Perché troviamo i nostri bambini sempre più difficili

Perché troviamo i nostri bambini sempre più difficili

Qualcosa non va nei nostri bambini? I risultati dell’ultima indagine sulle famiglie del Department of Welfare, Public Health and Family suggeriscono che il loro comportamento sta diventando sempre più problematico. Ma è vero?

I nostri bambini in età prescolare stanno diventando sempre più difficili? A prima vista, i risultati di un sondaggio condotto su poco meno di 2.000 genitori sembrano puntare in questa direzione. In primo luogo, c’è il piccolo numero di genitori che riferisce di “nessuna difficoltà” nei propri figli. Nella precedente indagine simile del 2016, quasi il 68% dei genitori non aveva notato problemi significativi. Nel 2021, quando è stato condotto l’ultimo sondaggio, tale percentuale era scesa a quasi il 62%.

Questa diminuzione è in gran parte dovuta ai bambini di quattro e cinque anni. O forse più precisamente: la percezione dei genitori di bambini di quattro e cinque anni. Un quarto di questi genitori ha indicato che il loro bambino (a volte) aveva problemi comportamentali. Più del trenta per cento indica che il loro bambino è (a volte) iperattivo, mentre più del quaranta per cento indica problemi di comportamento sociale. Notevole: nessuna differenza significativa rispetto al 2016 si registra tra i 6-12enni e i 13-18enni.

Pandemia

Cosa sta succedendo qui? Kristien Nys, ricercatrice presso il Knowledge Center for Family Sciences (Odisee Hogeschool), indica la pandemia come possibile spiegazione. “Il sondaggio è stato condotto nel 2021 e le domande relative all’anno passato: il picco della crisi del coronavirus. È stato un periodo in cui i genitori erano letteralmente molto più vicini ai loro figli. anche resi più consapevoli dei problemi. Non possiamo dirlo con certezza se il comportamento di questi bambini fosse davvero più problematico. L’indagine familiare riflette ciò che osservano i genitori. E non è illogico che questi genitori siano stati osservati più da vicino durante la pandemia. L’ambiente di vita dei genitori era necessariamente molto più ristretto in quel momento.

READ  Il premio Nobel Anton Zeilinger smaschera le "spaventose" particelle di Einstein a Groningen

Un’affermazione simile arriva dal sociologo e ricercatore Kim Bastaits (Hogeschool PXL). “Molti genitori hanno lavorato da casa durante la pandemia”, afferma Bastaits. “Allo stesso tempo, anche i bambini erano più spesso a casa. Il comportamento agitato di un bambino di quattro anni sarà probabilmente percepito più facilmente come disturbante e quindi problematico in questa situazione. Anche il fatto che i genitori segnalino problemi legati al comportamento sociale più spesso rispetto al 2016 potrebbe essere collegato alla pandemia. I bambini avevano molti meno contatti sociali e quindi avevano meno opportunità di apprendere abilità sociali.

primi 1000 giorni

Bastaits osserva che alcuni di questi bambini avevano meno di tre anni all’inizio della pandemia. “I loro primi mille giorni non erano ancora finiti. Oggi sappiamo che questo è il periodo in cui lo sviluppo del bambino fa passi da gigante e in cui è anche sensibile alle situazioni stressanti nel suo ambiente. Anche questo potrebbe aver avuto un ruolo.

Tuttavia, la pandemia come spiegazione sembra alquanto illogica. Ad esempio, durante la pandemia, i bambini in età prescolare sono stati privati ​​dei contatti sociali di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Inoltre, la vita sociale al di fuori della famiglia è generalmente molto più importante per i giovani. Il fatto che i genitori di ragazzi dai 13 ai 18 anni segnalino molti meno problemi è notevole a questo proposito.

Forse, suggerisce Bastaits, c’è anche una spiegazione che non ha niente a che fare con la pandemia. “Negli ultimi cinque anni, c’è stata molta enfasi sull’importanza di quei primi 1000 giorni nella scienza, nella politica, ma anche nei media”, afferma. “Anche questo potrebbe aver reso i genitori di bambini piccoli più sensibili a certi segnali. Quindi forse avremmo visto questo aumento se non ci fosse stata una crisi della corona.

READ  Leo Kouwenhoven, pioniere olandese dei computer quantistici, lascia Microsoft

Diagnostico

La sensibilità dei genitori può essere aumentata anche per altri motivi. “Il fatto che più genitori indichino che il proprio figlio è al di sopra della media”, spiega Kristien Nys, “potrebbe anche essere collegato alla maggiore importanza della diagnosi nella nostra società. Per ricevere un sostegno adeguato a tuo figlio a scuola è necessario un certificato e quindi la diagnosi di ADHD. Può anche rendere i genitori più attenti a determinati segnali. Questo di per sé è una buona cosa, anche se va tenuto presente che il bambino medio di quattro anni è eccezionalmente attivo. Più o meno lo stesso vale per il comportamento del bambino durante la transizione da bambino a bambino in età prescolare. I bambini a volte sono piuttosto difficili. Questa è una normale fase di sviluppo e certamente non sempre indica un problema serio.

In altre parole, potrebbe essere stato lo zeitgeist piuttosto che la pandemia a determinare i risultati di questa indagine sulle famiglie. “Viviamo in un’epoca in cui parole come ‘depressione’ o ‘esaurimento’ non sono più tabù”, afferma Philippe Noens, professore di scienze della famiglia e ricercatore all’Odisee Hogeschool. “Non con gli adulti, non con i giovani, ma nemmeno con i bambini piccoli. Fino a poco tempo fa, le persone avevano difficoltà ad accettare l’idea che anche i bambini molto piccoli potessero rimanere bloccati in sentimenti negativi o oggi, per fortuna, ci prestiamo più attenzione, anche se il lato oscuro di questa consapevolezza è il rischio di fare diagnosi troppo in fretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *