Schiphol risarcisce i viaggiatori che perdono un volo a causa del caos aeroportuale

PAPÀ

Notizie ONSModificato

I viaggiatori che perdono il volo a Schiphol a causa di lunghe code saranno risarciti dall’aeroporto. Ciò riguarda i viaggiatori che sono arrivati ​​in aeroporto in tempo tra il 23 aprile 2022 e l’11 agosto 2022, ma hanno perso il volo a causa del lungo tempo di attesa per i controlli di sicurezza.

Schiphol ha concordato questo con l’Associazione dei consumatori e Max Ombudsman. Questo è un accordo temporaneo. I viaggiatori possono beneficiare del programma fino al 30 settembre compreso.

Il CEO di Schiphol Dick Benschop mostra comprensione per le persone che hanno perso il volo non per colpa loro. “Troviamo estremamente fastidioso che ci siano persone che hanno perso il volo a causa di una lunga coda ai controlli di sicurezza. Devono aver perso una vacanza o parte della loro vacanza e siamo solidali con queste persone”.

L’aeroporto rimborsa solo i costi che non sono stati rimborsati in altro modo, ad esempio da un’assicurazione o da una compagnia aerea. Secondo un portavoce di Schiphol, attualmente sono state presentate circa 1.500 richieste di risarcimento. Si aspetta che quel numero continui a crescere.

Responsabilità verso i consumatori

“Sono lieta che Schiphol si stia assumendo le proprie responsabilità nei confronti del consumatore”, afferma Jeanine Janssen di MAX Ombudsman.

Ad esempio, può essere richiesto un risarcimento per i costi sostenuti per una nuova prenotazione di volo o per un volo sostitutivo. Possono essere rimborsate anche le spese di alloggio non utilizzate, o mezzi di trasporto alternativi per i viaggiatori che hanno dovuto raggiungere una destinazione in modo diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.