“Pest non era così male in alcune parti d’Europa”

La peste nera non ha causato un gran numero di morti ovunque, secondo uno studio sui pollini.

L’attuale pandemia non è certamente divertente, ma il bilancio delle vittime è ancora molto al di sotto di quello della peste nera. A metà del 14° secolo, si stima che fino al 50% della popolazione europea morì di peste.

Ora una squadra guidata da un paleobotanico Alessia Masic, del Max Planck Institute for Human History, hanno importanti avvertimenti su questa cifra. del loro studio del polline sembrerebbe che gli effetti della Peste Nera differiscano notevolmente a seconda della regione.

Non un quadro completo

Come facciamo a sapere cosa fece la peste nera quasi settecento anni fa? Principalmente attraverso fonti scritte. Sfortunatamente, questi documenti non forniscono un quadro completo per l’intera Europa. Ci sono molte fonti per parti dell’Inghilterra, Francia, Italia e Paesi Bassi, mentre non si trova quasi nulla in Finlandia, Scozia e Ungheria, per esempio.

Inoltre, molti di questi testi trattano della peste nelle aree urbane, mentre almeno tre quarti della popolazione vivevano in aree rurali all’epoca. Anche questo può dare un quadro distorto, scrivono Masi e colleghi. Perché è del tutto concepibile che la peste fosse più letale nei luoghi dove la gente viveva nelle immediate vicinanze e dove l’igiene lasciava molto a desiderare.

Tuttavia, le aree così descritte sono considerate rappresentative dell’intera Europa. E poi si arriva alle stime in cui fino alla metà della popolazione europea dell’epoca fu uccisa dalla peste. Ciò equivarrebbe a 50-200 milioni di morti. (In confronto, 5,8 milioni di persone sono morte di Covid al momento in cui scrivo.)

READ  Milik, non c'è accordo tra Napoli e Roma. Ma Dzeko-Juve avanti

“Non ovunque catastrofico”

Ma gli effetti della peste furono ovunque ugualmente cattivi? Per indagare, Masi e il suo team hanno esaminato il polline di laghi e zone umide. Questo dà un’indicazione della quantità di grano coltivato nella zona in un certo periodo e della quantità di bestiame. Se per qualche tempo è molto inferiore a prima, ciò indica una mancanza di manodopera, ad esempio a causa della peste. Dal polline è anche possibile dedurre quante nuove foreste sono comparse, ad esempio perché i campi non erano più lavorati.

Nelle regioni dove secondo fonti scritte la peste avrebbe devastato, il polline ha infatti mostrato un calo significativo in agricoltura. Questo è stato il caso, ad esempio, di alcune parti della Scandinavia, della Francia, della Germania occidentale, della Grecia e dell’Italia.

Ma in altre regioni l’agricoltura non è affatto diminuita, come nel nord della Spagna. Quello che è noto come, in una parte dell’Europa, è stato coltivato più cereali intorno e dopo il periodo in cui la peste ha invaso il continente. Ciò valeva, ad esempio, per gran parte della Polonia, degli Stati baltici, dell’Irlanda e della Spagna centrale.

“Ciò significa che la mortalità della Morte Nera non era universale e non universalmente catastrofica”, hanno concluso Masi e due dei suoi colleghi in una dichiarazione. articolo di accompagnamento sul sito La conversazione

Non generalizzare troppo facilmente

Quante persone sono morte a causa della peste nera? Lo studio non fa alcuna dichiarazione in merito. Inoltre, gli scienziati possono solo indovinare le cause delle differenze regionali. In ogni caso, non è così semplice “più un’area densamente popolata, più mortale è la peste”. Anche fattori come le rotte commerciali, il tempo e il clima avranno avuto un ruolo.

READ  Deputati: Viola e Profumo condannati a 6 anni di reclusione e alla multa di 2,5 milioni. Il pubblico ministero aveva chiesto l'assoluzione

Ebbene, così scrivono Masi e i suoi colleghi La conversazione, il loro studio mostra che “non dovremmo generalizzare facilmente sulla diffusione e sull’impatto della pandemia più famigerata della storia”. Lo stesso vale, continuano, per altre pandemie passate, spesso descritte in ancora meno fonti. “Le pandemie sono fenomeni complessi con una storia regionale”, afferma Adam Izdebskicuno dei ricercatori, in a comunicato stampa† “L’abbiamo già visto con il covid, e ora lo abbiamo mostrato anche per la peste nera.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *