scoperto un pianeta con due soli

scoperto un pianeta con due soli

E ciò che rende ancora più speciale questo pianeta simile a Tatooine è che un altro pianeta orbita attorno a queste due stelle. Ciò significa che questo pianeta simile a Tatooine fa parte di un sistema multiplanetario ed è qualcosa che non abbiamo visto molto spesso…

Lo scrivono i ricercatori sulla rivista astronomia naturale. Nella rivista annunciano la scoperta di BEBOP-1c. Il pianeta orbita attorno a due stelle. E forse ancora più sorprendente è che questo pianeta non è solo; un altro pianeta orbita attorno alle due stelle.

Caccia a Tatooine
Per molto tempo un pianeta con due soli è stata pura fantascienza. Letterale! Perché conoscevamo un pianeta del genere principalmente dal famoso Star Wars. In questa serie di film incontriamo Luke Skywalker che è cresciuto su Tatooine, un pianeta deserto con non una, ma due stelle genitoriali. Sebbene il pianeta sia nato interamente nel cervello del creatore George Lucas, la ricerca nel 2011 ha dimostrato che i pianeti con due soli esistono davvero. Poi i ricercatori hanno scoperto – per la prima volta! – a circa 200 anni luce dalla Terra su un pianeta in orbita attorno a due stelle. “Ciò che era fantascienza diventa realtà”, ha osservato all’epoca il ricercatore Alan Boss.

Due soli, due pianeti
Siamo ormai passati più di 10 anni e gli astronomi hanno già scoperto circa 12 sistemi in cui un pianeta orbita attorno a due stelle. Ma fino a poco tempo fa sapevamo solo di un sistema in cui non uno, ma diversi pianeti orbitano attorno a due stelle madri. Una nuova ricerca lo cambia; con la scoperta di BEBOP-1c, ora conosciamo un altro sistema con due stelle madri e due pianeti.

READ  SER indaga sul perché la salute dei poveri è peggiore - Kassa

Scoperta
Curiosamente, gli astronomi hanno fatto questa straordinaria scoperta più o meno per caso. In effetti, stavano progettando di condurre ulteriori ricerche su BEBOP-1b. Questo pianeta era già stato scoperto nello stesso sistema nel 2020 e quindi orbita anche attorno a due stelle madri. È stato il telescopio spaziale TESS a scoprire BEBOP-1b quando è passato ripetutamente davanti alla stella madre più luminosa, bloccando parte della luce stellare.

Massa
Dopo la scoperta di BEBOP-1b, i ricercatori sono riusciti rapidamente a determinare le dimensioni del pianeta. Ma gli scienziati non sono stati nemmeno in grado di stimare la massa del pianeta. Per provare a cambiare questo, gli scienziati si sono rivolti al cosiddetto metodo Doppler. Si tenta di determinare la massa di questo pianeta dai moti oscillatori della stella madre, causati dall’attrazione gravitazionale del pianeta sulla stella madre. Ma nel caso di BEBOP-1b, anche questo approccio non ha portato a una determinazione esatta della massa, ma ha portato alla scoperta di BEBOP-1c (la cui massa i ricercatori sono stati anche in grado di determinare direttamente).

Informazioni su BEBOP-1c
BEBOP-1c impiega 215 giorni per completare un’orbita delle due stelle madri ed è 65 volte più massiccia della Terra. “È cinque volte più leggero di Giove”, ha detto il ricercatore Matthew Standing. È naturalmente felice della scoperta. “Ad oggi, ci sono noti solo 12 sistemi in cui un pianeta orbita attorno a due stelle, e questo è solo il secondo sistema in cui più di un pianeta orbita attorno a due stelle”.

In questa fase non è da escludere che altri pianeti siano in attesa di essere scoperti nel sistema BEBOP-1. Sono necessarie ulteriori osservazioni per esplorare ulteriormente questa possibilità. Sono necessarie anche osservazioni di follow-up per determinare l’entità di BEBOP-1c. Inoltre, i ricercatori vogliono continuare a provare a determinare la massa di BEBOP-1b, che è ancora sconosciuta. Tuttavia, sulla base delle osservazioni che hanno portato accidentalmente alla scoperta di BEBOP-1c, i ricercatori possono concludere dove si trova il limite superiore per la massa di BEBOP-1b. E ne consegue che il pianeta ha una densità minore di un pan di spagna. Questo rende il pianeta molto speciale e invita il James Webb Space Telescope a dargli un’occhiata in più. Se ciò accadrà davvero, si potrà fare più chiarezza anche sulla composizione del pianeta e forse anche sull’ambiente in cui è nato.

READ  Apple Watch e salute: tutte le funzioni a colpo d'occhio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *