Quasi due dipendenti su tre nei Paesi Bassi soffrono di stress sul lavoro, la salute mentale e il benessere stanno diventando sempre più importanti

Quasi due dipendenti su tre nei Paesi Bassi soffrono di stress sul lavoro, la salute mentale e il benessere stanno diventando sempre più importanti

Quasi due dipendenti su tre nei Paesi Bassi sperimentano stress sul lavoro, secondo l’ottava edizione del rapporto Cigna 360 Global Well-Being, un sondaggio che mappa la salute e il benessere delle persone in tutto il mondo. Sebbene questo numero nei Paesi Bassi sia leggermente inferiore alla media europea (77%), il risultato del rapporto è preoccupante. In tutto il continente europeo, il livello di stress dei dipendenti, leggermente diminuito nel 2021, è ora in aumento.

Gli elevati livelli di stress tra i lavoratori in Europa si riflettono anche in altri risultati del rapporto. Sembra anche che la salute mentale per il benessere generale sia molto apprezzata dai dipendenti olandesi. Oltre il 76% degli intervistati olandesi dichiara di ritenere importante il benessere emotivo e la gestione dello stress. Nell’ultimo rapporto, Esaurito dal lavoro: l’opportunità del datore di lavoro 2022, i risultati per i Paesi Bassi sono collocati in una prospettiva europea e si traccia un quadro allarmante del benessere mentale dei lavoratori in tutto il continente. I dipendenti più giovani (18-24 anni) sono i più stressati (91%) e mostrano sintomi di burnout (98%). I millennial (24-34) si sentono leggermente meno stressati, anche se i numeri sono ancora alti (87%) e sembrano anche più soddisfatti del proprio lavoro.

Secondo l’indagine, le priorità dei dipendenti sono cambiate negli ultimi anni. Questo è qualcosa che i datori di lavoro dovrebbero considerare se vogliono ridurre lo stress tra i dipendenti. Quattro dipendenti su cinque (79%) che stanno valutando un cambiamento di lavoro trascorrono più tempo a valutare le proprie priorità di vita rispetto a due anni fa.

Arjan Toor, CEO di Cigna Europe, conferma che i datori di lavoro svolgono un ruolo fondamentale quando si tratta di salute mentale dei dipendenti. “Negli ultimi tre anni, i dipendenti si sono esauriti e hanno rivalutato le loro vite e il loro lavoro. In questa nuova dinamica, in particolare nei Paesi Bassi alla luce dei risultati di questo rapporto, questa è un’opportunità per i datori di lavoro di ripensare al pacchetto di assistenza che offrono ai propri dipendenti. La salute mentale è in cima alla scala di valutazione nei Paesi Bassi e in Europa.

La ricerca mostra che i livelli di stress in Europa sono estremamente elevati. Più di tre quarti di tutti i lavoratori in Europa sono stressati e il 14% soffre di stress incontrollabile. I principali fattori di stress sono il costo della vita attuale del 39%, l’incertezza sul futuro del 30% e le finanze personali del 30%. Quasi l’89% di tutti i lavoratori europei ha avuto almeno un sintomo di burnout.

READ  Il tampone nasale può causare demenza? 5 volte perché ti fa male

Più della metà (56%) dei dipendenti intervistati ha indicato che il pacchetto di assistenza offerto può essere un fattore determinante nella scelta di un datore di lavoro rispetto a un altro. Non meno del 48% degli intervistati cerca servizi che li aiutino a condurre una vita più sana. Pertanto, i datori di lavoro devono guardare oltre le loro responsabilità tradizionali e creare una cultura che soddisfi le esigenze dei propri dipendenti.

“Le cattive prospettive economiche sono un fattore di stress sul lavoro. Anche se i dipendenti olandesi potrebbero non sentirsi ancora così stressati, la salute mentale è importante per loro. I nostri risultati altrove in Europa indicano che i datori di lavoro dovrebbero prendere sul serio i problemi di salute mentale dei propri dipendenti. Le cifre leggermente positive nei Paesi Bassi non sollevano i datori di lavoro dalla responsabilità di prestare un’attenzione continua.conclude Arjan Toor.

Per discutere le implicazioni di questi risultati, Cigna ha collaborato con The Economist e sta organizzando ‘Rewriting the Rules; Building a Healthy Hybrid Workplace’ il 1° novembre 2022. Durante questo webinar, Arjan Toor, CEO di Cigna Europe, accompagnato da Cary Cooper, Professore di Psicologia Organizzativa e della Salute presso Alliance Manchester Business School, Andy Davis, Head of Future Workplace Strategy e Crescita presso Fujitsu e Gertrud Ingestad Direttore Generale Risorse Umane e Sicurezza presso la Commissione Europea. Clicca su qua registrare.

Per leggere lo studio completo e scaricare il rapporto, visitare: www.cignaglobal.com/360-global-well-being/the-employer-opportunity.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *