“Parlare con parenti a chilometri di distanza?  Gli elefanti possono farlo’

“Parlare con parenti a chilometri di distanza? Gli elefanti possono farlo’

Un koala maschio che emette un profondo ruggito, come se fosse enorme. O un ghepardo cinguettante, che sembra un innocuo uccello anziché un pericoloso felino. Il repertorio sonoro degli animali è molto più vasto di quanto si pensi. Questo anche perché la bioacustica, il campo che studia i suoni degli animali, è in pieno sviluppo: nuovi strumenti di misura e nuovi metodi di ricerca sono ancora in fase di sviluppo. Ma c’è un altro motivo, sottolinea la biologa austriaca del comportamento animale Angela Stöger (1976), specializzata in bioacustica. “Semplicemente non siamo abituati ad ascoltare veramente la natura. Spesso pensiamo ai versi degli animali come a una musica di sottofondo piuttosto che a una forma di comunicazione. Soprattutto quando si tratta di suoni che non conosciamo.

Nel suo libro recentemente pubblicato A proposito di topi che cantano e elefanti che strillano Stöger riferisce di due decenni di lavoro sul campo sui suoni degli animali, con i corrispondenti frammenti sonori. Se vuoi ascoltare gli strilli acuti degli elefanti o le grida ngwèh-ngwèh dei coccodrilli del Nilo appena nati, puoi scansionare i codici QR sparsi accanto al testo.

Il ruggito del koala nel tuo libro è fantastico. Perché un tale animale fa questo?

“I koala maschi non ruggiscono tutto l’anno, solo quando sono pronti per l’accoppiamento. Quindi emettono un richiamo di circa 30 hertz, se sei in una foresta di eucalipti, suona molto impressionante. Il tono basso assicura che possano essere ascoltati a lunga distanza, ma c’è anche un elemento competitivo. Spesso, anche gli animali maschi dalla voce tranquilla hanno più testosterone. Più profondo è il ruggito, maggiore è l’attrazione per le femmine.

“Le corde vocali di un koala sono troppo piccole per produrre questo suono profondo. Ma due biologi britannici hanno svelato il segreto: le pieghe del palato molle, vicino alla gola, sono eccezionalmente larghe. Quando inspiri, le pieghe della pelle si stringono, così possono vibrare come se fossero anche corde vocali.

Nel 2005 ho scoperto per caso che anche un elefante africano nello zoo stava strillando

Fai molte ricerche sugli elefanti. Che suono fanno?

READ  Medaglia Dirac, prima volta per l'Italia: è la fisica Alessandra Buonanno (che lavora in Germania)

“Coprono un repertorio molto ampio, da un rombo appena udibile intorno ai 20 hertz a strilli acuti, simili a cavie. Emettono quei toni più bassi usando il loro tronco. Questi sono infrasuoni, percepiti piuttosto che uditi, come i tremori di un terremoto, permettendo loro di comunicare tra loro a miglia di distanza.

“I segnali acustici acuti consentono agli elefanti di sentire quando sono eccitati per qualcosa, nel bene e nel male. Quello stridio può essere di circa 2.000 hertz, il che è impossibile per le loro corde vocali lunghe 15 centimetri. Lo fanno facendo vibrare le labbra , come i trombettieri.

“Inizialmente questo suono acuto era conosciuto principalmente dagli elefanti asiatici, ma nel 2005 ho scoperto per caso che anche un elefante africano nello zoo stava strillando. Si è scoperto che stava imitando il comportamento di due elefanti asiatici con cui ha vissuto per anni. E gli elefanti asiatici tra di loro spesso sembrano imparare lo stridio dai membri della famiglia Gli elefanti, come gli umani, sono quindi in grado di apprendere un repertorio vocale.

Alcune specie di uccelli adattano il loro canto al rumore di fondo, ad esempio cantando più in alto

Il linguaggio animale è simile al linguaggio umano?

“Il linguista Noam Chomsky ha definito il linguaggio come la caratteristica biologica degli esseri viventi. Proprio come noi, gli animali producono suoni per comunicare tra loro, con o senza le corde vocali. Il linguaggio umano è unico nel modo in cui lo abbiamo sviluppato e utilizzato, ma lo stesso si può dire di molti linguaggi animali. Specie diverse hanno abilità diverse. Siamo bravi a combinare i suoni e a dar loro un significato. Ma non possiamo, come gli elefanti, comunicare con parenti a chilometri di distanza senza aiuti tecnologici. O catturare le zanzare con la nostra voce, come fanno i pipistrelli.

READ  I pianeti dopo la morte del Sole

Cosa non sappiamo del rumore degli animali?

“Wow, così tanto. Non conosciamo ancora il repertorio vocale di molte specie. E prendi questo ghepardo che canta. Non sappiamo perché assomigli a un uccello. Forse è una forma di mimetismo acustico, imitando di proposito un’altra specie per proteggersi dai leoni nemici. Ma sono davvero necessarie ulteriori ricerche.

“Sappiamo anche poco dei suoni prodotti da insetti o anfibi. E forse alcuni suoni non sono ancora udibili con le attuali apparecchiature di misurazione. »

Come sarebbe il registratore di suoni ideale?

“Una combinazione di GPS, audio e video sarebbe la cosa migliore, in modo da poter vedere chi sta emettendo quale suono e quando. Ma almeno altrettanto importante è lo sviluppo di buoni algoritmi per analizzare il suono. È inoltre possibile utilizzare il monitoraggio del rumore come sistema di allerta precoce per prevenire conflitti uomo-fauna selvatica. Se senti avvicinarsi un branco di elefanti, gli abitanti del villaggio potrebbero mettersi in salvo in tempo.

Volevo studiare come l’inquinamento acustico colpisce i mammiferi marini

Gli animali soffrono di inquinamento acustico?

“Assoluto. Devono prima comunicare più forte per essere ascoltati, e questo richiede energia. Alcune specie di uccelli adattano il loro canto al rumore di fondo, ad esempio cantando più forte o in un momento diverso. Oppure partono per un’altra zona. Anche i mammiferi sono stati noto per adattare le proprie attività alla quantità di rumore. Ma non tutti i gruppi di animali sono così flessibili.

“E la parte peggiore è che il rumore è ovunque. Dagli oceani ai parchi safari, non c’è scampo. Ancora troppo poca attenzione viene prestata all’inquinamento acustico. Sott’acqua, gli animali possono essere deviati dal basso rumore delle navi portacontainer. Ed è già noto dai paesi del nord che lupi e renne si allontanano quando vengono eretti i mulini a vento. Gli animali non hanno cuffie con cancellazione del rumore con cui possono semplicemente silenziare il suono.

READ  Domani sera vedremo "la stella dei Magi" (allineamento tra Giove e Saturno), il gruppo bellonese pronto per l'evento

Quale suono animale è sempre nella tua lista dei desideri?

“Quello dei lamantini! Sono strettamente imparentati con gli elefanti. Da bambino ero affascinato dai mammiferi marini. Sono cresciuto con i documentari televisivi del biologo marino Hans Hass, una sorta di Jacques Cousteau austriaco, ea dieci anni conoscevo a memoria tutti i nomi delle balene. Erano gli anni ’80, gli scienziati avevano appena scoperto che le balene sapevano cantare. Affascinante.

“Durante i miei studi ho scelto tutte le materie di biologia marina, anche se vivo in un paese a quattro ore dal mare più vicino. Volevo studiare come l’inquinamento acustico colpisce i mammiferi marini. Ma poi è arrivato un professore e mi ha chiesto se volevo fare qualche ricerca sulla bioacustica degli elefanti. All’inizio pensavo fossero grandi, grigi e noiosi, ma presto li ho chiusi nel mio cuore.

Leggi sul linguaggio nelle mucche: “Quello che questa mucca vuole chiedermi ora è in realtà: chi sei? »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *