Rutte è caduta, si è rialzata e ha avuto “idee radicali”: cosa è successo?

Rutte è caduta, si è rialzata e ha avuto “idee radicali”: cosa è successo?

Il primo ministro Rutte non è mai stato così preso di mira durante il famoso dibattito sul “funzionare altrove” a Pasqua dell’anno scorso. Fino alla notte più profonda doveva combattere riconquistare fiducia dopo la fuga del memorandum “lavora altrove” su Pieter Omtzigt di cui non aveva “memoria attiva”.

Promessa guarigione

Rutte è uscito dal dibattito gravemente danneggiato, ma è rimasto primo ministro. Tuttavia, aveva iniziato a riflettere sul suo stile di gestione. Durante il fine settimana di Pasqua dell’anno scorso, ha annunciato alcune “idee radicali”:

Quali erano queste idee? Più dibattito e trasparenza. E una separazione più netta tra gabinetto e parlamento. La dimensione umana verrebbe prima. E non ci sarebbero più accordi sulle pensioni e sul clima a cui il Parlamento può solo dire “sì” alla fine.

Rutte ha anche chiesto un “club tra il gabinetto e la Camera” che aiuti i cittadini in caso di problemi con le organizzazioni esecutive. “Il governo riacquisterà quindi un volto più umano”.

“Non ancora abbastanza”

Siamo un anno dopo. Cosa è cambiato? “Abbastanza poco”, conclude Wim Voermans, docente di diritto costituzionale e amministrativo. “Non è ancora abbastanza”.

Voermans non ci vede quasi nulla nella promessa di essere più trasparente. “La Camera non è ancora completamente informata. E quando escono informazioni, spesso è con il freno a mano tirato”.

Voermans cita come esempio il dibattito sull’accordo sulle mascherine con il ministro Hugo de Jonge: “La Camera chiede da mesi i documenti sottostanti, ma sono stati rilasciati solo su ordine del ministro”.

‘Carreggiata non cambiata’

Anche il deputato dell’SP Renske Leijten non vede cambiamenti drastici. “Non credo che nemmeno Rutte sia cambiata nell’ultimo anno”, afferma il parlamentare critico. Leijten cerca la causa anche nel partito di Rutte: il VVD. “Il VVD continua a proteggere i suoi ministri e a tenerli al riparo dal vento. Lo Zwarte Piet sarà presto collocato alla Camera”.

READ  L'aeroporto di Eindhoven può ospitare otto voli da Schiphol

Non è anche dovuto all’implacabilità con cui l’opposizione a volte attacca i membri del gabinetto durante i dibattiti? “Lo trovo così facile”, dice Leijten. “Diciamo sempre: puoi sempre commettere errori, ma ammettilo, sii onesto e correggilo”.

Sii onesto e aperto

Il PS vede le cose che stanno andando meglio, cose positive: “I cambiamenti dipendono molto dalla persona e dall’atteggiamento. Vedo sicuramente dei buoni sviluppi. I ministri a cui parlo per i miei portafogli sono aperti, non ignorate non l’argomento e comunicare meglio. Ma un cambiamento radicale, no, proprio non lo vedo”.

Molto è ancora vecchio, pensa. Esempio: “Questa settimana è stato annunciato che l’amministrazione fiscale e doganale ha utilizzato criteri discriminatori per determinare il rischio di frode. I ministri interessati lo sapevano da un anno e mezzo, ma tacevano. Allora dimmi, penso. Sii onesto, apriti, confessa e recupera dai tuoi errori”.

Pensa che i parlamentari si sostengano meglio a vicenda; opposizione e partiti di governo. “Ci sosteniamo a vicenda per chiedere dibattiti e se il governo non consegna”.

Leijten vede davvero la dimensione umana solo a parole. “È sulla carta e si dice, ma non ti porta da nessuna parte.”

Non tutto è più in silenzio

Voermans è leggermente più positivo su questo punto. Vede il supplemento carburante di € 800 per i poveri e i prezzi del carburante più bassi come un buon esempio. “Ma non esiste ancora una hotline in cui i genitori nel caso dei sussidi possano ricongiungersi con i propri figli”.

In questo dibattito, ad esempio, sul supplemento per l’energia, vedete anche che l’Aula è coinvolta nel processo. “Non si negozia più tutto sotto silenzio. In passato la Camera a volte riceveva un accordo precotto con il messaggio: con questo bisogna farcela”.

READ  Scetticismo sull'impegno di Rutte per l'afflusso di asilo

“Ci stiamo lavorando sodo”

Come pensa che stia andando Rutte? “Ci stiamo lavorando sodo”, ha detto il premier durante la sua conferenza stampa settimanale. “Ad esempio, perché rendiamo tutto pubblico. Non lo voglio da solo, lo vuole l’intero gabinetto”.

Il Primo Ministro ha proseguito: “Quando prendiamo decisioni, esaminiamo le alternative che abbiamo e pubblichiamo i documenti sottostanti. Ci sforziamo per un rapporto più rilassato tra i funzionari e la Camera dei rappresentanti”.

Un altro membro del gabinetto ammette che a volte è ancora difficile per la nuova squadra di ministri sapere esattamente cosa comporti questa nuova cultura amministrativa. E come funziona esattamente in pratica il dualismo promesso (separazione tra parlamento e gabinetto).

Durante un dibattito sull’ulteriore sostegno al potere d’acquisto, alcune settimane fa, l’opposizione ha lamentato che solo i progetti dei partiti al governo avevano una possibilità. Decine di proposte alternative dell’opposizione, una per una, il gabinetto ha respinto.

Kaag e Rutte

La scorsa settimana, il ministro delle finanze Sigrid Kaag ha detto che lei e Rutte volevano parlare con l’opposizione del memorandum di primavera. Battute d’arresto e spese impreviste lasciano un buco di miliardi di euro nel bilancio. Dopo i negoziati all’interno della coalizione, anche Kaag e Rutte vogliono consultare l’opposizione per vedere se c’è sostegno alla soluzione scelta.

molto difficile

Anche il cambiamento di una cultura di governance è estremamente difficile, afferma l’esperto di pubblica amministrazione Gerrit Dijkstra dell’Università di Leiden. Questo non vale solo per la politica, ma per tutte le culture aziendali.

“Una cultura è profondamente radicata, qualcosa di intangibile e qualcosa che è stato creato per anni e non puoi semplicemente cambiarlo. È molto difficile. Per questo hai bisogno di idee concrete. Come hai intenzione di farlo, con chi e cosa fai?Se diventi molto concreto, non otterrai mai una cultura completamente nuova.

READ  il prezzo è esorbitante, il motivo

Funzionerà?

Funzionerà mai? “Solo se hai idee molto concrete e sai esattamente come le realizzerai. E anche in questo caso è qualcosa che richiede anni”. Leijten è cupo: “Finché Rutte e il VVD continueranno a salire al potere, non ci saranno cambiamenti radicali”, assicura l’SP.

Lo stesso protagonista, Mark Rutte, resta positivo: “E’ una ricerca. Non solo tra Gabinetto e Camera, ma anche tra Camera e Gabinetto. Ma ci lavoriamo duro. Ogni giorno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *