Recensioni |  La scienza è ancora alle prese con il genere, l’autoidentificazione non è tutto

Recensioni | La scienza è ancora alle prese con il genere, l’autoidentificazione non è tutto

Il professor UvA Jan Willem Duyvendak menziona la mia critica al genere non binario in un articolo di opinione NRC (1/3) ‘non scientifico’ e ‘politicamente motivato’. Ma in realtà, è proprio la scienza di genere odierna ad essere così ideologica che tutti i tipi di eccessi nel movimento di emancipazione non vengono più affrontati criticamente.

Secondo Duyvendak, l’emergere di un’identità di genere non binaria può essere facilmente spiegata dallo sviluppo storico-culturale delle relazioni di genere nei Paesi Bassi. Le genre est devenu moins pertinent parce que les différences entre les hommes et les femmes ont diminué en raison de l’émancipation, et de plus, ce que «l’homme» et la «femme» sont réellement était de plus en plus discuté dans la società. In questo modo si aprirebbe la strada all’attuale identità non binaria.

In questo modo, Duyvendak si colloca nella tradizione del costruttivismo sociale, la scuola di pensiero dominante nel campo. studi di genere. Secondo questa scuola di pensiero, le identità e le relazioni di genere nascono solo dal contesto socio-storico. Ad esempio, la filosofa americana Judith Butler sostiene che il genere è “performativo”: la distinzione tra maschio e femmina non dovrebbe essere determinata solo da norme culturali. fra diventare, ma anche Fare essere causato dal comportamento sociale. Diventi un uomo o una donna comportandoti come un uomo o una donna, questa è l’idea.

Questo pensiero è interessante e utile finché non appare la realtà fisica. Il fatto che abbiamo un corpo maschile o femminile non deriva dalla nostra cultura, dalla nostra storia o dal nostro comportamento. Nel pensiero costruttivista, il genere viene rapidamente ridotto a soltanto socialità, come se non ci fosse anche una realtà biologica e psicologica. Certo che ci sono. COME lo ha formulato il primatologo Frans de Waal: „La questione se ti senti uomo o donna è nella tua costituzione. Siamo esseri biologici, non possiamo funzionare in modo non biologico.

READ  Nella fabbrica di tamponi dove il contagio continua

Leggi qui l’opinione di Jan Willem Duyvendak: Anche i gay stavano ascoltando accuse contro i non binari

La disforia di genere esiste

Sì, esiste una cosa come la disforia di genere. È il sentimento di insoddisfazione per il genere di nascita, su cui si basa il fenomeno del transgender. Ma quando si verifica esattamente la disforia di genere e chi decide? Sotto la pressione degli attivisti trans, la richiesta di “autoidentificazione” sta guadagnando terreno. Le persone dovrebbero essere in grado di determinare da sole a quale genere appartengono. Spesso fanno riferimento alla scienza di genere costruttivista. Ad esempio, sta prendendo piede tra i giovani l’idea che essi stessi possano determinare se identificarsi come genere alla nascita, sesso opposto o nessuno dei due.

In questo modo, il transattivismo ha iniziato a propagare la radicale malleabilità di genere, da cui alla fine è emersa l’identità non binaria. Certo, la propria esperienza è importante, ma le persone possono anche avere un capriccio, essere innamorate di clamore e tendenze o soffrire di traumi sottostanti. Spetta ai professionisti separarli bene l’uno dall’altro per arrivare a una diagnosi approfondita. Non è così semplice.

Il Volkskrant recentemente riportato in dettaglio sulla crescente critica scientifica del famoso “Approccio olandeseai giovani transgender. L’uso di bloccanti della pubertà e l’intervento medico in giovane età sembrano avere conseguenze molto più negative per la salute fisica e mentale di questi giovani di quanto si pensasse in precedenza. NRC ha recentemente scritto sugli abusi nel trattamento delle persone transgender alla Tavistock Clinic di Londra, dove i medici si sono affrettati a curare per anni senza accordo sulla situazione clinica dei pazienti. Entrambi gli articoli riportano casi strazianti di persone che hanno attraversato complicate transizioni sociali, psicologiche e mediche e poi se ne sono pentite.

Tra i radicalizzati svegliatimovimento, identità come trans e non binarie sono diventate status symbol

Negli Stati Uniti e nel Regno Unito è un gruppo radicalizzato e spesso militante svegliativedi movimento. In esso, identità come trans e non binarie sono diventate status symbol, con cui le ragazze e le donne in particolare irradiano riluttanza nei confronti dei loro insegnanti, genitori e altre figure autoritarie. È politico.

READ  Wat na corona overbleef, was het kale feit dat ik mezelf niet was meegevallen

L’etichetta non binaria è usata avidamente anche nei Paesi Bassi dai giovani che hanno capito che il sesso, come il genere, è fluido e malleabile. Gli argomenti costruttivisti danno a questa idea una legittimità scientifica. Ma in realtà, il sesso è in gran parte un dato biologico e binario.

Nei circoli progressisti, le critiche all’ingegneria sociale attenta al genere vengono rapidamente respinte come conservatrici e discriminatorie. Ma la critica è importante, perché non va bene per lo sviluppo della sessualità dei giovani se sono inutilmente confusi su sesso e genere, e non va bene per il femminismo se veniamo privati ​​del linguaggio per parlare dell’oppressione patriarcale delle donne e della femminilità.

Leggi anche: “Quando si tratta di persone trans, tutti hanno paura di dire la cosa sbagliata”

Riconoscimento sociale

Quindi freniamo; sappiamo che l’autoidentificazione di genere ha dei limiti. Ad esempio, la domanda è fino a che punto l’etichetta non binaria rimane rilevante per i giovani una volta che hanno esplorato adeguatamente le loro preferenze sessuali. Lesbiche, gay e bisessuali sono identità che storicamente hanno sempre fornito ampio spazio a un’ampia diversità di espressioni di genere. Sappiamo anche che tutte le persone hanno una personalità androgina: tutti gli uomini hanno aspetti femminili e tutte le donne hanno aspetti maschili. Se ci sarà più riconoscimento sociale per questo, il disagio che molti giovani ora provano con il loro genere di nascita potrebbe scomparire.

Le persone che continuano a sperimentare una costante e persistente insoddisfazione per il loro genere innato dovrebbero chiedere consiglio a una clinica di genere professionale, dove la loro autoidentificazione è presa sul serio, ma anche esaminata criticamente. Bisognerà valutare se oltre al transgender c’è spazio anche per il non binario. Abbracciare indiscriminatamente la non binarietà come logico passo successivo nell’emancipazione non è in alcun modo responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *