Professore olandese: chiedere alle donne di lavorare di più non è la soluzione |  Notizia

Professore olandese: chiedere alle donne di lavorare di più non è la soluzione | Notizia

Se le donne iniziano a lavorare più ore alla settimana, come richiesto dal ministero olandese, sarà anche necessario esaminare come i genitori possano condividere equamente questo lavoro retribuito e la cura dei figli. Altrimenti, potrebbe portare a tutti i tipi di problemi, avverte la professoressa di scienze sociali Mara Yerkes.

“La ricerca mostra che le donne che fanno più lavoro retribuito continuano a prendersi cura dei figli, fare i lavori domestici o prestare assistenza informale. Non è vero che se lavorano qualche ora in più spendono lo stesso numero di ore in meno in questo lavoro non retribuito ‘, dice Yerkes, che ha studiato la disuguaglianza di genere e i ruoli di genere, tra le altre cose. , ma anche meno soddisfazione nel rapporto con il partner.” Gli uomini assumono molto meno lavoro di cura se iniziano a lavorare più ore, dice.

Il fatto che le donne in media lavorino meno degli uomini è il risultato di ruoli di genere radicati che sono emersi negli anni 80. Sostenuto dal governo, è poi emerso il lavoro part-time e le donne hanno cominciato a conciliare lavoro e cura. “È stato un bel processo e i ruoli di padri e madri sono stati radicati negli ultimi decenni. Ci vorrà del tempo prima che cambi”, afferma Yerkes.

Secondo lei, è necessario un approccio più ampio se vogliono che le donne lavorino di più per ridurre la pressione sul mercato del lavoro. “Chiedere semplicemente alle donne se vogliono lavorare di più non è la soluzione. È necessario un cambiamento del sistema. Si tratta anche di garantire più congedi retribuiti e congedi sufficienti per madri e padri. E i datori di lavoro devono considerare che tipo di contratti possono offrire”, lei dice. Nel settore sanitario, ad esempio, non è sempre possibile semplicemente lavorare più ore.

READ  Scoperto un nuovo pianeta a 90 anni luce da noi: ecco i dettagli

Secondo il ricercatore, anche i ricercatori stessi scoprono che il lavoro retribuito e non retribuito è distribuito in modo diseguale tra uomini e donne. Ma spesso non lo vedono come un problema. “La nostra ricerca mostra che le persone vogliono davvero prendersi cura dei propri figli. Le madri, ma anche molti padri, lo trovano molto prezioso”, afferma Yerkes. “Quindi non vedono alcun motivo per cambiare qualcosa in questo.”

Ciò che gioca anche un ruolo è che spesso è difficile sapere cosa dà più lavoro nel portfolio. «In pratica, è difficile prevedere in anticipo se e quanti soldi dovrà spendere una famiglia non appena la donna comincerà a lavorare di più», spiega Yerkes. A causa, ad esempio, dell’assegno per la custodia dei figli, può rivelarsi sfavorevole anche al di sotto della linea. “Il governo dovrebbe renderlo più trasparente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *