sono i più vicini mai scoperti. A che distanza sono e cosa accadrebbe in caso di collisione?

Gli astronomi riferiscono che due enormi buchi neri si avvicinano e si fondono in un colossale abisso. Ad oggi, questi sono i buchi neri più vicini mai scoperti e la collisione sembra inevitabile.

I due buchi neri si trovano a 80 milioni di anni luce dalla terra, ma la distanza tra i due è di soli 1.600 anni luce. Medico Karina Voggel, dell’Università di Strasburgo ha detto: “Hanno meno separazione rispetto alle altre coppie di buchi neri che sono stati scoperti. Infine, si fonderanno in un gigantesco buco nero“.

Al momento della fusione, genereranno onde gravitazionali, o increspature spazio-temporali, come previsto dalla teoria della relatività di Albert Einstein.

Il più grande di due ha una massa 154 milioni di volte maggiore di quella del Sole.. I buchi neri si trovano al centro di un denso ammasso stellare, scoperto dal Telescopio molto grande (VLT) dell’ESO (Osservatorio spaziale europeo), basato in Cile.

“I due buchi neri sono in rotta di collisione e sono i più vicini mai scoperti: distano solo 1.600 anni luce”

I buchi neri possono essere di diverse dimensioni e si formano quando una grande stella collassa su se stessa alla fine del suo ciclo di vita. I buchi neri supermassicci sono i più grandi scoperti fino ad oggi, e aumentano la loro massa divorando materia e radiazioni, o forse fondendosi con altri buchi neri.

Queste entità sono estremamente difficili da osservare, perché la grande massa non permette di riflettere la luce. La dimensione della coppia di buchi neri è stata calcolata grazie all’attrazione gravitazionale osservata nelle stelle circostanti, e questo è stato possibile solo perché il sistema è molto vicino alla Terra.

READ  I ricercatori creano ragni con caratteristiche fisiche geneticamente modificate

Per identificarli, gli scienziati hanno dovuto usare a scannerizzare chiamato MUSE (Esploratore spettroscopico multiunità), montato sul telescopio. La scoperta ha confermato che altri buchi neri potrebbero essersi uniti o lo faranno in futuro.

Voggel ha aggiunto: “I nostri risultati implicano che potrebbero esserci molti altri resti di galassie come queste nell’Universo che nascondono enormi buchi neri al loro interno ancora in attesa di essere trovato. Ciò potrebbe aumentare del 30% il numero totale di buchi neri supermassicci conosciuti nel nostro Universo”.

Il Punto. Steffen Mieske, collaboratore del team che è venuto alla nuova scoperta, ha dichiarato: “La scoperta di questa coppia di buchi neri supermassicci Questo è solo l’inizio. Con l’attrezzatura HARMONI sull’ELT possiamo esplorare molto più lontano di adesso, e le possibilità di fare scoperte come questa aumentano. ESO ed ELT saranno cruciali in futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *