Rutte ei suoi partner Ue in Tunisia per un accordo sull’immigrazione, è in gioco

Rutte ei suoi partner Ue in Tunisia per un accordo sull’immigrazione, è in gioco

I premier Rutte e Meloni, a Roma all’inizio di quest’anno

Notizie ONS

Il primo ministro Rutte è oggi in Tunisia per discutere le possibilità di un importante accordo sulla migrazione con i partner dell’UE. Insieme al premier italiano Meloni e alla presidente Von der Leyen della Commissione europea, incontrerà il presidente tunisino Saied.

Saied ha dato il tono ai negoziati alla vigilia dell’arrivo dei leader europei, avvertendo che la Tunisia non vuole diventare la guardia di frontiera dell’Europa e che una soluzione non deve arrivare a spese del suo Paese.

Quattro domande sulla posta in gioco:

1. Cosa vogliono Rutte ei suoi partner europei dalla Tunisia?

Vogliono che Tunisi riduca la migrazione verso l’UE e accolga i migranti di ritorno, anche se non sono tunisini. Perché i paesi europei pensano che la pressione migratoria sia troppo forte. Ad esempio, c’è tra gennaio e l’inizio di giugno circa 50.000 i migranti sono salpati verso l’Italia attraverso il Mar Mediterraneo, molto più che nello stesso periodo nel 2022.

I leader europei non solo vogliono che meno migranti attraversino il confine, ma vogliono anche che i paesi dell’UE siano in grado di rimandare indietro le persone più facilmente se si scopre che non hanno alcuna possibilità di ottenere lo status di rifugiato. Secondo gli accordi europei su migrazione e asilo conclusi questa settimana, sarà possibile rispedirli nel Paese di partenza invece che in quello di origine, che in molti casi significa la Tunisia. Ma poi serve la collaborazione della Tunisia, perché i migranti al momento non sono i benvenuti neanche lì.

2. Perché parlare in particolare della Tunisia?

Come la Turchia – prima che firmasse un accordo sulla migrazione con l’UE nel 2016 – la Tunisia è ora un importante paese di transito per le persone che desiderano viaggiare in Europa. La metà dei migranti arrivati ​​in Italia quest’anno è partita dalla Tunisia. In larga misura, questo ha a che fare con la posizione geografica. Ad esempio, la città tunisina di Sfax dista solo 187 chilometri dall’isola italiana di Lampedusa.

READ  Atletica, Gianmarco Tamberi in finale alle Olimpiadi! I nostri grandi nomi - OA Sport

Insomma: Bruxelles vuole anche un accordo con la Tunisia oltre a quello con la Turchia, per chiudere un altro buco nel muro contro i migranti.

3. Perché la Tunisia dovrebbe partecipare a tale accordo?

La Tunisia è alle prese da anni con un’economia molto debole. La povertà e la penuria di cibo colpiscono la popolazione. Le aziende falliscono rapidamente. A causa dei prezzi elevati e della disoccupazione, il governo teme una rivolta popolare. Dopotutto, stiamo parlando dello stesso paese da cui la primavera araba ha iniziato a diffondersi nel 2011 con una tale rivoluzione.

Per questo è importante per il presidente Saied ricevere 1,9 miliardi di dollari dal Fondo monetario internazionale. Questo denaro è congelato a causa di una disputa tra il suo governo e il Fondo monetario internazionale. Se questo non viene risolto, non solo la crisi ma anche i disordini politici nel Paese peggioreranno.

La visita di Rutte, Meloni e Von der Leyen può offrire una soluzione. La Meloni ha espresso l’auspicio che l’incontro porti a una riapertura del dialogo tra Saied e il Fmi in modo che il grosso prestito possa ancora essere accettato. Inoltre, il presidente tunisino conta probabilmente su qualche miliardo di euro di sostegno europeo come ricompensa per un possibile accordo.

In questo esplicativo, spieghiamo perché la discussione sulla migrazione dell’UE continua:

Perché la discussione sulla migrazione nell’UE continua

4. Cosa significa questo per chi abbandona?

Se l’Ue riuscirà a raggiungere un accordo con la Tunisia e il Paese accetterà i rimpatriati, le possibilità che alcuni migranti rimangano sul suolo europeo dopo la traversata sembrano diminuire. I centri per l’asilo saranno istituiti alle frontiere esterne dell’UE, dove si deciderà rapidamente chi ha possibilità di asilo e chi no. Quelli senza fortuna vengono rinchiusi nei centri di detenzione e verrebbero poi rispediti in Tunisia.

READ  Lionel Messi e compagnia. rovina l'addio di Giorgio Chiellini all'Italia, l'Argentina affronta 'Finalissima'

Ci sono ancora incertezze. Il Parlamento europeo può ancora respingere l’accordo su migrazione e asilo. La domanda è fino a che punto la Tunisia sia un paese di accoglienza sicuro per i migranti di ritorno dall’Africa subsahariana. Gruppi di interesse avvisare che il paese sta diventando sempre più pericoloso per questo gruppo.

Alla fine, quindi, l’accordo dovrà essere negoziato con il presidente tunisino. Saranno coinvolti più leader europei di Rutte, Meloni e Von der Leyen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *