Ralph Hamers lascia la carica di CEO della banca svizzera UBS |  Economia

Ralph Hamers lascia la carica di CEO della banca svizzera UBS | Economia

Con filmatoIl CEO olandese della banca svizzera UBS, Ralph Hamers, si dimetterà il 5 aprile. Dieci giorni fa, l’Unione delle banche svizzere ha rilevato il Credit Suisse, la sua controparte assediata nel settore.


Editoriale di economia


Ultimo aggiornamento:
08:12

Hamers viene sostituito da Sergio Ermotti, che guiderà in un periodo di transizione. L’olandese era in precedenza un uomo di punta di ING.

“Il consiglio di amministrazione ha preso questa decisione alla luce delle nuove sfide e priorità che UBS deve affrontare dopo l’annuncio dell’acquisizione”, ha affermato la banca in una nota. Secondo lei, l’attuale amministratore delegato Ralph Hamers ha accettato di dimettersi “nell’interesse della nuova combinazione, del settore finanziario svizzero e del Paese”.

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS è stata finalizzata nel fine settimana del 19 marzo. Il Credit Suisse è stato colpito da una serie di scandali e riferisce che sempre più clienti ritirano i loro soldi dalla banca. I mercati finanziari erano già tesi dopo il crollo della banca statunitense Silicon Valley.

L'amministratore delegato Ralph Hamers.
L’amministratore delegato Ralph Hamers. © REUTERS

Ricompensa

Hamers, di Simpelveld nel Limburgo, è a capo della più grande banca svizzera dal 1° novembre 2020. Nei suoi primi quattro mesi in UBS, ha ricevuto uno stipendio di 4,2 milioni di franchi svizzeri, ovvero l’equivalente di circa 3,8 milioni di euro. Questo era molto più di quello che guadagnava ogni anno come uomo di punta di ING. Tale risarcimento è stato pari a circa 2 milioni di euro nel 2019.

READ  l'agenzia del reddito fisso nuove condizioni

Un anno prima ci fu scalpore quando si seppe che il consiglio di sorveglianza di ING voleva aumentare il compenso di Hamers a circa tre milioni di euro. Questa misura aveva lo scopo di mantenere lo stipendio di Hamers competitivo e in linea con il mercato. Dopo le forti reazioni della società e della politica, la banca ha deciso di abbandonare il piano.

caso di riciclaggio di denaro

Alla fine del 2020, il tribunale dell’Aia ha annunciato che avrebbe perseguito l’ex amministratore delegato di ING per il caso di riciclaggio di denaro all’interno della banca olandese. Nel settembre 2018, ING è stata multata di 775 milioni di euro per negligenza antiriciclaggio, con l’accusa che ha affermato di non vedere alcun motivo per perseguire i singoli dipendenti di ING. Varie parti, tra cui l’attivista finanziario Pieter Lakeman con la sua Foundation for Business Information Research (SOBI), volevano che Hamers fosse perseguito per la questione.

UBS ha dichiarato in una risposta che Hamers aveva piena fiducia e ha preso atto delle informazioni relative alle accuse penali. All’inizio del 2021, quando UBS ha presentato i risultati per il 2020, l’amministratore delegato olandese ha affermato che avrebbe “collaborato pienamente” all’indagine antiriciclaggio e nutrito “grande fiducia” in un buon esito. Nelle sue stesse parole, ha agito “in buona coscienza” nell’affare ING. Alla fine ha pagato alla Procura i 775 milioni di euro richiesti.

Orgoglio

Hamers ha lavorato in ING per 29 anni ed è stato il capo della banca dal 2013. “Negli ultimi sei anni, Hamers ha trasformato ING in una banca digitale”, ha scritto la banca all’inizio del 2020 confermando la notizia della sua partenza per UBS.

READ  Unicredit tratta in esclusiva con il MEF per i deputati - Economia

“Sono orgoglioso di ciò che ho realizzato negli ultimi sei anni”, ha detto Hamers nella dichiarazione. “Abbiamo completato la riorganizzazione e rimborsato completamente il governo olandese. La nostra base di clienti è aumentata del 20%. Sono convinto che abbiamo compiuto i passi necessari per preparare ING a un futuro digitale e mobile.’


Guarda i nostri video di economia nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *