Rutte scuote la testa durante una discussione di gruppo con i bambini sulla schiavitù: “Schiavi, strano vero?  |  interno

Rutte scuote la testa durante una discussione di gruppo con i bambini sulla schiavitù: “Schiavi, strano vero? | interno

Con filmatoI bambini vogliono più lezioni sul passato della schiavitù. Buon piano, dice il primo ministro Rutte. Ma non vuole avere niente a che fare con la rimozione delle statue. “Solo gli uccelli ci fanno la cacca sopra.”


Tobia di Hartog


Ultimo aggiornamento:
16:10

Al Mauritshuis, gli occhi di Mark Rutte si posano su un dipinto raffigurante un “servo nero”. Lo schiavo che una volta interpretava un ruolo secondario sullo schermo accanto a un coloniale bianco, ora ha il ruolo da protagonista. Il Primo Ministro è al museo dell’Aia per parlare ai bambini del passato della schiavitù. “Sì, strano non è vero?” dice a Naeem (11) guardando la tela. “Schiavi, pooh, non puoi immaginare niente del genere adesso, vero?”

Rutte siede in cerchio con il ministro Hanke Bruins Slot (Affari interni, CDA) e quattordici studenti. Un sondaggio del Children’s Correspondent mostra che la maggioranza dei bambini nel nostro Paese desidera più attenzione per il passato. E come influisce sulla discriminazione ora.

In conversazione con il primo ministro Mark Rutte sul passato della schiavitù.
In conversazione con il primo ministro Mark Rutte sul passato della schiavitù. © ANP

,,Fai un buon piano di lezione”, dice Jari (16). “Non limitarti a buttarci soldi.” Rutte: “Ah, mi piace!” Il ministro Bruins Slot promette di parlare con il suo collega dell’Istruzione: “Lo metteremo al lavoro”. Rutte scherza: “Sì, anche quello è permesso una volta”.

Ascolta anche il nostro podcast Politics Close e iscriviti tramite Spotify O Mela:


Il tono della discussione in cerchio è più serio. Da quando il governo si è scusato, sono in corso lavori di follow-up. I soldi sono destinati alla “sensibilizzazione”, ma ci sono già proteste. Il rapper Akwasi ha definito i 200 milioni di euro una “risata”. E intorno alla commemorazione di sabato, i gruppi di azione chiederanno più fretta per “eliminare il razzismo istituzionale”.

chiamato “scimmia”

I ragazzi qui lo indossano gentilmente, ma la quattordicenne Mandy dice di essere spesso chiamata “scimmia”. “E quel tipo di parole sono anche segnate con il gesso sul muro a scuola.” Rutte scuote la testa: “Ragazzo, giovane, giovane.

Rutte viene presentata con una maglietta Xavi, che dovrebbe generare positività tra i giovani.
Rutte viene presentata con una maglietta Xavi, che dovrebbe generare positività tra i giovani. © ANP

Il passato è “una delle cause” della discriminazione, dice Rutte, che manovra abilmente oltre le sensibilità politiche. E i cittadini che si sono opposti alle scuse della schiavitù del passato “non sono a favore della schiavitù”. “All’inizio non ero favorevole a scusarmi. È stato solo quando ho capito quante persone dovevano affrontarlo che ho cambiato idea.”

Statue

Rimuovere le statue o, ad esempio, cambiare il nome del Mauritshuis (gli schiavi lavoravano nella piantagione di canna da zucchero dell’omonimo Johan Maurits) “non è una buona idea”, dice. Rutte: “Queste statue una volta erano onorate, ma ora solo gli uccelli defecano su di esse.” E poi più seriamente: ,,Penso che dovresti mantenere cose del genere, proprio come il nome del Mauritshuis. Ma devi dire cosa ha fatto quest’uomo”.

READ  Rimborso per la fornitura di energia da pannelli solari in forte calo all'Eneco

Xavi (16) dice che “non abbiamo imparato abbastanza dal passato”. ,,Le persone di colore trovano lavoro o tirocinio meno spesso.” Silver-Lin vuole sempre dare la ‘mancia’ a Rutte. “Stabilire regole severe contro la discriminazione”.

Il presidente del Consiglio “lo porta con sé” al Torentje, promette. Il mio ufficio è proprio accanto. Pensiamoci. »

Bambini e Tako Rietveld, corrispondente per bambini, prima della conversazione al Mauritshuis.
Bambini e Tako Rietveld, corrispondente per bambini, prima della conversazione al Mauritshuis. © ANP

Guarda tutti i nostri video di politica qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *