi ricordato che le ostilità sono iniziate quando Hamas ha iniziato a lanciare razzi su Gerusalemme lunedì scorso. Il premier ha poi aggiunto che il conflitto sarebbe durato “ancora qualche giorno”. E allora. L’operazione in corso proseguirà “per il tempo necessario”. Netanyahu ha ringraziato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per il suo forte sostegno e ha sottolineato che Israele sta facendo tutto il possibile per evitare vittime civili. Parlando della violenza araba in Israele, Netanyahu ha usato il termine “terrorismo” e ha avvertito che “chiunque agisca come un terrorista sarà trattato come tale”. E infine. “VSAspetto giorni difficili, ma saremo uniti e forti“.

READ  Covid Toscana, nuovi positivi stabili: 441. Ricoveri stabili, nessun decesso

L’Egitto chiede un cessate il fuoco, anche parziale, per evacuare i feriti. A Tel Aviv è arrivato Hady Amr, l’inviato del presidente Usa John Biden, al quale Abu Mazen ha chiesto “di fermare l’aggressione israeliana”. Oggi, il Consiglio di sicurezza dell’ONU. In Europa è attento a possibili azioni antisemite. Una manifestazione pro-palestinese programmata oggi è stata bandita a Parigi. Un altro, la scorsa notte a Copenaghen, è degenerato in violenza.

L’aeronautica militare israeliana ha colpito il grattacielo al-Jala nel cuore di Gaza nel pomeriggio dopo un breve avvertimento. Ai piani superiori si trovano la sede di Al-Jazeera e le agenzie di stampa internazionali. compresa l’Associated Press. Gli altri piani sono occupati da uffici commerciali. Scoppia la guerra e nella Striscia di Gaza raggiunge anche la torre dei media, l’edificio della sede dell’Autorità Palestinese e di al-Jazeera distrutto da un raid, condannato dalla casa Bianca, con il presidente Joe Biden che ascolta al telefono il primo ministro Bibi Netanyahu. Ma, per la prima volta dal suo insediamento, il presidente degli Stati Uniti ha parlato anche con il leader palestinese Abu Mazen. Con il quale, secondo l’agenzia Wafa, ha sottolineato “gli sforzi americani con le parti per riportare la calma e ridurre la violenza nella regione”.

A Ramat Gan, sobborgo della città sede di ambasciate internazionali, compresa la residenza italiana, i missili hanno colpito una casa, uccidendo un uomo e danneggiando gli edifici circostanti. Finora in Israele ci sono 140 feriti e 10 morti in totale: 8 colpiti direttamente dai razzi, 2 per effetti collaterali. Hamas – mentre si trovava a Gaza, 145 vittime (di cui 41 bambini) e circa 1.100 feriti – ha rivendicato la responsabilità del saluto missilistico a Tel Aviv “in risposta al massacro” della famiglia Abu Hatab in un attacco dell’aviazione israeliana. Gaza, solo un bambino estratto dalle macerie è stato salvato. Israele ha risposto che il raid aveva lo scopo di prendere di mira alti funzionari di Hamas a Shati e che l’organizzazione terroristica “sta deliberatamente usando civili come scudi umani per proteggere le sue attività ostili”. La situazione non mostra segni di rallentamento. L’inviato di Biden Hady Amr, vice deputato per gli affari palestinesi e israeliani, è arrivato in Israele per cercare di trovare una mediazione. Secondo quanto riportato dai media, nelle prossime ore avrà contatti con le parti per cercare di porre fine al conflitto.

READ  Coronavirus Toscana, Giani anticipa il bollettino Covid del 28 dicembre: 181 positivi

Israele, il giallo delle “truppe di terra” a Gaza: trappola per i leader di Hamas nei tunnel? Razzi dalla Siria sulle alture del Golan

LE REAZIONI – Al Jazeera ha definito l’attacco aereo israeliano “un atto chiaro per impedire ai giornalisti di adempiere al loro sacro dovere di informare il mondo”. Significa mettere a tacere i media e nascondere la carneficina e le indicibili sofferenze della popolazione di Gaza ”. Sul campo, la battaglia diventa sempre più difficile. Dall’inizio del conflitto sono arrivati ​​circa 2.400 razzi da Gaza: la parte più colpita è stata il sud del Paese. Ma, dopo alcuni giorni di interruzione, decine hanno colpito anche Tel Aviv e l’area metropolitana, costringendo le persone – comprese quelle sulla spiaggia – a correre ai ripari.

Ultimo aggiornamento: 16 maggio, 00:59


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *