SARS-CoV-2: al cervello attraverso la mucosa olfattiva

Più di un paziente su tre trasportato riferisce sintomi neurologici come perdita o alterazione del gusto e dell’olfatto, mal di testa, affaticamento, disorientamento o nausea. Questi guai così come i casi di ictus registrati in forme molto gravi, ha fatto sospettare che il nuovo coronavirus possa attaccare anche il cervello. Ma fino ad ora non c’erano prove dirette di questa ‘migrazione’, di cui sono capaci anche altri virus (come quello dell’herpes).

Uno studio del Dipartimento di Neuropatologia dell’Universitätsmedizin Berlin pubblicato in Neuroscienze della natura fa luce su come SARS-CoV-2 utilizza per accedere al cervello: come si pensava in precedenza, il virus raggiunge il cuore del sistema nervoso centrale attraverso il rivestimento olfattivo.

Esami dopo la morte. Un team multidisciplinare di scienziati ha dettagliato i tessuti di 33 pazienti con un’età media di 72 anni che sono morti per forme gravi di CoViD-19. Le analisi si sono concentrate sulla mucosa olfattiva e su quattro diverse regioni del cervello, in cui è stato ricercato il materiale genetico del virus e l’ormai famigerata proteina di superficie Spike.

Tracce del virus sono state trovate in varie strutture neuroanatomiche che collegano occhi, bocca e naso (percorsi sensoriali verso il mondo esterno) con il tronco encefalico, la struttura alla base del cervello che lo pone in diretta continuità con il midollo spinale.

Attacco diretto. Tuttavia, è stata trovata la carica virale più alta mucosa olfattiva, la struttura anatomica di ciascuna cavità nasale che ti permette di percepire gli odori – in realtà un “ramo” di cellule nervose al di fuori del sistema nervoso centrale. Utilizzando traccianti speciali, gli scienziati sono stati in grado di rilevare particelle intatte di SARS-CoV-2 nelle cellule nervose e cellule epiteliali neuronali nel rivestimento olfattivo.

READ  La materia oscura può infatti essere costituita da buchi neri primordiali.

Corsia preferenziale. Per gli autori dello studio, questa è la “pistola fumante”, la prova che il coronavirus utilizza questo percorso per accedere a strutture neuroanatomiche più profonde, come il nervo olfattivo, e alla fine invadere il cervello, forse di passaggio. ‘da cellula nervosa a cellula nervosa o forse naviga rapidamente attraverso i vasi sanguigni adiacenti, sulle cui pareti sono state trovate tracce dell’agente patogeno. “Ma è importante sottolineare che i pazienti covidi coinvolti nello studio avevano quella che viene chiamata malattia grave e provenivano dal più piccolo gruppo di persone per le quali l’infezione è fatale. Pertanto, non è necessariamente possibile trasferire i risultati del nostro studio a casi lievi o moderati “, spiega Frank Heppner, uno degli autori.

Attacco. Confermando l’invasione, la squadra ha trovato segni di aattivazione immunitaria nel cervello, la mucosa olfattiva e il liquido cerebrospinale o alcol, il fluido che fornisce il sistema nervoso centrale. In alcuni casi l’attacco virale e la conseguente risposta dell’organismo avevano causato un’ostruzione (trombo) e interrotto il flusso sanguigno nell’area (ischemia cerebrale).

Per gli scienziati, il coinvolgimento del sistema nervoso spiegherebbe manifestazioni come la perdita dell’olfatto o del gusto; e poiché il virus è stato trovato anche in aree che controllano i processi biologici di base come la respirazione, l’ingresso del virus nel cervello potrebbe contribuire al peggioramento delle funzioni respiratorie o cardiovascolari nei pazienti più gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *