puoi diventare dipendente dal caffè?

puoi diventare dipendente dal caffè?

Oro nero, una tazza di caffè, comfort o slime: solo una selezione dei nomi che abbiamo per una tazza di caffè. La bevanda energetica gioca un ruolo importante nella nostra vita. Tuttavia, ci sono ancora molte favole su questo argomento che circolano su Internet. È tempo di cambiarlo. In categoria Realtà o favola sul caffè parleremo con esperti per scoprire la verità. In primo piano oggi: quanto crea dipendenza il caffè?

Per molti olandesi (e ovviamente anche in innumerevoli altri posti nel mondo), una tazza di caffè fa parte del nostro rituale mattutino. Ci rende tutti dipendenti o non è così male? Metropolitana ne parla con la scienziata alimentare ed epidemiologa Trudy Voortman.

dipendente dal caffè

Supponiamo di bere una tazza di caffè ogni mattina. Giorno dopo giorno. Sei dipendente allora? “Ho il coraggio di dire ‘no’ ad alta voce”, ride Voortman. “Quando si parla di dipendenza, si parla più di uso problematico di sostanze. Le dipendenze sono spesso dannose per la tua salute o per i tuoi contatti sociali. Non è il caso del caffè, poche tazzine di caffè al giorno sono davvero salutari!

Inoltre, lo scienziato alimentare afferma che “non molte persone rapinano un bar o un supermercato”. Questo è qualcosa che potrebbe accadere con un’altra grave dipendenza. “Questo non è assolutamente il caso del caffè e rende la bevanda meno avvincente di quanto a volte pensiamo. Inoltre, le stesse regioni del cervello non vengono attivate quando si osserva la suscettibilità alla dipendenza.

Astinenza da caffeina?

Eppure sembra che sperimentiamo sintomi di astinenza quando vogliamo smettere di bere caffè. Secondo lo scienziato alimentare, questa dipendenza è dovuta alla caffeina nella bevanda. “A volte vedi persone che non bevono caffè nei fine settimana o in vacanza e all’improvviso hanno mal di testa. Se consumi caffeina ogni giorno, il tuo corpo può sicuramente abituarsi. In questo caso può capitare di avere sintomi di astinenza, ma nella maggior parte dei casi spesso passano rapidamente.

READ  Per la prima volta un satellite invia energia solare sulla Terra dallo spazio

Di quali sintomi di astinenza stiamo parlando? “Il caffè provoca un aumento della pressione sanguigna e una costrizione dei vasi sanguigni e, a volte, quando non si beve il caffè, i vasi sanguigni si allargano di nuovo. Questo può portare a mal di testa. Secondo Voortman, la maggior parte delle persone non ne soffre.

Potreste anche sentirvi un po’ più stanchi perché il caffè ha un effetto stimolante, ma secondo lei non si può dimostrare oggettivamente. “Puoi sentire rapidamente un effetto placebo: le persone pensano di essere più stanche, ad esempio, perché sanno di non aver bevuto caffè”.

Secondo Voortman, anche il nostro comportamento gioca un ruolo importante nel desiderio di caffè. “Bere caffè ogni mattina è un’abitudine e ci piace mantenere tali abitudini. Ed è fantastico, perché si inserisce perfettamente in una dieta sana. Associamo anche la bevanda mattutina a un risveglio piacevole e gioioso. Ha davvero diventare un rituale mattutino standard.

Conclusione

Il caffè crea dipendenza? Giudizio: no. In linea di principio, il caffè non rientra nella categoria “addictive”, poiché non ci sono problemi con l’uso di sostanze. I sintomi da astinenza sono spesso lievi e non colpiscono tutti. Anche bere la bevanda tonificante non fa male alla salute o ai contatti sociali. Se ne bevi qualche tazza al giorno, non sei immediatamente dipendente.

5 fatti e favole sullo sport: a quale (non più) credere?

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ti siamo grati.

READ  Giove e Saturno congiuntamente il 21 dicembre. È la stella di Natale - Cronaca

Risposta all’articolo:

Fatto o favola sul caffè: il caffè non crea dipendenza come pensi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *