Scienziati fanno il collegamento tra la bomba ad acqua in Vallonia e il riscaldamento globale |  Scienza

Scienziati fanno il collegamento tra la bomba ad acqua in Vallonia e il riscaldamento globale | Scienza

È probabile che eventi meteorologici simili alle inondazioni che hanno devastato il nostro paese l’anno scorso, affermano gli scienziati, si verifichino più spesso a causa del riscaldamento globale. Le inondazioni hanno ucciso 39 persone e colpito 100.000 persone in Vallonia.

In linea di principio, piogge così abbondanti nelle nostre regioni si verificano solo ogni 400 anni. Ma con la crescente concentrazione di CO2 nell’atmosfera e il conseguente aumento delle temperature, è probabile che questi tipi di eventi meteorologici estremi diventino più comuni.

Per molto tempo, gli scienziati hanno esitato a dire che un particolare disastro naturale fosse stato causato dal cambiamento climatico. Hanno semplicemente affermato che è probabile che i disastri naturali si verifichino più frequentemente e saranno più gravi a causa dell’aumento del mercurio.

Progresso scientifico

Negli ultimi anni, tuttavia, il progresso scientifico ha consentito di realizzare i cosiddetti studi di attribuzione. Possono utilizzare uno studio statistico delle osservazioni e dei dati dei modelli climatici per determinare la misura in cui un evento meteorologico estremo è stato influenzato dal cambiamento climatico dovuto alle emissioni umane di gas serra.

La prima volta che ciò è accaduto è stato nel 2004. Questo studio ha esaminato l’ondata di caldo estivo del 2003 nell’Europa occidentale, che ha causato la morte di 70.000 persone.

Henk Deleu

© Henk Deleu

inondazioni

Sono state indagate anche le inondazioni del luglio 2021, che hanno ucciso più di 200 persone in diversi paesi. Lo hanno fatto 39 ricercatori belgi e internazionali guidati da World Weather Attribution (WWA), un istituto che studia la relazione tra eventi meteorologici estremi e cambiamenti climatici.

Lo studio si è concentrato sulle precipitazioni massime giornaliere durante il semestre estivo in una regione dell’Europa occidentale che comprende parti della Francia, dei Paesi Bassi, del Lussemburgo e della Svizzera oltre alle regioni colpite del Belgio orientale e della Germania occidentale. Sulla base delle osservazioni e dei dati provenienti da modelli climatici regionali dettagliati, i ricercatori prevedono che un tale evento meteorologico si verificherà una volta ogni 400 anni in ogni regione dell’Europa occidentale.

Cambiamento climatico

Lo studio mostra anche che la probabilità di precipitazioni così estreme nell’area di studio è aumentata di un fattore da 1,2 a 9 e che le precipitazioni estreme sono diventate più intense dal 3 al 19%. Ciò è dovuto al cambiamento climatico: dal periodo 1850-1900, la temperatura media globale è aumentata di 1,2 gradi Celsius. Un ulteriore aumento della temperatura media globale aumenterebbe ulteriormente la possibilità e l’intensità di questa quantità di precipitazioni.

Le inondazioni si sono verificate poche settimane prima della pubblicazione di un rapporto dell’IPCC, il panel delle Nazioni Unite sul clima. In esso, gli scienziati hanno affermato che il riscaldamento globale è senza dubbio dovuto all’influenza umana.

Climatologo: “Il Belgio si sta riscaldando più velocemente della media mondiale”

Nuovo rapporto sul clima: “Codice rosso per l’umanità”

Henk Deleu

© Henk Deleu

Notizie VTM

© Notizie VTM

Henk Deleu

© Henk Deleu

© Eric de Mildt

© © Eric de Mildt

READ  Il climatologo André Berger: "Il nucleare è necessario per il clima e la nostra bolletta energetica"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *