“Sono europeo, mi piace guardare lontano”

“Sono europeo, mi piace guardare lontano”



Azienda

BACKGROUND – Al Boeren, Burgers en Buitenlui, parliamo con indigeni, importatori e idealisti della vita nell’Achterhoek. Si valuta e si fantastica e Marc Weikamp lo illustrerà, perché la regione è lì sotto i riflettori. Questa volta una conversazione con Sjef van Hoorn di Lochem, che da pensionato ama dare uno sguardo alla sua vita quotidiana, aprendo il suo cuore alle attività a Lochem e agli hobby che ha portato con sé dal suo paese preferito, l’Italia.

Di Josee Gruwel

“Ci andiamo per un po’?” chiede Sjef. “Certo.” Insieme camminiamo dalla sua casa nel centro di Lochem al porto turistico. Lungo la strada rimango stupito dal numero di persone che lo accolgono nelle vie dello shopping. Sjef è nato (1951) e cresciuto a Lochem, dove è stato funzionario municipale per 46 anni e, nella sua esperienza, è una persona molto gradita. “Mi piace contribuire alla comunità”, dice, “ma non sono una persona che frequenta appuntamenti, sono più un attore”. Da pensionato, va al porto tutti i giorni in bicicletta. “Mi sono preso la responsabilità di prendermi cura del suo ambiente, di mantenerlo in ordine”. Ha iniziato con una falce e un vecchio tosaerba di Marktplaats. Ora si occupa del miglioramento della biodiversità. Indica dove si prende cura delle piante lui stesso e spiega come ha sistemato il cestino. Ogni giorno parla ai visitatori: giovani, pescatori, skipper e anziani che apprezzano la tranquillità dell’acqua. Così ora. Sjef conosce i due uomini più anziani seduti lì. “Come stai?”

porzione
Sulla via del ritorno pensa un po’ di più: “Non puoi esprimere tutto in denaro. È volontariato, sono già ricco per poterlo fare. Dice che come volontario guida anche un risciò ogni martedì pomeriggio con due anziani con demenza. “Una volta ho guidato un risciò nel mezzo di Hanoi e Saigon, quindi avevo già esperienza quando l’ho iniziato”. Sjef sa che i suoi passeggeri si divertono e si divertono anche. “E quando i loro figli mi chiamano e mi ringraziano, mi sento ancora più ricco”.

READ  "Il vaccino? Uno zotico non lo farà mai. Basta terrore, pensiamo ad altri malati” - Corriere.it

Artigiani, ci ho messo sopra un cappello a cilindro

Arrivato nel luogo dove un tempo sorgevano circa duecento metri del canale cittadino, si ferma e ci racconta che il vecchio canale fu interrato negli anni della crisi del 1931 e che si impegnò per anni a restaurarlo – come iniziatore. Desidera ardentemente che questa guarigione avvenga di nuovo, è persino disposto a scavare con gli amici con le sue stesse mani. Sjef, l’uomo che era anche nell’organizzazione delle sale cinematografiche nell’Achterhoek e che era segretario del comitato di Cycling Tours Lochem, vorrebbe servire.

Storia
“Devi conoscere la mia storia per capirmi”, dice. La sua storia inizia con suo nonno, il suo padrino e il suo padrino. “Viene da Vianen a Lochem nel 1912 per diventare direttore della scuola cattolica. Per imparare il dialetto comprò il libro ‘Vertelsels oet den Achterhoek’ di Hendrik Odink. Come un gioiello prezioso, Sjef lo appoggia sul tavolo da giardino dove siamo seduti. “Da mio nonno, che ha tracciato la storia di Lochem con le foto, e mio padre, che era un avvocato e aiutava persone di ogni tipo, ho imparato a contribuire alla società. Ma parlando piatto? A casa non parlavamo dialetto, perché mia madre era una ragazza di città di Groningen. Quando l’ho provato al mio lavoro al municipio, i miei colleghi hanno detto: “Se vuoi parlare piatto, è meglio parlare olandese”. Sjef, non si sente proprio un Achterhoeker. “Sono europeo, mi piace guardare lontano”.

Italia, gelato e vino
Con la sua moto, una MotoGuzzi, Sjef si è messo in viaggio, lontano da casa. Ha dedicato il suo cuore all’Italia. Lì, ha sviluppato un fascino per la produzione artigianale di gelato e vino. “Artigiani, ho un tetto alto su questo. Ne ho conosciuti molti in Italia.

READ  La bici in TV 24 marzo 2022 | Corri in Italia, Spagna e Belgio!

Molti a Lochem e nell’area circostante conoscono Sjef come un uomo di gelato, camice bianco, cappello. Per 23 anni ha venduto con successo circa quattordici gusti di gelato, preparato nella sua cucina del gelato. “Ora che il corona è passato, me lo chiedono di nuovo, alle feste, nelle scuole, nelle case di riposo. È da godere. Vuoi assaggiare il gelato alla vaniglia? Poco dopo gustiamo il gelato, con fragole e panna montata.


Illustrazione: Marc Weikamp

8 volte 8erhoek con Sjef van Hoorn

Posto preferito ad Achterhoek:
“Il teatro all’aperto di Lochem, con la galleria addossata alla sponda del Paasberg. In gioventù, negli anni Sessanta, sono andato al club giovanile chiuso Eldorado. Potresti sempre andarci. Dal 1968 al 1986, il teatro ha avuto il suo periodo di massimo splendore con l’annuale festival pop il giorno dell’Ascensione. Molti grandi nomi sono venuti a Lochem.
In termini di natura, è bellissimo lì. Lo senti dagli artisti che vengono lì. Mi vanto sempre del teatro, anche perché mio nonno ha contribuito a crearlo.

La migliore compagnia/organizzazione ad Achterhoek:
“Vigneto ‘Um d’n Olden Smid’ a Velswijk, di cui Alma ten Bruin e Jan Jansen sono gli orgogliosi proprietari. Li ammiro perché loro e il loro team realizzano un prodotto fantastico attraverso il loro modo di potare, raccogliere e imbottigliare. Fanno la loro strada lì. Mi piace questo. Mi piacciono le persone che vanno comunque per la loro strada.

L’edificio più bello di Achterhoek:
“Il monumentale Sint Werenfriduskerk a Zieuwent, noto anche come ‘Cattedrale di Achterhoek’. Un edificio così imponente in una posizione così modesta è molto speciale.

READ  Trailer per la serie italiana Prime Video Bang Bang Baby

Achterhoeker che ispira:
“Nessuno in particolare. Chi mi ha ispirato viene principalmente dall’Italia.

Artista/artista preferito dell’Achterhoek:
“Il cantante e musicista dialettale di Lochem Jan Ottink. È attivo come solista e membro di una band da circa 45 anni. Divenne particolarmente famoso con la Jan Ottink Band. Ha scritto centinaia di canzoni in dialetto. A Lochem è stato coinvolto, tra l’altro, nella Lochem Pop Collective Foundation e ha partecipato a due grandi aperture stagionali del teatro. Conosco Jan Ottink da quando era ancora un educatore.

Il piatto/bevanda più gustoso di Achterhoek:
“Un vino di Achterhoek, ad esempio ‘Um d’n Olden Smid’ di Velswijk, ‘Wijngoed Kranenburg’ o ‘Wijngaard Hesselink’ di Winterswijk Henxel. I vini bianchi dell’Achterhoek in particolare non sono inferiori ai vini francesi!

La canzone più bella di Achterhoek:
“L’inno di Achterhoek della Hendrik Haverkamp Band. Pezzo di testo? Amo troppo il re per poter partire da qui. Senza esagerare, voglio sempre restare qui. L’Achterhoek, la mia patria.
Oh sì, e un’altra cosa: conosco Hendrik Haverkamp. Questo ragazzo è anche un motociclista.

Migliore frase:
“‘Puoi parlare piatto, non lasciare che sia.’ Penso che sia un detto saggio. Nel dipartimento degli affari civili del municipio, questo detto è stato applicato per rimuovere la barriera tra i dipendenti pubblici ei cittadini allo sportello.

Sei o conosci un buon candidato per questa sezione? Quindi segnalalo a [email protected]


Testa di corno. Foto: Josee Gruwel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *