“Siamo diventati universalmente più gentili”

La pandemia ci ha reso infelici in molti modi, è stato dimostrato. Ma la crisi sanitaria ci ha reso più utili agli altri. Questo secondo il World Happiness Report. “Siamo diventati universalmente più gentili grazie a corona”.

Barbara Debusschere

I tempi bui ci rendono oscuri. Studi in patria e all’estero indicano che la pandemia ha aumentato lo stress, la depressione e altri problemi mentali, poiché il virus ci ha portato isolamento, paura per la nostra salute o quella degli altri, perdita dei normali rapporti di lavoro, ostilità e grande insicurezza per il futuro .

Tuttavia, si sono già visti effetti positivi. Divieti di viaggio, case di cultura chiuse e ristorazione e telelavoro, ad esempio, hanno anche ridotto la pressione per essere presenti e partecipare a tutto.

Un ampio sondaggio sulla felicità condotto su 9 milioni di persone in 150 paesi mostra come uno sviluppo positivo sia fortemente visibile in tutto il mondo: mentre molti potrebbero essere diventati noi stessi più infelici, la pandemia ci ha resi più gentili con gli altri.

Ciò è confermato dal World Happiness Report di recente pubblicazione. I ricercatori hanno analizzato i risultati di un sondaggio in cui le persone valutano la propria felicità su una scala da zero a dieci. I finlandesi sono i più felici, gli afgani i più felici.

Nel complesso, stiamo ancora lottando con sentimenti più negativi rispetto a prima della pandemia. Ma stanno diminuendo. I pannolini che erano dell’8% in più nel 2020 rispetto a prima della comparsa del virus sarebbero scesi al 3% nel 2021.

Dipendenti dell’organizzazione Vai a letto senza fame ad Hasselt.Statua Moa Karlberg

Secondo i ricercatori, questo potrebbe essere collegato al “notevole aumento della benevolenza”. Nel riassunto del loro rapporto, parlano addirittura di “una pandemia corona di gentilezza”. Concretamente, le persone hanno iniziato ad aiutare molto di più gli altri, facendo volontariato e donando in beneficenza.

non illogico

Il numero di persone che fanno ciascuna di queste tre cose è salito alle stelle durante la pandemia. Nel 2020 c’era già un aumento, l’anno scorso era più pronunciato. In totale, i ricercatori riscontrano un aumento di tutti e tre i tipi di comportamenti di “cura” di quasi un quarto nel 2021 rispetto al periodo 2017-2019, l’aumento più grande che hanno riscontrato in dieci anni di ricerca.

Questo aumento, particolarmente forte quando si tratta di aiutare gli altri, dimostra che le persone stanno rispondendo agli altri bisognosi, secondo il coautore dello studio John Helliwell (University of British Columbia).

“A prima vista, questo è davvero un risultato sorprendente”, risponde il professore olandese di felicità Ruut Veenhoven (Erasmus University). “Allo stesso tempo, non è illogico che ci sia più solidarietà in questa pandemia perché siamo tutti sulla stessa barca a causa della corona. Questo non è il caso dell’epidemia di AIDS, per esempio.

Helliwell e altri autori del World Happiness Report sottolineano anche che il trauma collettivo può effettivamente ispirare una maggiore bontà a livello individuale. Quando il disastro ha colpito nel 2020, tutti sono stati profondamente commossi dalla consapevolezza della nostra mortalità. “Ti sei reso conto che anche altre persone erano incarcerate, potresti aver vagato per il tuo quartiere più spesso vedendo estranei che avevano bisogno o offrivano aiuto”, dice Helliwell.

E poi può verificarsi una specie di effetto contagio. Più le persone mostrano bontà, ricevono o vedono se stesse, più anche gli altri sono incoraggiati a farlo e più ci sentiamo felici. Secondo gli autori, potrebbe darsi che le persone abbiano aiutato gli altri più spesso nel 2020, quindi questo comportamento è continuato ancora più fortemente nel 2021 e i sentimenti negativi nel complesso si sono indeboliti.

Perché è risaputo che quando vedi persone più simpatiche intorno a te, diventi più positivo riguardo al mondo e agli altri. E aumenta la nostra felicità. “Aiutare gli altri bisognosi non solo porta felicità a coloro che ricevono aiuto, ma fa anche sentire meglio coloro che aiutano e costituisce un esempio da seguire per gli altri”, ha affermato Helliwell.

Il banco alimentare di Zenith vzw ad Anversa.  Immagine Wouter Van Vooren

Il banco alimentare di Zenith vzw ad Anversa.Immagine Wouter Van Vooren

Nessuna spiegazione

Tuttavia, secondo il professore di psicologia sociale Alain Van Hiel (UGent), è dubbio che esista davvero una fonte universale di pura bontà. “È interessante che il comportamento prosociale sia aumentato così tanto in tutto il mondo. Tuttavia, non abbiamo ancora una spiegazione chiara per questo”, ha detto. “E oserei mettere in dubbio che ha solo a che fare con l’altruismo. Ad esempio, sappiamo dalla ricerca sulle motivazioni del volontariato che i vantaggi personali come una buona immagine e la possibilità di contatti interessanti vengono in assoluto prima e l’altruismo ultimo.

Ecco perché, secondo Van Hiel, è anche possibile che abbiamo aiutato di più gli altri durante la pandemia, perché ci fa sentire meglio con noi stessi. “È noto che aiutare gli altri migliora il tuo umore facendoti sentire necessario e una brava persona”, dice. “Certo, se i contatti e le attività sociali abituali scompaiono e ti senti depresso, aiutare estranei o partecipare a un’operazione di soccorso nella tua zona può essere la compensazione ideale per le connessioni perse che generalmente migliorano il tuo umore”.

Ad ogni modo, la domanda è se gran parte di tutta quella carineria rimarrà dopo la pandemia. “C’era già una tendenza di fondo verso una maggiore benevolenza, che è tipica delle società che diventano più complesse”, afferma Veenhoven. “Forse l’effetto corona darà una spinta a questa tendenza, ma è imprevedibile”.

READ  grandinate, forti venti e piogge torrenziali, rischio di tornado e inondazioni improvvise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.