Oumuamua, troppe stranezze: ora c’è chi scommette sulla carriera per chiamarla “ spazzatura aliena ”

Ti ricordi Oumuamua, il “messaggero che viene da lontano che arriva primo”?

Il 6 settembre 2017 a.C. (prima di Covid), i responsabili del telescopio Pan-Starrs-1 (Telescopio panoramico e sistema di risposta rapida) alle Hawaii, lo vedono entrare nel nostro sistema solare da Vega, stella distante 25 anni luce. Viaggia a una velocità di circa 32 km al secondo. Man mano che si avvicina al Sole, la sua velocità aumenta, grazie all’accelerazione causata dall’attrazione esercitata dalla forza di gravità della nostra stella.

Il 9 settembre 2017 la sua traiettoria lo ha portato nel punto più vicino al Sole. Molti di coloro che lo osservano nei giorni successivi si aspettano di misurare una diminuzione della sua velocità, allontanandosi dal Sole e dalla sua forza. di gravità. ora agendo nella direzione opposta, deve provocarlo rallenta. Meccanica celeste banale secondo la legge di gravitazione universale. Ma no. Quando il 7 ottobre passa la Terra, continua ad accelerare. Un po ‘, circa 0,000005 m / s², ma Oumuamua accelerato. Non rallentare. Strano, molto strano, ma non è l’unica stranezza.

Innanzitutto è il primo oggetto interstellare da osservare nel suo transito attraverso il nostro sistema solare. Poi la sua forma. Dalle osservazioni emerge un oggetto con la forma apparente di un sigaro, lungo 500 metri e con un diametro di circa 40. Non è stato possibile scattare una foto ad alta definizione, ma è certamente 10 volte più grande. lungo che rotondo. Mai visto niente di simile prima. Finalmente è in cima brillante, almeno 10 volte più riflettente di qualsiasi asteroide o cometa conosciuto, come se la sua superficie fosse una lastra di metallo lucido. Misurazioni e dati non confutabili.

READ  Il sistema solare si è formato in due fasi: spazio e astronomia

È vero, il si impegna dopo essere passati vicino al Sole accelerano, ma sai perché e puoi vederlo. Quando il Sole si avvicina, la loro superficie si riscalda e rilascia gas, precedentemente congelati, che spingono la cometa come se fossero i gas di scarico di un motore a razzo. I gas così espulsi sono visibili nella forma della coda della cometa.

Oumuamua non è una cometa, almeno non una di quelle “convenzionali”: la coda non ce l’ha anche se per trovarlo è stata usata tutta l’attrezzatura disponibile. Niente, niente viene misurato: né gas né polvere di alcun tipo. Certo, c’è la possibilità che si tratti di una cometa di tipo sconosciuto, ma la probabilità di un tale evento è stata calcolata essere una su un quadrilione, una su un miliardo di miliardi. Molto piccolo. Potrebbe essere troppo.

Cos’è allora Oumuamua? Per scoprirlo bisogna leggere, il 26 gennaio, la spiegazione lunga, articolata e molto seria del libro. Extraterrestre: il primo segno di vita intelligente oltre la Terra (Houghton Mifflin Harcourt), autore Abraham “Avi” legge, direttore del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Harvard.

La sua tesi è che abbiamo a che fare con un oggetto artificiale, a artefatto. Oumuamua è un relitto, un relitto. Un pezzo di velo solare di tecnologia aliena. Quello che da lontano sembra un sigaro è un disco di materiale altamente riflettente spesso meno di un millimetro. La pressione del vento solare sulla sua superficie spiega l’accelerazione. Spiegare le dinamiche osservate, non è più strano. Sappiamo cosa vele solari, li usiamo anche noi.

Loeb aveva già suggerito, insieme al suo collega Shmuel Baily, la possibile origine extraterrestre di Oumuamua tre anni fa e dopo ampi studi, verifiche e approfondimenti, ha scritto un libro a riguardo. Anche per rispondere alle tradizionali conclusioni di “Oumuamua team dell’Istituto internazionale di scienze spaziali“Pubblicato a luglio 2019 il Astronomia della natura: “Non abbiamo trovato alcuna prova chiara a favore dell’origine extraterrestre d’Oumuamua “.

READ  tracce del DNA di Neanderthal negli esseri umani moderni

Loeb è dell’opinione opposta: Oumuamua è il primo test testato l’esistenza di civiltà extraterrestri tecnologicamente avanzate. Se ha ragione, forse ora è il momento di cominciare a pensare a come redigere eventuali trattati spaziali, le leggi dell’astroeconomia e le questioni politiche del cosmo.

Loeb è convinto della bontà della sua interpretazione al punto di rischiare la sua carriera accademico e scientifico pubblicando un libro il cui scopo “è motivare le persone a raccogliere più dati quando appare il prossimo strano oggetto”.

Se Loeb ha ragione, abbiamo stabilito un primo contatto con una civiltà extraterrestre. A dire il vero, l’abbiamo stabilito con il tuo spazzatura, ma devi iniziare, giusto? D’altra parte, ricorda Loeb, per capire le civiltà del passato, archeologi e paleo-archeologi scavano nella vecchia spazzatura … Certamente, questo ha innescato un putiferio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *