Richiedente asilo (17) con diabete non riesce a raggiungere la sua insulina la sera

Richiedente asilo (17) con diabete non riesce a raggiungere la sua insulina la sera

Richiedente asilo (17) con diabete non riesce a raggiungere la sua insulina la sera

Un ragazzo di diciassette anni con diabete non riesce a raggiungere la sua insulina. È un richiedente asilo ed è assistito in un centro di accoglienza di emergenza. Il frigorifero comune con la sua insulina si trova ogni notte in una stanza chiusa a chiave. Ad ogni modo, il ragazzo non sa quanta insulina dovrebbe iniettarsi: nessuno gli dice quanti carboidrati ci sono nei suoi pasti. A breve termine, il ragazzo corre il rischio di avere una glicemia pericolosamente bassa o alta. E a lungo termine, i livelli di zucchero estremamente fluttuanti sono dannosi per i vasi sanguigni, gli occhi e il cuore.

La crisi dell’asilo sta danneggiando la salute dei bambini, secondo la fondazione Center of Expertise for Children and Young People New to the Netherlands (Ekann). Non c’è una buona assistenza di base nei centri di emergenza, le autorità hanno una scarsa visione dei bambini che hanno bisogno di cure ei medici stanno perdendo pazienti a causa dei traslochi.

Il ragazzo con il diabete è uno dei diciassette bambini rifugiati sui quali Ekann ha ricevuto un rapporto quest’anno. NRC ha avuto accesso a segnalazioni anonime.

“Questa è solo la punta dell’iceberg”, afferma Sara Sahba, pediatra e vicedirettore di Ekann. “Siamo stati fondati questa primavera. I dottori non sanno ancora dove trovarci. I medici possono chiedere consiglio a Ekann o segnalare un problema nella cura dei bambini rifugiati.

Sette dei diciassette rapporti riguardano bambini in rifugi di emergenza: chiese, navi da crociera, locali commerciali e palestre. L’assistenza medica è sotto pressione, ha scritto ad agosto l’Ispettorato per la salute e la gioventù: “L’assistenza a volte si limita agli aiuti di emergenza. Questo è inferiore alle normali cure mediche a cui tutti hanno diritto.

READ  Il CERN prevede di chiudere gli acceleratori di particelle per mancanza di energia - IT Pro - News

Cura frammentata

Nei centri ordinari per richiedenti asilo, l’assistenza medica è fornita da Healthcare Asylum Seekers (GZA). Dal GGD, Youth Health Care (JGZ) conduce un primo esame medico di bambini e giovani e valuta se è necessario un aiuto medico o psicologico.

L’assistenza è frammentata nelle aree di accoglienza di emergenza di crisi. Il COA organizza le cure lì con attori come GZA, medici generici della regione o tramite l’agenzia di distacco Arts en Spécialiste.

I medici distaccati a volte non hanno l’autorità o le risorse per fornire un’assistenza di qualità, afferma Sahba van Ekann. Hanno un accesso limitato ai sistemi ICT e alle cartelle dei pazienti. Sahba: “Se non puoi riferire o fare diagnosi, allora non puoi fare nulla come medico. Allora non puoi aiutare le persone che hanno bisogno di cure.

Poiché le cure non corrispondono, i bambini si mettono nei guai

Albertine Bauw fondatore di Ekann

Questo porta a situazioni pericolose. Ekann ha ricevuto una segnalazione di una bambina di sei anni con insufficienza renale che era già stata trasferita tre volte tra rifugi di emergenza. Non è stata esaminata. In una stazione medica, un medico ha diagnosticato alla ragazza la pressione alta. Il danno renale e l’ipertensione possono rafforzarsi a vicenda. Il bambino avrebbe dovuto essere visto immediatamente da uno specialista, ma il medico non ha indirizzato la ragazza. Se l’ipertensione e l’insufficienza renale non vengono trattate per lungo tempo, gli organi possono essere danneggiati.

Anche l’assistenza sanitaria per i giovani sta fallendo. È difficile per il GGD vedere tutti i bambini nel rifugio di emergenza per discutere e rivedere, poiché i bambini si spostano spesso, afferma un portavoce. E tutti i bambini non sono affatto registrati al COA, quindi è difficile compilare un file.

READ  Come gli smartphone possono aiutare a prevedere il nostro rischio di mortalità

“Per noi è chiaro che non abbiamo informazioni sufficienti sulla salute dei bambini”, afferma Sahba. “Non è chiaro a nessuno se ci sono bambini bisognosi di cure sul posto. Il COA non lo sa, il GGD non lo sa.

Le condizioni di vita sono spesso antigeniche, soprattutto per i bambini bisognosi di cure. Ekann ha ricevuto la segnalazione di un bambino di tre anni affetto da una sindrome rara, che era stato al pronto soccorso per sei mesi senza una dieta speciale o le necessarie attività quotidiane. Il bambino è peggiorato fisicamente e mentalmente. Un altro bambino, di nove anni, è stato ricoverato in un reparto di terapia intensiva in condizioni critiche dopo una settimana e mezza di malattia, ma in seguito non è stato possibile dimetterlo perché le condizioni di vita nel rifugio non erano adeguate.

“I bambini che soggiornano in un centro di accoglienza ricevono le stesse cure degli altri bambini nei Paesi Bassi”, afferma un portavoce del Ministero della giustizia e della sicurezza, che è responsabile della cura dei richiedenti asilo. “Le attuali sfide per l’accoglienza dei richiedenti asilo comportano anche sfide per l’accesso all’assistenza sanitaria, ma in generale l’assistenza medica ai figli dei richiedenti asilo è garantita”.

Scompaiono alla vista

Tra il 2015 e il 2020, i medici potrebbero presentarsi all’Associazione pediatrica olandese (NVK) per un esame. In questo periodo sono pervenute 185 segnalazioni. Quando la ricerca si interruppe, Sahba e Albertine Baauw decisero di creare Ekann. La fondazione è finanziata da donazioni di fondi privati. Il ministero ha annunciato che al momento non ci sono piani per finanziare Ekann da parte del governo.

READ  Lavoro sano e sicuro nell'edilizia » Bouwwereld.nl

In otto rapporti ricevuti da Ekann, i medici hanno affermato di aver perso pazienti da trasferire. Questo accade anche nei centri per richiedenti asilo. Gli operatori sanitari combattono questo problema da anni, afferma Károly Illy, presidente di NVK. “I bambini vengono visti nelle aree di accoglienza e accuditi, ma possono essere spostati in qualsiasi momento e poi sparire alla vista”.

Ekann aiuta i medici a trovare i bambini trasferiti ea riprendere le cure. “Meglio ancora, non trasferire affatto il bambino”, dice Sahba. “Se un medico vuole impedirlo, può anche contattarci. È meglio pianificare con largo anticipo che ripulire le macerie dopo.

“Molte agenzie si occupano di questo gruppo di bambini, ma poiché l’assistenza non è coordinata, i bambini finiscono nella merda”, spiega Albertine Baauw. “Perché abbiamo l’ammissione GZA, l’ammissione JGZ e il controllo della tubercolosi GGD? Vogliamo combinare queste azioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *