SpaceX promette di limitare ulteriormente le interferenze dei satelliti Starlink sull’astronomia – Professionista IT – Notizie

SpaceX ha firmato un accordo con la US National Science Foundation. Specifica che la compagnia di Elon Musk deve continuare i suoi sforzi per limitare il fastidio dei satelliti Starlink per le osservazioni astronomiche.

conforme l’accordo SpaceX promette di continuare i suoi sforzi per evitare che i satelliti Starlink diventino più luminosi della magnitudine 7, rendendoli invisibili ad occhio nudo. Questo non li rende “invisibili” alle osservazioni astronomiche, ma ne limita l’effetto. Vengono apportate alcune modifiche ai pannelli solari e viene applicata una nuova vernice nera.

Ciò dovrebbe contrastare ulteriormente il problema della riflessione della luce solare. Di conseguenza, i satelliti possono essere visibili come punti luminosi nel cielo, soprattutto perché sono posizionati in orbite relativamente basse attorno alla Terra. Ha già portato a questo in passato disturbi di osservazioni astronomiche e ci sono già stato diverse volte preoccuparsi della voce.

Le preoccupazioni non riguardano solo le osservazioni nella parte visibile dello spettro. Anche i radiotelescopi possono essere influenzati dai satelliti Starlink. Come parte dell’accordo, SpaceX accetta di non trasmettere segnali quando i satelliti sorvolano grandi radiotelescopi. Questo sembra essere limitato ai radiotelescopi statunitensi.

Si tratta di un accordo per la seconda generazione di satelliti Starlink. Il regolatore della Federal Communications Commission ha dato l’autorizzazione all’inizio di dicembre dello scorso anno lanciare 7.500 dei previsti 30.000 satelliti artificiali. L’attuale accordo di coordinamento con la National Science Foundation era una condizione della licenza FCC. Al di fuori di questo requisito di licenza, SpaceX non ha alcun obbligo di impegnarsi a ridurre l’impatto dei suoi satelliti Starlink sull’astronomia; non ci sono leggi o politiche che disciplinano questo settore.

READ  Covid, l'avvertimento del virologo: “Vaccinato? Potrebbero essere infettati. 2 casi su 3 della variante inglese "

Inoltre, c’è un’organizzazione che ritiene insufficienti la consultazione e il coordinamento. L’International Dark-Sky Association ha presentato una denuncia contro l’approvazione della FCC. Questa organizzazione ritiene che questa autorizzazione porti a effetti negativi per l’astronomia da parte di amatori e professionisti e sostiene che porti a una riduzione della capacità di sfruttare i cieli bui. Secondo l’International Dark-Sky Association, la FCC ha violato il National Environmental Policy Act concedendo la licenza a SpaceX. La FCC ha precedentemente stabilito che una valutazione ambientale ai sensi di questa legge statunitense non deve aver luogo perché le misure di mitigazione di SpaceX e l’accordo con la National Science Foundation sono sufficienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *