“La salute dei triatleti non è ancora una priorità”

C’è stato un grande trambusto in ottobre, quando si è appreso che nel triathlon olandese si erano verificati per anni gravi abusi. Ma è cambiato davvero qualcosa da allora? Questo è ciò che si chiede il medico federale Guido Vroemen. È preoccupato per il benessere dei talenti. “Non ottengono ancora il supporto che meritano”.

La partita per il titolo europeo femminile è in programma venerdì a Monaco di Baviera. Continueranno a nuotare, pedalare e correre per decine di chilometri come se nulla fosse cambiato? “Mi manca un’attenzione particolare alla salute e alla sicurezza”, afferma Vroemen. “Alcune bambole sono scomparse, ma il vecchio programma è ancora in esecuzione. Secondo me, non sta succedendo nulla.

La sua domanda principale è perché, dopo uno studio iniziale, che conteneva conclusioni ferme a dicembre, un migliore monitoraggio della salute fisica e mentale degli atleti non è ancora una priorità. “Mi sono offerto di aiutare con questo diverse volte, ma nessuno viene contattato”.

Non si chiede nulla al medico federale

Dopo le storie di abbandono del talento al National Training Center (NTC) di Sittard, il direttore tecnico Adrie Berk e il direttore generale Rembert Groenman hanno lasciato la Dutch Triathlon Association (NTB). Jordi Meulenberg è partito dai due allenatori principali. Sander Berk, figlio di, è ancora impiegato.

Vroemen: “Si è parlato molto poco di me come medico federale. Nessuno si chiede: come affronteremo questo in modo diverso? Sul sito dell’associazione c’è un documento con le linee guida mediche del 2018 nell’ambito di protocolli sportivi di alto livello, quindi non c’è ancora attenzione per questo. Non solo questo mi sorprende, ma mi irrita e mi frustra. Nonostante tutto ciò che è diventato noto, non ci sono prove che la salute degli atleti sia ora fondamentale.

Vroemen ha avuto esattamente una conversazione con il nuovo direttore tecnico Henry Bonnes. “Tornerebbe. Lo sto ancora aspettando. Rita van Driel, capogruppo dell’ufficio federale e nuovissima consulente per la sicurezza sociale, ha fatto visita al suo ufficio. “Poi ho pensato: ora qualcosa cambierà. Ma no, è rimasto in silenzio. Sospetto che come uno degli informatori di essere ignorato.

“Era letteralmente terrore”

Vroemen ha già incontrato Berk Sr. e Groenman nel 2019 per esprimere preoccupazioni sulla supervisione medica dell’NTC. Lui stesso non era coinvolto nella gestione quotidiana dell’attività, ma vedeva gli atleti che avevano lasciato il centro di allenamento nel suo allenamento per le prove. “Qualcosa è strutturalmente sbagliato qui”, ha riflettuto, in parte a causa dell’alto numero di uscite e delle storie che ha sentito su di loro. “Ho chiesto ai consiglieri: la salute non è più importante? Depressione negli atleti, disturbi alimentari e lesioni mal trattate. L’ho letteralmente chiamato terrore. È andato storto.

Vroemen: “L’allenatore è tutto nel triathlon olandese. Conosco l’esempio di un atleta che non si sentiva al meglio prima di una gara, poi si è arreso ed è stato portato in ambulanza. Non puoi lasciare che cose del genere passino. Non lasci la decisione se un atleta può iniziare ad allenare, vero? »

Il coordinatore medico di NTC è Jochen Cals, genero di Adrie Berk. Vroemen è stato coinvolto come consulente; il suo ufficio nel centro dei Paesi Bassi è troppo lontano da Sittard. Una linea guida dell’organizzazione sportiva ombrello NOC-NSF prescrive che i consigli si tengano entro un raggio di 25 chilometri. “Ma Cals è un medico di famiglia. Va bene per un’infezione respiratoria, ad esempio, ma le lesioni da sovraccarico richiedono un’esperienza diversa.

L’atleta non poteva scegliere

“Se un triatleta si infortuna, doveva andare a Cals. L’atleta non poteva scegliere. Con la sua diagnosi, l’allenatore ha deciso cosa è successo. Lo trovo assurdo. Perché l’allenatore parla di questioni mediche che non capisce? Credo che questo percorso medico sia ancora in vigore.

Vroemen è stato coinvolto nell’NTB come medico sportivo dal 2006. È anche allenatore-allenatore. Oltre ad alcuni triatleti, allena anche il campione paralimpico Jetze Plat e mountain biker, tra cui i campioni olandesi Anne Terpstra e David Nordemann.

“Ad ottobre c’è stato scalpore, ma poi l’interesse è svanito di nuovo. Poche cose sono cambiate, mentre gli atleti sono in un sistema che non è degno di uno sport di alto livello. Certamente, data la storia recente, devi essere in grado di esibirti in un ambiente sicuro. La classe che si trova ora nell’NTC riceve troppa poca attenzione. Allora intendo il monitoraggio della salute. Puoi mappare la fatica per vedere se sta andando nella direzione sbagliata.

La stanchezza si accumula

Questo è particolarmente importante nel triathlon. È uno sport, spiega Vroemen, e il talento non basta per realizzarlo. È necessaria molta formazione. “Richiede anche molto tempo di riposo e di recupero. Devi tenere d’occhio questo equilibrio. Ad esempio, se la variabilità della frequenza cardiaca diventa più monotona, ciò indica che l’affaticamento si sta accumulando e il recupero è insufficiente.

Anche la sensazione dell’atleta stesso è un indicatore importante. Vroemen chiede ai suoi atleti di compilare un questionario ogni giorno. Sei motivato ad allenarti? Dolori muscolari di ieri? Com’è la tua energia mentale? I dropout di NTC hanno detto di averlo perso. Non piagnucolare, allenarsi ed esibirsi era la parola d’ordine lì.

“Ad ogni atleta dovrebbe essere assegnato un programma individuale, con la propria intensità e tempo di recupero. Questa è un’altra recensione che ho fatto dell’NTC. C’è molto allenamento di gruppo. Poi c’è il pericolo di inseguire le persone oltre il limite. Dopotutto, il programma si basa sui migliori; quelli sotto che devono camminare in punta di piedi. Affinché gli atleti ottengano il massimo da se stessi, è necessario assicurarsi che rimangano intrinsecamente motivati, si divertano ad allenarsi e non si esauriscano. Devi farlo bene e ancora non lo è.

Bond non risponderà

L’associazione di triathlon non vuole rispondere alle critiche. Rita van Driel, attualmente capogruppo presso l’Ufficio federale, informa telefonicamente dopo aver consultato i colleghi che l’NTB si asterrà dal commentare.

Leggi anche:

Abuso in ginnastica, danza e triathlon: perché i migliori atleti sono così vulnerabili

Nello sport di alto livello l’obiettivo è spingersi oltre i limiti: bisogna essere più veloci, più alti, più potenti. Non è privo di pericoli, secondo il numero crescente di abusi che vengono denunciati. “L’atleta di punta tollera più sacrifici con tutti i rischi associati.

READ  Alzheimer e demenza: qual è la differenza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.