Scienziati: la Russia brucia enormi quantità di gas all’aperto, un “disastro ambientale”

Scienziati: la Russia brucia enormi quantità di gas all’aperto, un “disastro ambientale”

MOSCA, 26 agosto (Reuters) – La Russia spreca grandi quantità di gas naturale bruciandolo, in un’enorme fiamma arancionevicino al confine con la Finlandia, in un momento in cui ha ridotto drasticamente le forniture all’Unione europea, hanno affermato venerdì scienziati e analisti.

Gli analisti della società di consulenza energetica norvegese Rystad lo definiscono un disastro ambientale e stimano che la quantità di gas bruciato nell’atmosfera sia equivalente a circa lo 0,5% del fabbisogno giornaliero dell’UE.

La spettacolare eruzione può essere vista nelle immagini satellitari di Portovaya, il sito di una stazione di compressione per il gasdotto Nord Stream 1 sotto il Mar Baltico verso la Germania.

La Russia ha ridotto i flussi di gas attraverso il Nord Stream 1 ad appena il 20% della capacità e prevede di chiudere completamente il gasdotto per tre giorni la prossima settimana a causa di “problemi di manutenzione della turbina”. L’UE accusa la Russia di utilizzare il gas come arma nella lotta contro le sanzioni occidentali contro l’Ucraina.

Il flaring è una pratica comune nella produzione di petrolio e gas, ma i livelli attuali sono eccezionalmente alti e il Ogni ora è sensibile a causa delle restrizioni di fornitura russe.

Il colosso energetico russo Gazprom non ha risposto a una richiesta di commento.

Gli analisti di Rystad hanno scritto: “I livelli esatti di volume flaring sono difficili da quantificare, ma si ritiene che il livello sia di circa 4,34 milioni di metri cubi al giorno. Ciò corrisponde a 1,6 miliardi di metri cubi (bcm) su base annua ed equivale a circa lo 0,5% del fabbisogno di gas dell’UE.

Il flaring è stato segnalato per la prima volta in Finlandia, che confina con la Russia, all’inizio di questo mese.

READ  Shigellosi: diarrea sanguinolenta altamente contagiosa resistente agli antibiotici

Il professor Esa Vakkilainen della LUT University di Lappeenranta ha affermato che Gazprom potrebbe aver bruciato fino a $ 1.000 l’ora di gas negli ultimi due mesi poiché il flaring ha danneggiato l’atmosfera.

“Quindi è anche un grosso problema ambientale, specialmente per l’Artico, dove questa fuliggine sta sicuramente avendo un effetto sul riscaldamento globale”, ha detto.

Il presidente Vladimir Putin ha affermato che la Russia, il quarto produttore mondiale di gas serra, mirerà a essere carbon neutral entro il 2060, mentre l’UE e altri paesi hanno esortato Mosca a portare avanti l’obiettivo di “un decennio”. .

Gazprom ha ridotto la sua produzione di gas naturale di oltre il 13% a circa 275 miliardi di metri cubi tra l’inizio dell’anno e la metà di agosto. Le sue esportazioni di gas al di fuori dell’ex Unione Sovietica sono diminuite di oltre il 36% a 78,5 miliardi di metri cubi in mezzo alla situazione di stallo con l’Occidente sull’Ucraina.

Mentre la maggior parte degli esperti nazionali ha affermato che Gazprom potrebbe semplicemente chiudere i rubinetti per regolare la produzione, l’azienda deve comunque bruciare il gas in eccesso.

“Il flaring è un disastro ambientale che emette circa 9.000 tonnellate di CO2 ogni giorno”, ha affermato Rystad.

“Il bagliore è molto visibile, probabilmente indicando che il gas è pronto a fluire in Europa se le relazioni politiche amichevoli riprenderanno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *